martedì, Giugno 25, 2024
HomeRubricheSurfCityStylise#SurfCityStyLise - Isola di Capri

#SurfCityStyLise – Isola di Capri

Capri è un’isola nel golfo di Napoli di origine carsica, nome deriverebbe dal greco kàpros dal latino capreae, capre. Capri presenta una struttura morfologica complessa, con cime di media altezza e vasti altopiani interni, tra cui il principale è quello detto di “Anacapri“. È al ventunesimo posto tra le isole italiane in ordine di grandezza. La costa è frastagliata con numerose grotte e cale.

Cosa visitare a Capri

  • I Faraglioni, tre piccoli isolotti rocciosi a poca distanza dalla riva che creano un effetto scenografico e paesaggistico; Stella per quello attaccato alla terraferma, Faraglione di Mezzo per quello frapposto agli altri due e Faraglione di Fuori (o Scopolo) per quello più lontano dall’isola. Giunti sul posto (previo pagamento di un altro biglietto) occorre passare sui tradizionali gozzi a remi che accompagnano i turisti nel blu di questo meraviglioso anfratto tutelato dal Ministero dei Beni Culturali
  • Grotta Azzurra la grotta più famosa del mondo
  • Una sosta in piazzetta centrale di Capri gode di un panorama straordinario incomparabile al mondo
  • Via Camerelle. Dal Quisisana a via Tragara, Camerelle è la strada dello shopping di Capri.
  • Giardini di Augusto. I Giardini di Augusto sono una tappa irrinunciabile per chiunque voglia uno foto con lo sfondo dei Faraglioni, i famosissimi scogli di Capri.
  • Belvedere Tragara. Via Tragara è il naturale proseguimento della passeggiata di via Camerelle. La strada termina con un stupendo belvedere che regala uno degli scorci più belli di Capri.
  • Villa Malaparte
  • Villa San Michele si trova ad Anacapri, a circa 300 metri sul livello del mare. Opera del medico svedese Axel Munthe, la villa da molti anni è adibita a museo. Museo che ospita moltissimi reperti di età romana (colonne, vasi, marmi ecc.)
  • Monte Solaro Con i suoi 589 metri sul livello del mare, Monte Solaro è la vetta più alta dell’isola. Il modo
    più semplice e comodo di arrivarci è la seggiovia che si trova in piazza Vittoria ad Anacapri.
    Il panorama abbraccia i due golfi di Napoli e Salerno, l’isola d’Ischia e, ça va sans dire, i
    mitici Faraglioni.
  • Cimitero acattolico. È dalla seconda metà dell’Ottocento che Capri è una località turistica di livello internazionale. Nel cimitero acattolico di Capri sono sepolte oggi 204 persone. Tra queste, lo scrittore inglese Norman Douglas, famoso per “Vento del Sud” (“South Wind” in inglese) romanzo del 1917 che ebbe vasta eco internazionale.

Cosa mangiare a Capri

  1. Ravioli capresi. Un piatto che non manca mai nei menù dei ristoranti di Capri. Sono ravioli ripieni di formaggio e maggiorana e serviti con sugo e basilico.
  2. Scialatielli alla Nerano. Spaghetti della tradizione del golfo di Napoli preparati con farina, formaggio e basilico fresco, cotti in un sugo di zucchine e formaggio.
  3. Totani con patate.
  4. Pesce all’acqua pazza. Il pesce non manca mai sulle tavole degli abitanti di Capri. La preparazione all’acqua pazza prevede la cottura con pomodorini e aglio. Si usano spesso saraghi, dentici, totani e pezzogne.
  5. Insalata caprese. Mozzarella, pomodoro, basilico e olio: semplice, gustosissimo e tipico.
  6. Torta alla caprese. Più che un piatto tipico, questa torta è un vero e proprio mito culinario di Capri. Qui, il cioccolato e le mandorle collaborano per la gioia del palato. Da assaporare assolutamente accompagnato da un bicchiere di limoncello.

Dove mangiare…

Dove dormire…

  • Hotel Quisisana
  • Villa La Pergola
  • Villa Mariuccia
  • Aldarogi
  • Hotel Villa Brunella
  • Casa Di Capri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read