mercoledì, Aprile 17, 2024
HomeFood e DrinkRistoranti d'autore"O' Naturel", il primo ristorante per nudisti nel cuore di Parigi

“O’ Naturel”, il primo ristorante per nudisti nel cuore di Parigi

Un ristorante nel cuore di Parigi in cui l’appendiabito ha la responsabilità di accogliere l’intero guardaroba; dal cappello ai calzini, il solo abito che si indossa è la disinvoltura di mangiare senza il rischio di macchiare la camicia.

La Francia si mette a nudo per lasciare il pieno protagonismo alle papille gustative.

Il naturalismo è, solitamente, praticato sulle spiagge per godere, in pieno, della brezza marina, in assenza di “orpelli” che si frappongano tra pelle e natura.

Niente vestiti e tanto buon cibo

Oggi “O’ Naturel” offre un’ulteriore opportunità di esprimere la libertà di liberarsi dei vestiti. Il primo ristorante per nudisti nel XII Arrondissement di Parigi.

Un locale intimo e “permeato” di un’atmosfera gioiosa e di “naturale” spontaneità in cui la privacy è tutelata da tendine coprenti sulle vetrate che si affacciano sulla strada.

Adamo ed Eva che decidono di rinunciare alla mela tentatrice per concedersi un intero menù di deliziose leccornie.

Un’atmosfera conviviale in piena libertà

La pagina facebook del ristorante vi invita “a degustare una cucina bistronomica raffinata in un contesto semplice e amichevole”.

Sottolinea la disponibilità di una cucina vegana assicurando “il piacere di cenare nudi tutto l’anno”, rispettando i valori condivisi dai naturisti e usufruendo di “un guardaroba a disposizione per permetterti di vivere questo momento in maniera discreta”.

Dal settore assicurativo a quello gastronomico

Probabilmente, annoiati da un lavoro poco creativo, i due fratelli gemelli, Mike e Stéphane Saada, hanno deciso di rivoluzionare la loro vita voltando completamente pagina.

Intraprendenti pionieri francesi di un’avventura senza precedenti se per non per l’esperienza londinese del 2016 conosciuta, dagli appassionati, come “The Bunyadi”.

Se qualcuno dovesse ancora avere delle resistenze, può sempre lasciare cravatta e calzino, rigorosamente, in tardo stile liberty, ma per questo occorre anche una buona carrellata di autoironia.

Must Read