MSC
Home Benessere Cosa mangiare quando le temperature sono di fuoco? Ecco la dieta "anti...

Cosa mangiare quando le temperature sono di fuoco? Ecco la dieta “anti caldo”

Quando le temperature sono molto elevate ed il caldo diventa quasi insopportabile è importante sapere cosa mangiare e quali sono i cibi che possono farci sentire un pò meglio.

Bere e mangiare correttamente contribuisce ad affrontare l’afa e a ridurre i rischi per la salute dovuti alle ondate di calore, in particolare la disidratazione.

In estate si perdono minerali con l’aumento della sudorazione e della traspirazione.

Per gli anziani è particolarmente importante bere, indipendentemente dallo stimolo della sete. I bambini devono bere di più. Moderare il consumo di bevande con zuccheri aggiunti.

Limitare il consumo di bevande moderatamente alcoliche come vino e birra. Evitare le bevande ad alto contenuto di alcol.

E soprattutto bere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno.

Rispettare quotidianamente il numero e gli orari dei pasti, soprattutto la prima colazione, che deve essere privilegiata rispetto agli altri pasti.

La prima colazione è il pasto più importante della giornata, arriva dopo il periodo di digiuno più lungo nell’arco delle 24 ore e fornisce il “carburante” per tutta la giornata. Non consumare un’adeguata prima colazione, inoltre, predispone ad una maggiore assunzione di calorie nelle ore successive.

Mangiare frutta e verdure fresche di stagione (400 g almeno al giorno).

Preferire lo yogurt senza zuccheri aggiunti. Insieme alla frutta, può diventare un ottimo spuntino.

Non trascurare la frutta secca (mandorle, noci ecc), ricca di grassi “buoni”, minerali e fibre, ma non esagerare, perché apporta calorie.

Preparare i piatti con fantasia, variando gli alimenti anche nei colori.
Privilegiare cibi freschi, facilmente digeribili e ricchi in acqua e completare il pasto con la frutta.

Consumare un gelato o un frullato può essere un’alternativa al pasto di metà giornata. Il gelato o il frullato al latte che sostituiscono il pasto vanno inquadrati nell’ambito dell’apporto nutrizionale giornaliero.

Evitare pasti completi con primo, secondo e contorno.

Consumare poco sale e preferire sale iodato.
La carenza di iodio è ancora un problema: la tiroide condiziona molte funzioni dell’organismo ed ha bisogno del giusto introito giornaliero, garantito dal consumo di soli 5 g di sale iodato. Per gli ipertesi può essere utile consumare sale iposodico o asodico.

Rispettare le modalità di conservazione degli alimenti.

Must Read

Lampone: uno degli alimenti più ricchi di nutrienti

I lamponi sono piccoli frutti di bosco dal colore rosso rubino e dal sapore dolce con una nota aspra, che apportano...

FROZEN YOGURT PESCHE E ALBICOCCHE – Ricetta

Un dolce buono, fresco e semplice da realizzare. Ingredienti  3 pesche 300 g di albicocche 500 g...

Cadere nel sonno: lo spasmo ipnico che non riusciamo a spiegare

Avere la sensazione di cadere mentre si sta dormendo? Sicuramente almeno una volta sarà capitato a tutti. Ma quali sono i motivi...

Si dà il via alla politica “no-smoke” sulle spiagge italiane

Dilaga la politica del "no-smoke" sulle spiagge italiane. Sulla scia di Porto Torres e di Stintino, numerose località aderiscono. Lo stop non...

Olimpiadi invernali 2026 in Italia: Milano e Cortina hanno vinto

a cura di Luigi Mastronunzio. Con 47 voti favorevoli contro i 34 della Svezia, l’Italia si è aggiudicata le olimpiadi invernali 2026...