venerdì, Luglio 19, 2024
HomeArte e CulturaDaniele Silvestri: un uomo con "La Terra sotto i piedi"

Daniele Silvestri: un uomo con “La Terra sotto i piedi”

Daniele Silvestri ha celebrato i suoi 25 anni di carriera musicale con un nuovo cd. Il nono se vogliamo essere precisi.

Un disco che racconta e descrive il legame indissolubile tra Silvestri e la dea Musica. Daniele Silvestri può essere definito un artista a 360°. Un cantautore che al giorno d’oggi riesce a convivere e a ritagliarsi sempre il suo angolino sopraelevato in un contesto musicale completamente differente dal suo ab origine.

“La terra sotto i piedi” è un lavoro complesso: quattordici pezzi praticamente uno diverso dall’altro per suoni e tematiche, frutto di una gestazione lunga e complicata che ha visto il cantautore confrontarsi con ben ventisette musicisti.

Testi elaborati con parole ricercate, mai banali. Silvestri nel comporre i suoi testi parte da una frase lanciata ex abrupto per poi costruire sopra il suo mondo musicale. Una frase che è più una sorta di dichiarazione di intenti atta a comporre la base musicale che lascia spazio alle parole, una volta aver disegnato i suoni.

Se tre anni fa con “Acrobati” Silvestri sperimentava la voglia di vestire i panni di funambolo per camminare sospeso a mezz’aria, con questo nuovo lavoro Silvestri dimostra di voler tornare ben saldo coi piedi per terra. L’artista analizza tematiche che, spaziando dalla politica all’attualità, finiscono per essere sapientemente amalgamate in un contenitore di stili e generi diversi, a testimonianza della ormai piena maturità artistica del cantautore romano.

TRACKLIST

01. Qualcosa cambia – (04:31)
02. Argentovivo – (05:03)
03. La cosa giusta – (03:43)
04. Complimenti ignoranti – (04:08)
05. Tutti matti – (04:42)
06. Concime – (05:22)
07. Scusate se non piango – (06:18)
08. Prima che – (04:04)
09. Blitz gerontoiatrico – (04:02)
10. La vita splendida del capitano – (03:00)
11. Rame – (05:13)
12. Tempi Modesti (feat. Davide Shorty) – (06:21)
13. L’ultimo desiderio – (04:49)
14. Il principe di fango (solo un lieto fine) – (06:49)

Must Read