lunedì, Giugno 17, 2024
HomeBeautySkincare 'fai da te': dai cubetti di ghiaccio all'acqua di riso, i...

Skincare ‘fai da te’: dai cubetti di ghiaccio all’acqua di riso, i beauty trend da evitare

Rimedi della nonna, beauty hacks di tendenza, ricette casalinghe: il fascino di ricorrere al ‘fai da te’ quando si tratta della cura della pelle è innegabile e, vuoi per testare i trucchi delle beauty guru del momento o vuoi per la (vana) speranza di creare in casa un trattamento antirughe economico, in molti si dilettano nella preparazione di maschere, scrub e altri rimedi di bellezza con ingredienti facilmente reperibili tra le mura domestiche. Ma ‘fatto in casa’ fa sempre rima con ‘benefico’ quando si parla di skincare? Per rispondere a questo e altri quesiti, MioDottore – piattaforma leader in Italia e nel mondo specializzata nella prenotazione online di visite mediche specialistiche e con medici di medicina generale e parte del gruppo DocPlanner – ha coinvolto uno dei suo esperti, il dottor Dario Dimauro, dermatologo e medico estetico, con l’obiettivo di sfatare i falsi miti più ricorrenti in merito agli ultimi trend di bellezza ‘fai da te’ e spiegare perché preparare una maschera per la pelle a casa può non essere sempre una buona idea.

I 7 trend di bellezza ‘fai da te’ da non provare sulla propria pelle, parola di dermatologo

Per evitare che la prossima beauty routine si riveli meno piacevole del previsto, il dermatologo Dimauro di MioDottore vuole far luce su 7 trend di bellezza diventati virali sui social media ma potenzialmente dannosi per la pelle.

  1. Skin Icing  Un rimedio della nonna riportato in auge da VIP e influencer prevede di massaggiare dei cubetti di ghiaccio sul viso, in modo che il freddo contragga il derma e doni una sensazione di lifting istantaneo. Non è però tutto oro quello che luccica: il ghiaccio ha sì un’azione vasocostrittrice e antiedemigena locale, ma occorre usarlo con cautela per non incappare in spiacevoli conseguenze. Evitare il contatto diretto con la cute e preferire trattamenti professionali di crioterapia sono due indicazioni da tenere a mente per chi vuole evitare rossori, capillari rotti o, addirittura, una vera e propria ustione da freddo.

  1. Slugging con vaselina – Lo slugging è tra gli ultimi trend lanciati dalle beauty guru e consiste nell’applicare sul viso un generoso strato di vaselina pura dopo la detersione. L’obiettivo? Ottenere un ‘effetto glow’ e una massima idratazione, sfruttando le capacità del prodotto di diminuire la perdita di acqua trans epidermica e di creare un film occlusivo sulla superficie della pelle. Il dermatologo però mette in guardia: sebbene la vaselina sia un prodotto clinicamente testato, quando viene usata su una pelle non adeguatamente detersa, seborroica o asfittica può risultare eccessivamente occlusivo e scatenare acne, oltre a dare origine a spiacevoli infiammazioni.

  1. Risciacquo con acqua di riso – Un antico rimedio nato in Giappone e tornato popolare per le sue presunte proprietà consiste nel risciacquare il viso con l’acqua di cottura del riso. Si crede, infatti, che questo rituale sia in grado di inibire l’attività dell’elastasi (un enzima che danneggia l’elastina) e, di conseguenza, contribuire a mantenere l’elasticità cutanea. Tuttavia, l’acqua di riso può rendere la pelle secca, con uno spiacevole effetto squamoso; non solo, se applicata erroneamente su di una ferita aperta può causare rossori e addirittura infezioni.

  1. Scrub ‘home made’ con bicarbonato e limone – Il limone è il ‘must have’ degli estimatori della skincare casalinga, ma anche l’incubo della maggior parte dei dermatologi. L’agrume ha infatti un pH molto acido, che può alterare il naturale equilibrio della pelle e intaccare la sua barriera protettiva, oltre a essere fotosensibilizzante. Inoltre, quando abbinato al bicarbonato, una soluzione altamente basica, è possibile che si verifichi un disequilibrio tra acido e basico, favorendo dermatiti irritative da contatto e la proliferazione di microrganismi dannosi, con il rischio di conseguenti infezioni.

  1. Albume d’uovo anti-imperfezioni – C’è chi combatte la lotta contro i (normalissimi) pori dilatati stendendo due o tre albumi sul viso fino a farli asciugare, in quanto si crede che gli amminoacidi contenuti nelle uova abbiano proprietà astringenti. In realtà, i tanto odiati pori sono essenziali per il naturale trofismo della pelle, poiché permettono di rilasciare il sebo, e provare a sconfiggerli con maschere a base di albume può rivelarsi dannoso. Non solo il rischio di possibili intossicazioni alimentari è dietro l’angolo se accidentalmente si ingerisce la sostanza, ma gli albumi possono anche favorire la comparsa di alcune sottopopolazioni di microrganismi nocive per la pelle e causare irritazioni e dermatiti.

  1. Olio di cocco come struccante – La buona riuscita di ogni skincare parte sempre da una detersione corretta, ma l’olio di cocco non è la risposta. La caratteristica principale di questo ingrediente è la sua consistenza oleosa, che lo rende capace di sciogliere il trucco. Eppure, l’effetto struccante non è garantito: a differenza dei prodotti cosmetici, nell’olio di cocco mancano tensioattivi e altre molecole anfipatiche capaci di “catturare” effettivamente tutti i residui di make-up. Inoltre, risulta particolarmente difficile da rimuovere e la tentazione di strofinare con vigore per eliminarlo può favorire nel tempo il formarsi di rughe. In ultimo, l’olio di cocco può risultare comedogenico per persone con pelli grasse o acneiche e, se a diretto contatto con gli occhi, può scatenare problemi oftalmologici.

  1. Fondi di caffè contro gli occhi stanchi – Il caffè è spesso usato in cosmesi per le note proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, ma anche in questo caso è bene evitare il ‘fai da te’ e preferire prodotti dermatologicamente testati a base di caffeina. L’applicazione dei fondi di caffè per combattere le borse sotto gli occhi può infatti risultare non solo una prassi inutile, ma può anche favorire la comparsa di fenomeni irritativi, soprattutto in una zona sensibile come il contorno occhi.

Non seguire sempre tutti i consigli delle beauty guru è il miglior consiglio per una pelle perfetta

La skincare sta vivendo un momento d’oro, complici anche i social media dove è semplice trovare tutorial, ricette ‘fai da te’ e recensioni di cosmetici. Ma tra tutti i beauty hacks che spopolano online, il vero trucco di bellezza è evitare i trend del momento. Come spiega il dermatologo di MioDottore prima di acquistare il nuovo prodotto all’ultima moda disponibile in commercio, il consiglio è di rivolgersi a uno specialista: ogni pelle ha caratteristiche ed esigenze differenti e spesso, presi dalla foga di seguire le tendenze, si rischia di abbinare nel modo errato i principi attivi, con conseguenti irritazioni, o di tardare la diagnosi di una patologia dermatologica che potrebbe essere curata con prodotti specifici designati”.

quando si sceglie il ‘fai da te’ l’eventualità in incappare in effetti indesiderati accresce, perché “a differenza dei prodotti cosmetici che subiscono sempre un attento controllo della qualità prima di arrivare tra gli scaffali, le preparazioni domestiche non vengono analizzate in alcun modo, in quanto si è portati a pensare che ‘naturale’ o ‘fatto in casa’ significhi anche ‘sano’ o ‘inerte’. Eppure, sono molte le sostanze con pH troppo acido o troppo basico che possono alterare l’equilibrio della pelle, comprometterne la capacità difensiva e la sua elasticità, oltre a favorire la comparsa di reazioni cutanee inattese”, sottolinea il dottor Dimauro. Nello specifico, è proprio con l’arrivo della bella stagione che occorre prestare maggiormente attenzione alla skincare casalinga, dato che “sono molto frequenti le fito-fotodermatiti, ossia dermatiti causate dalla cross-reazione tra gli estratti di piante considerate assolutamente innocue poiché assolutamente naturali, ma che, unite all’azione dei raggi ultravioletti, si rivelano altamente irritanti o addirittura allergizzanti.”

Del resto, nonostante le antiche e nuove ‘pozioni magiche’ che garantiscono una pelle da favola, preservare la salute e la bellezza cutanea non necessita di alcuna magia, bensì di “una detersione accurata e non aggressiva, una buona idratazione e foto-protezione, oltre a seguire un’alimentazione completa e bilanciata e abbracciare uno stile di vita sano”, conclude l’esperto di MioDottore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read