Riccardo Ciullini: “Da assistente alla balneazione al brand Prince of the sea”

0
865

Oggi per StyLise Fashion la storia di Riccardo Ciullini e del marchio ‘Prince of the sea’. Un racconto molto particolare che potrebbe essere un esempio per molti.

Riccardo, 54 anni, fiorentino D.O.C. ha avvertito la necessità di dare una svolta alla propria vita. Da assistente alla balneazione hai creato un suo brand.

Il Marlin: simbolo di Prince of the sea

Con una grande passione per il mare e con i ricordi d’infanzia evocati dal Romanzo di Ernest Hemingway “Il vecchio e il mare”, si fa la storia di Prince of the sea.

Il pesce Marlin che viene catturato, ha una notevole rilevanza nel romanzo. Nei suoi movimenti è calmo e infonde nel marinaio un senso di nobiltà. Il pesce lotta per la sopravvivenza così come Santiago. Il vecchio sembra scorgere un comportamento umano nel Marlin, ma alla fine sono la gerarchia naturale e la necessità del pescatore a prevalere.

I temi che sono alla base del suo brand sono gli stessi a cardine del romanzo.

  • Il coraggio e la tenacia dell’uomo;
  • La vita come sfida al destino
  • Il tema della fusione dell’uomo con la natura

Vedo il Marlin come il principe del mare che con la sua spada ci conduce e accompagna in una dura battaglia in favore di questo elemento così importante, per la sua difesa e il suo rispetto e garanzia per il futuro dell’umanità. La linea di abbigliamento di lusso per i materiali di alta qualità e il lavoro realizzato con competenza e maestria da artigiani italiani.” – racconta Riccardo.

Il brand per chi ama il mare

Prince of the Sea  propone abbigliamento lussuoso, e di qualità. Per la realizzazione, si avvale del lavoro di artigiani italiani specializzati. La produzione avviene solo su ordinazione. Il tempo dedicato alla cura dei dettagli è ciò che fa la differenza.

Riccardo vuole sottolineare la grande partecipazione degli amici, colleghi bagnini, istruttori di nuoto, atleti che hanno accolto con grande entusiasmo questa idea. Ma un ringraziamento particolare va al suo amico e socio, Alessandro, che ha avuto il coraggio di condividere questa speranza verso un futuro migliore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here