MSC
HomeTrendTecnologiaNostalgia della tecnologia del passato: torna nelle nostre case il Tamagotchi

Nostalgia della tecnologia del passato: torna nelle nostre case il Tamagotchi

Per i nostalgici degli anni 90 c’è una bella notizia: è pronto a tornare nelle nostre case il Tamagotchi. Alle generazioni più giovani questo nome non farà nessun effetto ma stiamo parlando di un vero e proprio fenomeno sociale esploso a metà anni 90.

23 anni dopo

Sono passati ben ventitrè anni dalla prima volta che il piccolo animaletto da crescere attraverso un giochino digitale è apparso sul mercato. C’è chi lo definì un vero e proprio aiuto per la crescita dei più giovani, un sostegno all’educazione e allo sviluppo della personalità. Troppe responsabilità forse affidate a quell’animaletto da crescere e accudire come una creatura vera.

Una volta acquistato l’uovo digitale ecco la scelta affidata al caso. Un pulcino, pesciolino, cane, gatto o addirittura draghetto. Il fato ti assegnava un esserino da crescere attraverso pappine, giochi per trastullarlo e cambi di pannolino. Il meccanismo poteva richiedere attenzione di notte o mentre eri a scuola a studiare. Il gioco del 1996 prodotto dalla Namco fece impazzire tutti e in ogni casa c’era un Tamagotchi da accudire.

Il ritorno

Pronto il ritorno per gli amanti del passato e per chi non ha mai avuto la possibilità di gestire e crescere un Tamagotchi. La tecnologia in pochi anni ha fatto passi da gigante e il gioco torna anche in versione app: si chiama Tamagotchi On ed è possibile connettere il proprio smartphone attraverso un’applicazione dedicata. La novità assoluta è che potrà avvenire un incontro tra i nostri animaletti in un mondo virtuale predisposto e sviluppare veri e propri rapporti che porteranno a matrimoni e figli.

Già annunciata la data di lancio del nuovo Tamagotchi che avrà lo stesso design di un tempo: negli Stati Uniti l’applicazione sarà distribuita il 28 luglio prossimo.

Must Read