MSC
Home Trend Tecnologia Tecnologia: l’importanza di difendersi dai video diffamatori

Tecnologia: l’importanza di difendersi dai video diffamatori

I video sono oggi tra i contenuti più diffusi sul web, per costruire l’immagine e la reputazione di un’azienda o un professionista. Si calcola infatti che nel 2022 ben l’82% del traffico web totale arriverà dallo streaming, download e diffusione dei video. A registrarlo un’analisi del Centro Studi di ReputationUP.

Il successo dei video è legato alla diffusione di Internet e dei social network, che sono cresciuti in maniera esponenziale negli ultimi anni.

Il volume di dati che viaggiano liberamente in rete non solo includono commenti o immagini, ma purtroppo anche video diffamatori che espongono ad un rischio molto alto se sono connessi ai mezzi digitali.

Video negativi e diffamatori: cosa fare?

Quando un video dal contenuto negativo diventa pubblico, l’aspetto più importante da considerare è la velocità con cui si può diffondere fino a diventare virale.

Di conseguenza, esso potrà compromettere l’immagine costruita negli anni da una persona fisica o giuridica fino al punto di danneggiarne la reputazione.

È evidente, quindi, che è necessario eliminare qualunque tipo di video abbia un contenuto diffamatorio.

Un contenuto negativo risulta essere fortemente penalizzante sia nel caso di un’azienda, nel momento in cui questa vorrà vendere un servizio o un prodotto, sia nel caso di un privato cittadino quando, per esempio, si troverà a dover compilare un curriculum.

“Sono molti i datori di lavoro che, prima di assumere qualcuno, passano al microscopio il web per controllare che il curriculum del candidato non abbia niente di compromettente da questo punto di vista. A quel punto anche un video ironico può diventare un ostacolo sul piano professionale”, spiega Andrea Baggio, CEO Europa di ReputationUP. 

“Quando arrivi a ricoprire determinate posizioni, poi, la tua vita e la tua reputazione vengono sottoposte a serrati controlli”, aggiunge Juan Ricardo Palacio, CEO America de ReputationUP. 

I video e la reputazione online

Alla luce di questo adottare un atteggiamento proattivo nella gestione della reputazione è diventata quindi una priorità.

Come si legge in un articolo di Forbes

“È importante conoscere alcune sfide nella gestione della reputazione per potersi preparare al meglio, soprattutto in un mondo in cui la tecnologia è in continua evoluzione”.

La soluzione per porre fine alla circolazione di video e recensioni negative o diffamatorie è affidarsi a professionisti del settore, come la stessa ReputationUP, specializzati in monitoraggio e gestione della reputazione online e nell’eliminazione di contenuti diffamatori, sia per enti governativi, quanto per imprese o privati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Lavoro, Orlando “Lo Stato non può risparmiare sulla sicurezza”

Firenze (Italpress) – “Non basta il cordoglio, non basta la vicinanza, non basta neanche l’indignazione. Occorre fare. Oggi ci siamo confrontati con tutti gli...

A marzo vendite al dettaglio stazionarie, forte crescita su anno

ROMA (ITALPRESS) – Per il complesso delle vendite al dettaglio a marzo l’Istat registra una sostanziale stazionarietà congiunturale. A ciò si...
video

Ue, nuove imprese in lieve calo

Eurostat ha stimato che nel quarto trimestre del 2020 il numero di registrazioni di nuove imprese nell’Unione europea ha subito una...
video

Bce, incertezza nel breve termine ma netto recupero nel 2021

Nel Bollettino mensile la Banca Centrale Europea evidenzia una ripresa della domanda globale nel 2021, nonostante la pandemia.
video

Via libera in Europa agli insetti da mangiare

I vermi della farina gialli essiccati arrivano sulle tavole degli europei. Gli Stati membri hanno approvato una proposta della Commissione europea...
video

Vaccino, Musumeci “In Sicilia da domani al via prenotazione 50enni”

"Abbiamo deciso di aprire da domani la prenotazione ai cittadini dai 50 anni in su. Vedremo se faremo dai 50enni in...

Il Sassuolo ferma l’Atalanta sull’1-1, Inter campione d’italia

PALERMO – L’Inter è campione d’Italia 2020/21. Grazie al successo di ieri a Crotone e il contemporaneo pari (1-1)dell’Atalanta a Reggio...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

La rinascita dei borghi tra storia, cultura e design

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Il crescente mercato del turismo sostenibile deve e può essere il valore aggiunto, la spinta...