MSC
Home Trend Svizzera, gallo condannato dal tribunale

Svizzera, gallo condannato dal tribunale

A causa dei rapporti di vicinato difficili alcune persone hanno fatto causa a un gallo e l’hanno vinta. Un tribunale svizzero ha infatti “condannato” un gallo perché con il suo classico “chicchirichì” infastidiva il vicinato. Residenti esasperati al punto da avere contato e registrato il verso dell’animale fino a 44 volte al giorno. Attraverso un’applicazione i vicini hanno scoperto che il livello del verso dell’animale raggiungeva gli 84 decibel, un picco decisamente troppo alto. Ai denuncianti la causa è costata 5200 franchi. Dopo la sentenza il gallo potrà vagare e cantare all’aperto tutti i giorni dalle 8 alle 22 in punto, mentre la domenica a partire dalle 9. Il resto del tempo il proprietario lo dovrà tenere al buio in una stalla chiusa e anche insonorizzata.

Must Read

Mercato nero di organi, baratti di vite, di anime e denaro intriso di sangue

Il mercato nero degli organi è una realtà quasi taciuta, sotterranea, ma particolarmente diffusa; i donatori "involontari" sono spesso bambini.

E’ iniziata l’ora X, Conte al Senato che farà chiarezza sulla crisi di governo

Le 15 di questo pomeriggio segnano l'ora X; il presidente del Consiglio Conte è già al suo posto: il Senato. Quel Senato...

Paul Kaptein, lo scultore del legno, tra materia, vuoto e potenziale

Paul Kaptein è un artista che scolpisce nel legno un'idea complessa; esprime il vuoto ed il potenziale trasformativo nella materia.

Artista scolpisce la vita negli alberi morti, l’arte nella foresta

Un artista giapponese restituisce la vita ai tronchi di alberi oramai morti; diventano graziosi animali della foresta e spopolano sui social.

Ansia da prestazione: un nemico sotto le lenzuola da mettere alla porta

L'ansia da prestazione è la chiave emblematica per riconoscere l'insicurezza che la alimenta; è possibile affrontare la difficoltà e risolverla.