MSC
Home Trend Eco e Design “Pazze ma belle”: le sculture ad “arte” più eccentriche del mondo...

“Pazze ma belle”: le sculture ad “arte” più eccentriche del mondo…

A cura dell’Arch. Marco Minichiello – Quando si dice che la “fantasia umana” sia davvero infinita, ben oltre i sentieri dell’immaginazione..

Ecco, “L’immaginazione” ,  facoltà dell’azione, e la “fantasia” ,  facoltà del possibile.

Nessun grande artista vede mai le cose come realmente sono, se lo facesse, cesserebbe di essere artista. (Oscar Wilde)

In tutto il mondo in lungo ed in largo viaggiando, si possono ammirare monumenti, statue e sculture, che arricchiscono luoghi, piazze pubbliche, musei di interesse.

Esistono però statue e sculture dove molti artisti hanno davvero raggiunto una spiccata immaginazione, che a volte supera se stessi..il proprio “io”, che possono lasciare senza parole, stupire, far riflettere e commuovere.

Il termine scultura e statua ( nel pensiero moderno) è la possibilità di un oggetto grezzo di essere trasformato in forme diverse , essere modellato, oppure  assemblato con diversi materiali, inseguendo la fantasia senza freni, senza alcun controllo; anche come gioco: di parole; di evasione spensierata.

Mentre materiali come il legno, la pietra, i metalli permettono di essere modellati scolpendo oppure intagliando, materiali come l’argilla invece consentono di modellare aggiungendo materia a quella di origine. 

Ecco alcune delle opere più bizzarre della scultura contemporanea nel sparse nel mondo.

Freedom – Philadelphia (Usa)

L’opera in bronzo di Zenos Frudakis è stata ispirata da una difficile situazione dell’autore stesso ed è un inno alla libertà conquistata, un traguardo da raggiungere.

Vaartkapoen – Bruxelles (Belgio)

L’opera del 1985 di Tom Frantzen raffigura un uomo mentre sbucando da un tombino fa inciampare un poliziotto. Vaartapoen significa “la canaglia del canale” e rappresenta lo spirito anarchico e ribelle degli anni 80 nella capitale belga.

L’appeso – Praga (Repubblica Ceca)

Nel centro storico della capitale Ceca una scultura eccentrica di David Cerny spiazza e turba i passanti. Si tratta della riproduzione di Sigmund Freud appesa a una trave e sospesa tra due palazzi. L’opera raffigura un dubbio, resistere o lasciarsi andare?

Pistola annodata – New York (Usa)

Lo scultore svedese Carl Fredrik Reuterswärd ha tratto ispirazione per questa opera dall’omicidio di John Lennon, onorando così la memoria del cantautore che in molti brani ha lanciato un messaggio di pace. Si trova nei giardini del Palazzo di Vetro dell’Onu, ma ne esistono 17 copie in varie città del mondo, tra cui Losanna, Città del Capo e Pechino.

Mustangs – Irving, Texas (Usa)

Questa è la scultura di bronzo più grande del mondo e raffigura nove cavalli selvaggi (Mustangs) che furono portati in Nord America dagli spagnoli durante il periodo delle conquiste. La scena molto realistica prevede anche gli schizzi d’acqua lasciati dagli zoccoli degli equini.

Les voyageurs – Marsiglia (Francia)

Una serie di opere realizzate in bronzo da Bruno Catalano sono sparse per Marsiglia. Ogni scultura però è priva di parti della figura come se si stessero volatizzando mentre sono alla ricerca della loro meta…

Scarpe lungo il Danubio – Budapest (Ungheria)

L’opera di Cam Togay e Gyula Pauer si trova sulla sponda del Danubio e offre un sentito omaggio alla memoria della Shoah. La scultura con 60 paia di scarpe in ghisa ricorda il massacro di ebrei ungheresi, uccisi e gettati nel fiume, dopo aver fatto togliere loro loro le calcature.

Sono diverse le città nel mondo che hanno ricevuto un nuovo colore, una nuova identità, da quest’arte stravagante, quasi a scacciare quel grigiore inesorabile dovuto dal tempo, tanto da regalare agli occhi di uno “spettatore” passante una emozione senza fine..

Must Read

I copriletto che trasformano i sogni dei vostri bimbi in realtà

Quando un bambino va a dormire sogna di essere un astronauta, un supereroe o una ballerina. Niente è impossibile nel sogno ma...

La casa in legno, da Leonardo da Vinci ai nostri Dì..

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Correva l'anno 1494 quando Leonardo da Vinci  progettò una casa mobile per il parco della duchessa...

Ad ogni sposa la sua acconciatura: tutte le tendenze del 2019

Lunghi, corti, raccolti o sciolti poco importa: l’acconciatura scelta nel giorno del matrimonio deve rappresentare la personalità della sposa.  Le acconciature...

Rinviata la vendita del Samsung Galaxy Fold: ecco i problemi del telefono che si piega

Doveva essere l'anno dell'assoluta novità nel campo della telefonia. Il Samsung Galaxy Fold, il telefono cellulare di nuova generazione che ha la...

Winnie the Pooh, zone d’ombra oltre i colori pastello

Ogni zona di luce accecante teme le tenebre. Il candore dai colori pastello di Winnie-the-Pooh  è tratteggiato da cornici di dolore che...