MSC
Home Arte e Cultura L'ossessione per gli smartphone tradotta in scultura, ad Amsterdam

L’ossessione per gli smartphone tradotta in scultura, ad Amsterdam

L’ossessione è una gabbia emotiva che ti costringe ad una feroce solitudine; immersi nel virtuale si diventa arte per gli altri, ma non per sé stessi.

Un’esperienza rischia di non essere reale se non immortalata con foto; e questo è tra i preliminari! Per essere vissuta con tutti i suoi “colori” va postata su un social. In base ai like che riceve può essere investita di emozioni di intensità variabile. A pochi metri di distanza, il contatto visivo è mediato da uno smartphone, come uno specchio, una barriera. Allora ci si presenta inviando una richiesta di amicizia senza porgere la mano, né concedendo un sorriso. Esistono le emoticon che traducono le emozioni limitandone ad uno smile stereotipato. E intanto, i nostri neuroni si assopiscono, le emozioni si appiattiscono. Tanti followers e pochissimi amici con cui prendere un caffè!

Un’ossessione per la tecnologia che si traduce in spazi sempre più ristretti di rapporti reali. Una condizione che preoccupa, non poco, i nostalgici dei rapporti reali e gli esperti della comunicazione.

Ossessione che ci condanna alla solitudine

Sono svariate le occasioni in cui artisti di ogni parte del mondo esprimono il malessere di questa società “liquida”. Una di queste è l’Amsterdam Light Festival, uno dei più grandi festival di luci in Europa che si svolge ogni anno dal 2012.

Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone

Andando in bicicletta al lavoro la mattina, vedo gente persa nella luce dei loro telefoni cellulari. Sulle panchine, sul tram, nei ristoranti, nessuno si parla più .

L’opera si può ammirare dinanzi all’Hermitage, ad Amsterdam.

Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone

Must Read

Sua Maestà la Regina Elisabetta parla alla Nazione

a cura di Elena Di Feo. La Regina Elisabetta parla alla Nazione, ormai dilaniata dalla Pandemia. La Regina...

Domani ultima puntata della serie di Rai1 “Bella da morire”

La mini-serie di Rai1 "Bella da morire" è giunta alla sua ultima puntata. Protagonista Cristiana Capotondi, nelle vesti di un ispettore di...

Promozione o no in Serie A per il Benevento Calcio, parla Vigorito a Sky

Le parole del Presidente Ciro Vigorito ieri a Sky Tg24 sulla situazione promozione e tagli stipendi. "Il Benevento ha...

Sharon Stone ed il videomessaggio alla Croce Rossa Italiana

Sharon Stone ha inviato un videomessaggio alla Croce Rossa Italiana. Palesemente emozionata e provata dalla situazione, l'attrice ha voluto esprimere la sua...

Buon compleanno Francesco De Gregori dalla tua Italia che “vive”

Francesco De Gregori, 69 anni compiuti oggi! Tra i cantautori più famosi e apprezzati del panorama musicale italiano. Un cantautore che parla...