MSC
Home Arte e Cultura L'ossessione per gli smartphone tradotta in scultura, ad Amsterdam

L’ossessione per gli smartphone tradotta in scultura, ad Amsterdam

L’ossessione è una gabbia emotiva che ti costringe ad una feroce solitudine; immersi nel virtuale si diventa arte per gli altri, ma non per sé stessi.

Un’esperienza rischia di non essere reale se non immortalata con foto; e questo è tra i preliminari! Per essere vissuta con tutti i suoi “colori” va postata su un social. In base ai like che riceve può essere investita di emozioni di intensità variabile. A pochi metri di distanza, il contatto visivo è mediato da uno smartphone, come uno specchio, una barriera. Allora ci si presenta inviando una richiesta di amicizia senza porgere la mano, né concedendo un sorriso. Esistono le emoticon che traducono le emozioni limitandone ad uno smile stereotipato. E intanto, i nostri neuroni si assopiscono, le emozioni si appiattiscono. Tanti followers e pochissimi amici con cui prendere un caffè!

Un’ossessione per la tecnologia che si traduce in spazi sempre più ristretti di rapporti reali. Una condizione che preoccupa, non poco, i nostalgici dei rapporti reali e gli esperti della comunicazione.

Ossessione che ci condanna alla solitudine

Sono svariate le occasioni in cui artisti di ogni parte del mondo esprimono il malessere di questa società “liquida”. Una di queste è l’Amsterdam Light Festival, uno dei più grandi festival di luci in Europa che si svolge ogni anno dal 2012.

Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone
Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone

Andando in bicicletta al lavoro la mattina, vedo gente persa nella luce dei loro telefoni cellulari. Sulle panchine, sul tram, nei ristoranti, nessuno si parla più .

L’opera si può ammirare dinanzi all’Hermitage, ad Amsterdam.

Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone

Must Read

Come il risparmio energetico incide sulla sostenibilità ambientale

Adottare atteggiamenti volti al risparmio energetico permette non solo di aiutare il pianeta, riducendo le emissioni di C02 ma garantisce inoltre un...

Covid, Letta “Il punto non è quando riaprire, ma come”

ROMA (ITALPRESS) – “Dobbiamo essere il partito dell’intelligenza collettiva, scommettiamo sul fatto che sia meglio della leadership carismatica individuale e i nostri circoli la...
video

Moratti “In Lombardia vaccinati oltre 600mila over 80”

"A oggi possiamo dire di avere vaccinato praticamente tutti gli over 80 che potevano spostarsi autonomamente, quindi oltre 600.000 persone". A dirlo la...
video

Acquaroli “Istituire zona economica speciale nell’area sisma”

L'istituzione di una zona economica speciale (ZES) nell'area del terremoto, esportare il modello "Legnini" per la ricostruzione all'interno del recovery plan e far...
video

Gelmini “Maggio sarà il mese della ripartenza”

"La priorità del Governo è mettere in sicurezza le persone anziani e fragili e qui nelle Marche si sta procedendo speditamente soprattutto rispetto...

‘Che coppia noi tre’, il nuovo show di Stefano De Martino, con Biagio Izzo e Paolantoni

In arrivo il nuovo show di Stefano De Martino, con una coppia di comici da morir dal ridere: Francesco Paolantoni e Biagio...

L’Atalanta espugna Firenze e si riprende il 4° posto

FIRENZE (ITALPRESS) – L’Atalanta soffre, ma vince 3-2, risponde al momentaneo sorpasso del Napoli e riacciuffa il quarto posto in classifica; alla Fiorentina non...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

La rinascita dei borghi tra storia, cultura e design

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Il crescente mercato del turismo sostenibile deve e può essere il valore aggiunto, la spinta...