MSC
HomeTrendLavoroCommercio elettronico, la geografia degli affari online in Europa

Commercio elettronico, la geografia degli affari online in Europa

Acquisti e vendite online fanno parte di una gran fetta dell’economia mondiale. L’ultimo rapporto sullo stato dell’e-commerce europeo, pubblicato dalla Ecommerce Foundation, svela tanti dati curiosi sul commercio elettronico europeo e traccia una vera e propria geografia degli acquisti online.

La maggior parte del commercio elettronico B2C è concentrato in Europa Occidentale

Gli europei occidentali sono i più abituati agli acquisti online, in quanto la maggior parte del commercio elettronico B2C è concentrata in questa regione. Chi sono gli europei che effettuano più acquisti? Gli svizzeri, gli inglesi, i danesi e gli olandesi, rispettivamente. L’88% dei consumatori svizzeri che utilizzano Internet hanno dichiarato di fare acquisti online almeno una volta l’anno, contro l’87% degli inglesi, l’86% dei danesi e l’84% degli olandesi.

Nel Nord Europa i consumatori spendono di più soldi online

Il Nord Europa non solo ha la più alta concentrazione di connessioni a Internet nel continente, con il 93%, ma è anche la regione in cui i consumatori tendono a spendere di più online, il che può essere spiegato dal maggior costo della vita in Scandinavia. Il consumatore scandinavo medio ha speso mediamente 2046 euro online lo scorso anno. L’Europa occidentale è al secondo posto, con una media di 1974 euro spesi per acquirente.

L’Europa dell’Est continua a preferire lo shopping in negozi “non virtuali”

L’altra faccia della moneta del commercio online rigurda il Kosovo e il Montenegro che risultano essere i paesi europei in cui è più probabile che la gente si astenga dall’acquistare online e si rechi invece in un negozio fisico. Il 55% dei kosovari preferisce lo shopping in negozio, così come il 52% degli acquirenti in Montenegro. Anche Romania, Cipro e Bulgaria hanno manifestato una preferenza per i negozi non online.

I polacchi hanno abbracciato lo shopping online come nessun altro

Dall’altra parte della barriera c’è la Polonia, dove solo il 2% dei consumatori che utilizzano Internet ha dichiarato di preferire gli acquisti nei negozi fisici. Seguono il Regno Unito, dove solo il 10% degli acquirenti si asterrebbe dagli acquisti online e i Paesi Bassi con un punto percentuale in più.

La sicurezza dei pagamenti è un problema per i portoghesi

Gli acquirenti portoghesi sono i più preoccupati per la sicurezza dei pagamenti: il 29% di loro ha citato questo come motivo per non fare acquisti online. I turchi sono al secondo posto, con un quarto dei consumatori che si sente sospettoso riguardo al pagamento online. Sono seguiti dagli ungheresi: il 20% dei consumatori che usano Internet in Ungheria si preoccupano della sicurezza quando pagano per un acquisto online.

Il fatturato del commercio elettronico B2C è in costante crescita in tutta Europa

Il fatturato europeo del commercio elettronico B2C dovrebbe crescere del 13,6% nel 2019, rispetto all’11,8% nel 2018 e al 13,9% nel 2017. Si prevede di raggiungere i 621 miliardi di euro nel 2019, in crescita rispetto ai 547 milioni di euro del 2018.

Must Read