MSC
HomeTrendDesignLa casa “mobile”... per abitare il mondo

La casa “mobile”… per abitare il mondo

A cura dell’Architetto Marco Minichiello – La prima cosa che viene in mente pensando a una casa mobile è un camper, una roulotte o un caravan. Esistono invece delle vere e proprie unità abitative dotate di tutti i comfort di una casa prefabbricata in legno, che sono montate su una sorta di carrello per essere trasportate agevolmente.

Le case mobili per qualcuno sono una vera e propria alternativa residenziale perchè in dimensioni ridotte sono concentrati tutti i servizi per una vita comoda e confortevole.

Il loro utilizzo

In Italia sono utilizzate per lo più come abitazione temporanea in ambito turistico, proprio perchè sono facilmente trasportabili e una volta posizionate diventano una casa a tutti gli effetti, con allacci rapidi, anche alla fognatura, impianti a norma e comfort  di ogni genere. Alcuni modelli hanno la possibilità di nascondere le ruote e di montare anche una veranda esterna rendendola così molto simili alle case fisse. Se posizionate in proprietà privata, possono essere utilizzate come residenza, ma questo non senza autorizzazione e permessi edilizi.

La struttura

La struttura di base per una casa mobile consiste nell’essere montata su ruote, tramite un  telaio metallico con forme e misure differenti, alloggiata su un assale  gommato munito di timone per traino. Su questa struttura viene costruito un basamento in legno che prevede tutti gli accorgimenti di sicurezza, resistenza, isolamento termico e acustico.

Le pareti verticali sono ben robuste con materiale isolante ed intercapedini per l’areazione. La copertura può essere di varie forme che spaziano da quella monofalda a quella a doppia falda, sempre adeguatamente strutturata ed isolata per un buona impermeabilità all’acqua e per un’ottima efficienza energetica.

Gli infissi sono a taglio termico, e vengono utilizzate anche barriere al vapore per evitare condense e muffe.

Nel mondo

In America questo tipo di abitazione si sta affermando rapidamente. Esiste addirittura un movimento, il Tiny House Moviment, che mostra proprio come case di legno mobili e di  piccole dimensioni possano offrire una nuova concezione di vita con attenzione per l’ambiente, alle energie rinnovabili e con la libertà, dove possibile di non restare ancorati in un luogo.

Certo non è un modo di vivere adatto a tutti ma si può sempre essere aperti a nuovi suggerimenti e aspetti che la tecnologia e il design offrono.

Impatto ambientale ed costi

Possiamo definirle vere e proprie case ecocompatibili, caratterizzate da un notevole risparmio sul consumo di energia a basso impatto ambientale,, con la possibilità di essere integrate con sistemi energetici, come fotovoltaico, solare e pompe di calore.

I tempi di costruzione sono molto ridotti, in meno di tre mesi si può diventare proprietari di una casa mobile. I costi di una casa mobile possono variare da 5.000 € a 40.000€. Esiste anche un mercato per reperire case mobili usate anche ristrutturate, per un notevole risparmio.

Normativa

La casa mobile in Italia deve rispettare alcune restrizioni, infatti il “rimorchio-casa” deve possedere una targa, essere omologato al trasporto ed avere una larghezza massima di 2,55 m.

Nonostante il susseguirsi di normative e di sentenze, riguardo il posizionamento della casa mobile, vale la disposizione del Testo Unico per l’Edilizia ( legge 380 del 2001).

Tale testo identifica come “interventi di nuova costruzione”, e dunque soggetti a titoli edilizi, anche “l’istallazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi  genere, quali roulottes, campers, case mobili, imbarcazioni, che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure come depositi, magazzini e simili, ad eccezione di quelli che siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee o siano ricompresi in strutture ricettive all’aperto per la sola sosta e il soggiorno di turisti, previamente autorizzate sotto il profilo urbanistico, edilizio e, ove previsto, paesaggistico, in conformità alle normative regionali di settore”.

La libertà è nell’espressione di potere abitare “il mondo”

Must Read