MSC
HomeTrendBreaking NewsIl giorno di San Patrizio: l’Irlanda, un monaco scozzese e litri di...

Il giorno di San Patrizio: l’Irlanda, un monaco scozzese e litri di birra!

A cura di Renato Spiniello – E’ patrono d’Irlanda, ha origini scozzesi ed è festeggiato alla grande con vestiti verdi e litri di birra in tutto il mondo. 112 milioni di persone solo negli Usa, ma la tradizione ultimamente sta contagiando anche l’Italia.

Stiamo parlando, ovviamente, di San Patrizio.

La storia

Maewyin Succat, questo il suo vero nome, ha vissuto tra il 385 e il 461. A 16 anni fu rapito da pirati irlandesi e venduto come schiavo a re Dalriada, sovrano di un regno che allora comprendeva parte della Scozia e dell’attuale Irlanda.

Fuggito dalla corte, il giovane si fece diacono col nome latino di Patrizio e divenne poi vescovo. A lui papa Celestino I affidò il compito di evangelizzare le terre irlandesi: il futuro santo lo svolse con grande impegno, favorendo la contaminazione tra elementi cristiani e celtici pagani.

E’ collegato anche al trifoglio, simbolo dell’Irlanda che utilizzò per spiegare agli irlandesi il dogma della Trinità (un unico Dio, in tre Persone e non tre Dio). Morì nel 461, il 17 marzo.

Mito e leggenda

Oltre al Trifoglio, sono tantissimi i miti e le leggende che ruotano attorno alla figura di San Patrizio. Il vescovo non fu il primo divulgatore del Cristianesimo in Irlanda, in quanto nel 431, prima del suo arrivo in Irlanda, aveva già mandato il vescovo Palladio a portare la fede cristiana nell’isola. Poi c’è la storia che vede il santo in terra d’Irlanda scacciare tutti i serpenti dall’isola. E’ vero che non ci sono serpenti in Irlanda, ma dipende dal fatto che l’isola dopo le glaciazioni è rimasta a lungo coperta dalle acque e la specie non ha trovato un ambiente adatto. Poi, ovviamente, ci sono le storie del Pozzo di San Patrizio e del Biancospino, pianta che fiorisce d’inverno perché il santo gli mise ad asciugare il suo mantello sopra dopo averlo utilizzato per attraversare un fiume.

Festeggiamenti

Nella Repubblica d’Irlanda è festa nazionale, ma ci sono festeggiamenti anche nell’Irlanda del Nord, in Canada, negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Australia e in Nuova Zelanda. È patrono anche della Nigeria, dell’isola di Montserrat e degli ingegneri.

In suo onore si versano fiumi di birra, 6 milioni in una giornata gridando sláinte (salute) per festeggiare anche la deroga all’astensione quaresimale nel giorno del santo. Si usano anche metri di stoffa, verde ovviamente, in tutto il mondo.

Poi ovviamente ci sono le parate: la più importante è quella di Dublino, seguita da Montreal, che ha un trifoglio nella propria bandiera, e poi da quelle degli Stati Uniti a New York (la parata è lungo la quinta strada dalla 44esima all’88esima), Boston, di entrambe le città è patrono, e Chicago (il fiume diventa verde dal 1961 senza danni per l’ambiente assicurano) dove ci sono le più grandi comunità di immigrati irlandesi.

La prima parata risale al 17 marzo 1762, quando i soldati inglesi che servivano per l’esercito britannico marciarono a New York.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read