MSC
Home Trend Eco e Design Biopiscine, soluzione ecologica agli svantaggi del cloro

Biopiscine, soluzione ecologica agli svantaggi del cloro

Biopiscine, soluzione ecologica senza cloro e altri solventi chimici. Utilizzano sistemi di filtraggio e purificazione dell’acqua interamente naturali.

Immersi nella natura, in un ecosistema naturale in cui un’installazione realizzata dall’uomo si adagia in un habitat senza alcuna adulterazione.

In molti casi, la mano dell’uomo predispone una serie di elementi sottratti alla natura per un arredo che imita un Eden terrestre.

Immaginiamoci a galleggiare in un piccolo paradiso personale, senza particolare ressa, fusi con un cielo terso, complice dell’ambito relax.

Un vantaggio non indifferente se si pensa alla totale assenza di cloro e a tutte le sue conseguenze “moleste”. Un’alternativa alla classica piscina più attenta alle esigenze di salute del nostro organismo.

Gli svantaggi del cloro

Il cloro, la sostanza chimica più comunemente utilizzata in polvere granulare o in pastiglie nella depurazione dell’acqua, in disinfettanti e candeggianti. Nonostante la sua indiscussa utilità può causare effetti indesiderati sul nostro corpo, tra cui:

  • Invecchiamento e secchezza della pelle;
  • Formazione di rughe più marcate nei soggetti più sensibili;
  • Alterazione del pH della pelle con il manifestarsi di eruzioni cutanee ed eritemi;
  • Indebolimento e perdita di brillantezza dei capelli. Il cloro quindi riduce il film idrolipidico dei capelli privandoli della loro naturale protezione contro le aggressioni esterne;
  • Alterazioni della flora batterica;
  • Problemi respiratori e irritazione degli occhi, prurito, specialmente a soggetti già predisposti.

Eden terrestri

Un trend che origina dal Nord Europa, una rivisitazione ecosostenibile della classica piscina che prevede il trattamento delle acque attraverso il metodo dellafitodepurazione.

E’ un processo naturale di depurazione delle acque reflue, che ricorre alle piante acquatiche che fungono da filtri biologici. Ne consegue la riduzione “naturale” delle sostanze inquinanti presenti nel corpo idrico, in azione sinergica con i batteri nitrificanti.

Una sorta di ecosistema acquatico in grado di filtrare l’acqua dai batteri e di depurarla “naturalmente”.

Biopiscine: gli alleati della fitodepurazione

La migliore alleata per un bagno a prova di “salute” è la flora tipica degli ambienti paludosi; crescono e si diffondono, spontaneamente, sulle sponde dei bacini acquatici di acqua dolce. 

Producono ossigeno promuovendo, così, un’intensa attività fitodepurativa in azione sinergica coi batteri nitrificanti.

Risultano, persino, efficaci nel caso di acque inquinate da residui domestici, zootecnici o industriali attraverso la loro purificazione e rimineralizzazione.

Tuttavia, occorre che temperatura dell’acqua non sia troppo elevata onde evitare la proliferazione di batteri nocivi che risulta, comunque, ridotta rispetto ad altri metodi di purificazione.

Biopiscine: rapporto costo/benefici

L’emergente tecnologia delle biopiscine ha costi piuttosto bassi sia rispetto all’installazione che la manutenzione dell’ecosistema.

Oltre a vantare un basso impatto ambientale, non necessitano di alcun investimento per il trattamento chimico delle acque.

Ulteriore vantaggio ambientale ed economico è nel riciclaggio dell’acqua con un conseguente risparmio idrico.

Un inconveniente è dato da tempi più lunghi nel raggiungimento della piena efficacia del sistema di depurazione; in principio, la presenza di alghe può favorire un colore verdastro che non risulta particolarmente invitante.

Il graduale adattamento delle piante, aumenta il potere filtrante e l’acqua si fa sempre più cristallina.

Le pareti in materiali “stabili”, quali PVC, ed un sistema efficiente di filtraggio eludono un potenziale “ristagno” e il sollevarsi di fanghiglia nell’acqua.

Biopiscine: i sistemi di filtraggio

I filtri naturali e gli stagni di rigenerazione non utilizzano alcun prodotto chimico.

Gran parte dei sistemi di filtraggio ricorrono ad uno strato di sabbia capace di drenare e filtrare ogni impurità restituendo acqua pulita e sanificata.

Utile prevedere un’area separata in cui nuotare da quella in cui si predispongono le piante acquatiche che filtrano e puliscono le acque.

Una piccola cascata, oltre a migliorarne l’estetica, può contribuire al ricircolo delle acque.

Biopiscine: i metodi naturali di filtraggio e purificazione dell’acqua


Muschio Sphagnum moss

Un’ulteriore tecnica di filtrazione delle acque è basata sull’utilizzo di una particolare varietà di muschio. E’ lo Sphagnum moss con spiccate proprietà batteriostatiche che già nel Medioevo era utilizzato per la cura di ferite e malattie della pelle.

Adatto anche all’uso privato, funziona come una sorta di bustina da te, collocato in una camera di contatto posizionata nella vasca; al contatto con l’acqua ne migliora la qualità riducendo notevolmente la carica batterica, stabilizza l’alcalinità e il PH dell’acqua, sequestra i metalli e previene la formazione di incrostazioni e macchie sulle superfici.

Dopo i consigli tecnici, StyLise vi propone di sperimentare i benefici delle biopiscine, consapevoli del rischio di sviluppare una dipendenza da relax.

Must Read

Svizzera, gallo condannato dal tribunale

A causa dei rapporti di vicinato difficili alcune persone hanno fatto causa a un gallo e l'hanno vinta. Un tribunale svizzero ha...

Il regime delle agevolazioni fiscali sulla prima casa

Il momento dell'acquisto della prima casa è molto importante. Gli oneri fiscali che gravano al momento dell'acquisto di...

In ricordo dell’intramontabile Andrea Camilleri: grazie

Solo uno scrittore A cura di Monica Cecere. Se Andrea Camilleri fosse stato solo uno scrittore – di successo certo...

Il ritorno di Gossip Girl, alla scoperta del nuovo cast

"Buongiorno Upper East Side, sono Gossip Girl e devo darvi una notizia sensazionale" Da un paio di giorni si...

I 50 anni dell’uomo sulla Luna: il ricordo di un pezzo di storia

A cinquant'anni dal primo atterraggio sulla Luna. Armstrong fu il primo-grande uomo a compiere il primo-grande passo dell’umanità, posando il piede sulla...