MSC
Home Trend Design Carta da parati: cambiare look alla casa in poche mosse

Carta da parati: cambiare look alla casa in poche mosse

Carta da parati: un elemento di stile

Un vero e proprio elemento di stile la carta da parati: usata con fantasia può rendere un ambiente unico. I pregi di questa soluzione sono diversi, si tratta di un prodotto versatile, pratico ed economico.

Se avete una buona dimestichezza con il fai da te non sarà un problema applicarla correttamente; divertitevi a scegliere le fantasie e ad armonizzarle con l’arredamento per regalare quel tocco  personale alla vostra casa.

Un po’ di storia della carta da parati

La  carta da parati è un rivestimento per superfici verticali, più spesso utilizzata a parete, ma non solo. La storia della carta da parati si perde nel tempo,  tra il ‘500 e il ‘600; ed  è una evoluzione dell’arte di rivestire e abbellire le  pareti, prima con dipinti, poi con tessuti pregiati e arazzi; e successivamente compare un prodotto più economico su carta.  Il successo è talmente veloce, che nel ‘700  tutta l’Europa è innamorata; ma la carta da parati rimane comunque un bene di lusso, almeno fino alla rivoluzione industriale; quando si incomincia a stampare carta da parati  in rotativa e ad abbattere i costi. Ed è il boom! 

Le fabbriche europee si sbizzarriscono e stampano una profusione di paesaggi, motivi floreali, decori botanici,  damaschi, geometrici; che vanno ad abbellire gli interni e, a volte, anche qualche esterno, come succede per lo strabiliante pallone volante dei fratelli Mongolfier.  Sarà però nel dopoguerra che la carta da parati entrerà anche nelle case delle famiglie con grande preponderanza.

All’inizio della sua vita,  la carta da parati, era carta dipinta a mano.  Poi con l’avvento delle tecniche di stampa, ha cominciato ad essere stampata e dipinta. Spesso veniva prima stampata in bianco e nero o con pochi colori e successivamente era abbellita e rifinita a mano. 

Dagli anni ’60 al boom degli anni ’80/’90

La produzione di carta da parati in Italia è da sempre un prodotto di grande qualità. Negli anni sessanta ha il suo periodo d’oro, poi si arresta e rimane un rivestimento di nicchia. I veri amanti della carta da parati non smettono però mai di amarla; e le produzioni iniziano quindi ad investire per renderla sempre più bella e sempre più performante. 

Dato che oggi viene utilizzata molto negli hotel e nei negozi, con le normative di sicurezza diventa un prodotto facilmente lavabile e resistente al fuoco; ed ecco che si fa sempre più strada la carta da parati vinilica e ignifuga. Diventando resistente al fuoco, negli anni ’80,  si incomincia a utilizzarla in cucina e poi anche nei bagni, perché lavabile.  

Tra gli anni ’70 e gli anni ’90 aumenta la richiesta di rivestimenti murali in rilievo, più materici; per cui la carta da parati diventa sempre più tattile, con lavorazioni in grado di coprire bene anche i muri vecchi e non lisci.  Effetti tessuto,  spatolati veneziani,  disegni tipo canapone sono i più venduti in questo periodo; e anche  la carta da parati in vinilico espanso è perfetta per coprire le imperfezioni. Più è strutturata e più rilievo presenta,  maggiore è il suo potere coprente.  Così si incomincia ad utilizzarla anche per i soffitti; per rinnovare, per coibentare e la carta da parati esce da un semplice discorso decorativo, per diventare un prodotto che risolve dei problemi.  

Tanti materiali e strati

La carta da parati in sola carta, diventa un prodotto molto di nicchia,  sempre meno utilizzato perché si preferisce la carta da parati vinilica. Le nuove produzioni sono eseguite su un supporto in TNT (tessuto non tessuto) e superfici viniliche.  Sul mercato arrivano nuove macchine, il personale diventa sempre più qualificato;  il design italiano è sempre più amato all’estero… unendo tutto questo, la carta da parti italiana diventa un prodotto artistico; realizzato con grande capacità tecnica, che oggi è riconosciuto in tutto il mondo. 


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

A Misano Bagnaia concede il bis davanti a Quartararo, 3° Bastianini

MISANO ADRIATICO (ITALPRESS) – Francesco Bagnaia concede il bis nel GP di San Marino. Dopo la prima vittoria in MotoGP ad Aragon, ‘Peccò va...

Salvini “Autonomia la porteremo a casa con prossimo Governo”

ROMA (ITALPRESS) – “La porteremo a casa l’autonomia con il prossimo Governo di centrodestra, perchè farla con Pd e M5S sarebbe un eccesso di...

La Samp vince 3-0 a Empoli, doppietta per l’ex Caputo

Nel segno di Ciccio Caputo. Prima vittoria in campionato per la Sampdoria, che espugna il ‘Castellani' di Empoli per 3-0 grazie alla...

Il “chakra della corona” da bere, per scavare nel proprio io…

Il drink ideato da Giuseppe Marzovilla - proprietario e bartender del ParlaPiano Bistrot di Mola di Bari - prende il nome di Sahasrara e si ispira al...

Risotto con fonduta di caciocavallo, guanciale e fiori di zucca

Il risotto è un piatto che mette un po' tutti d'accordo nel gustarlo, un po' meno nel prepararlo. Il realtà è molto...

L’intramontabile Grace Kelly: il suo ricordo a 39 anni dalla sua scomparsa

Nata negli Stati Uniti nel 1929, Grace Kelly apparteneva a una delle famiglie più in vista di Filadelfia. Un vantaggio, però, di...
video

Cingolani: “Chi si oppone alla transizione energetica fa un danno pazzesco”

Cingolani: “Chi si oppone alla transizione energetica fa un danno pazzesco”. “Chi si oppone alla transizione energetica sta facendo un danno pazzesco...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

La rinascita dei borghi tra storia, cultura e design

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Il crescente mercato del turismo sostenibile deve e può essere il valore aggiunto, la spinta...