HomeTrendBreaking NewsPappagallo in "manette" perché complice di uno spacciatore

Pappagallo in “manette” perché complice di uno spacciatore

Un palo che non tradisce, ma che si fa notare e che oggi fa scalpore.

Un pappagallo!

E non è un epiteto per chi ripete, senza elaborazione alcuna, il pensiero altrui.

Un pappagallo in becco e piume, il più affascinante fuorilegge della storia.
Complice di uno spacciatore brasiliano. aveva imparato a segnalare l’irruzione delle forze dell’ordine.

Immaginate: una voce inconfondibile da una fonte inaspettata! E la reazione dei segnalati quale potrebbe essere? Iniziale sgomento, quell’attimo di pausa che concederebbe tutto il tempo necessario al suo complice per “involarsi”.

“Mamma, la polizia!”

E la missione, in cui i gendarmi erano impegnati da mesi, ha rischiato di fallire per un volatile!

Addestrato alla perfezione e fedele alla sua missione, non ha proferito parola, nonostante sia stato interrogato per ore.

Agli arresti domiciliari …


Secondo la rete televisiva brasiliana, Globo, il “papagaio do tráfico” sarà affidato ad uno zoo locale allo scopo di rendergli la libertà dopo aver imparato ad usare le ali.

Si vocifera che oltre la siepe, protetta dall’ombra, ci sia una folta coda di trafficanti, ognuno pronto con un’offerta vantaggiosa per il palo esperto!

Il pappagallo valuterà attentamente ogni proposta di lavoro. Chi più di lui ha un curriculum così convincente?! Ma questa è un’informazione top-secret…acqua in bocca, anzi, becco chiuso!

Must Read