MSC
Home Travel Miniera di Sale di Wieliczka, la suggestiva Cattedrale Sotterranea polacca

Miniera di Sale di Wieliczka, la suggestiva Cattedrale Sotterranea polacca

La Miniera di Sale di Wieliczka, un suggestivo incontro tra natura, fede e operato umano. E’ una Cattedrale Sotterranea che può essere ammirata in Polonia.

Il sale è un elemento che Madre Natura elargisce affinchè se ne faccia largo utilizzo, soprattutto nella conservazione del cibo. La sua utilità è nota sin dalla notte dei tempi e per questo “materia prima” fonte di commercio e di movimenti “economici”. Esistono e sono tutt’ora visitabili, svariate saline di gran valore storico-culturale, attorno alle quali si costruiva la vita di svariate popolazioni.

La miniera di sale di Wieliczka

La miniera di sale di Wieliczka, nella Polonia meridionale, si sottrae allo sguardo di chi resta in superfice; è un regno sotterraneo di straordinario fascino che non rinuncia a quella “patina” di mistero per l’atmostera soffusa e le suggestioni storiche e spirituali. Si snoda tra grotte, pozzi, camere e lunghi cunicoli. E’ nota la sua “vertiginosa” attività sin dall’epoca medievale, ed è rimasta attiva fino al 1996.

Conosciuta anche come Cattedrale sotterranea del sale della Polonia, la miniera, una delle più antiche del mondo, è patrimonio dell’UNESCO dal 1978.

Una miniera di tesori

Il sale grigiastro di Wieliczka fu scoperto nel 13° secolo, quando furono scavati i primi pozzi. La miniera si realizza su ben nove livelli con una profondità di 327 metri e tunnel che si estendono per quasi 300 chilometri.

L’ambiente è vario sia nell’aspetto che nelle funzioni; si osservamo antri, sale espositive, chiese e cappelle, un lago, e perfino una stazione termale predisposta alla cura di patologie allergiche e respiratorie.

Nel percorso, attualmente aperto al pubblico, lungo 3,5 chilometri, ci si imbatte in vere e proprie opere d’arte realizzate dai minatori con la roccia e i cristalli di sale nel corso dei secoli.

Cappella del Re Beato

La cappella del Re Beato, tra le “aperture” più affascinanti, si trova a 101 metri sotto la superficie della terra, e misura 50 metri di lunghezza, 15 di larghezza e 12 di altezza.

Dal 13° secolo fino al 1945 la miniera fu gestita, insieme a quella di Bochnia, da una società di estrazione sali ad opera della corona polacca, la Żupy krakowskie. Una realtà che rappresentò gran parte della fonte di reddito del regno, oltre ad essere una delle più grandi aziende al mondo in questo settore.

Oggi, il castello che ospitava la società è la sede di un Museo –Muzeum Żup Krakowskich Wieliczka; luogo elettivo delle testimonianze del passato che si concretizzano in collezione di saliere di diverse epoche, in svariati materiali, come legno, argento e vetro. Ancora, si ammirano i diversi macchinari, che attraverso i secoli, hanno consentito di alleggerire il lavoro dei minatori.

Durante la seconda guerra mondiale, i tedeschi occuparono Wieliszka, e molti ebrei internati nei campi di lavoro polacchi furono impiegati nella miniera, trasformata in una fabbrica di armamenti. L’avanzata sovietica impedì ai tedeschi di iniziare la produzione, e dopo la guerra la miniera riprese la sua normale attività di estrazione del sale.

La miniera è uno dei monumenti storici nazionali ufficiali della Polonia, visitato da oltre un milione di visitatori ogni anno.

Antico sistema estrattivo ricostruito nel museo, ove si vedono due operai che sollevano un blocco di sale

Must Read

Operaio licenziato per aver ceduto i buoni pasto ad un collega in difficoltà

Un operaio dal cuore d'oro che non tentenna di fronte ad un collega in evidente difficoltà economica; gli cede i suoi buoni...

“Reputazione” ripulita con il Diritto all’Oblio, è “boom” tra i politici

"Reputazione ripulita" è una "manovra" tutta "social" che sembra essere impellente tra i politici che ricorrono al cosiddetto "diritto all'oblio".

Sabato 29 Febbraio Enzo Costanza e Lisa Minichiello ospiti al “Caffè di Rai1”

Enzo Costanza e Lisa Minichiello saranno protagonisti della trasmissione "Il caffè di RaiUno" in onda sabato 29 Febbraio su...

Phoenix salva un vitellino e la sua mamma dal macello, il giorno dopo il suo Oscar

Joaquin Phoenix vince un Oscar per il suo talento e nessuno lo premia per il suo buon cuore. Il giorno dopo la...

Sgambetto “spaccatesta”, l’ultima pericolosa moda di Tik Tok

Sgambetto "spaccatesta", un allarme made in "Tik Tok" che ha invaso anche il nostro Paese. Uno "scherzetto", diffuso dai social, che miete...