MSC
Home Travel I corvi guardiani della Torre di Londra, tra superstizione e storia

I corvi guardiani della Torre di Londra, tra superstizione e storia

Esistono luoghi fisici che oltre ad impegnare un punto preciso nella mappa del mondo, investono molto più spazio nella fantasia di chi ha il privilegio di visitarli. La Torre di Londra, avvolta dall’atmosfera nebbiosa che la contraddistingue, è custodita da vestali nere che non si distraggono mai dal loro oneroso compito. Edificata nel 1078 sulla riva nord del Tamigi, si annuncia, quando la nebbia la rende poco visibile, da un coro davvero caratteristico. E’ uno stormo di corvi imperiali, regolarmente arruolati nelle Forze Armate di terra del Regno Unito.

Alteri e orgogliosi del loro ruolo, sono investiti di premure ed attenzioni; accuditi da servitori in livrea, nutriti con carne di prima scelta acquistata nel vicino Smithfield Market e costantemente monitorati. Di cotanta cortesia i guardiani neri rispondono con una presenza costante, vigili e integerrimi. A loro è legata una superstizione di cui non sono note le origini. Pare che siano addirittura responsabili del destino della Corona Britannica.

Si vocifera, infatti, che “se i corvi della Torre di Londra moriranno o voleranno via, la Corona cadrà e con essa la Gran Bretagna”. In realtà una ragione poco romantica ha attratto i volatili verso la Torre. Nel Medioevo era l’odore della carne in putrefazione ad assicurare l’inquietante presenza dei corvi che restavano in attesa che i giustiziati divenissero il loro piatto prelibato. Si narra che nel 1554, quando fu decapitata Lady Jane Gray (la regina dei nove giorni), i corvi abbiano privato la testa mozzata della sovrana dei suoi bulbi oculari.

I corvi della Torre, nel destino della Corona

La consuetudine di tenere i volatili in cattività per proteggere la corona risale presumibilmente ai tempi di Carlo II, che regnò dal 1660 al 1685. Si racconta che John Flamsteed (1646-1719), l’astronomo di corte, si fosse lamentato con il re per la presenza di molti corvi che interferivano con le sue osservazioni. Carlo II ordinò quindi di sterminarli, ma lo stesso Flamsteed lo mise in guardia. Un destino funesto si sarebbe abbattuto sulla Torre e sulla stessa monarchia. Il presagio era talmente potente che, da allora, il sovrano si assicurò che almeno sei corvi fossero sempre presenti.

Altre fonti risalgono al 1800, sostenute dallo storico Geoff Parnell; pare che, invece, i corvi fossero portati nell’edificio medievale come animali di compagnia.

In ogni caso, per superstizione o per rispetto di un’antica usanza, sette corvi (sei più uno di scorta) sono tenuti in cattività alla Torre. Affinchè non lascino la postazione vengono recise loro le penne remiganti di un’ala; in compenso vivono una vita privilegiata, nutriti con una dieta appropriata a base di frutta fresca, uova sode e carne.

I corvi della Torre sono equiparati ai soldati, e come loro hanno documenti che dimostrano il loro status, e talvolta possono essere congedati per cattiva condotta; è il caso del “corvo George”, colpevole di aver distrutto alcune antenne televisive: fu ufficialmente espulso e spedito in Galles con la seguente motivazione: 

“Sabato 13 settembre 1986, il corvo George, arruolato nel 1975, è stato inviato al Welsh Mountain Zoo. Per la condotta insoddisfacente, il suo servizio non è più richiesto”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Roma-Juve 2-2, doppio Veretout e doppio CR7

ROMA (ITALPRESS) – Le doppiette di Veretout e Cristiano Ronaldo decidono un bel Roma-Juventus caratterizzato da tanti errori, due rigori e un’espulsione (Rabiot). All’Olimpico...

MIRABILANDIA, IL MOSTRUOSO DIVERTIMENTO DI HALLOWEEN

Zucche, streghe, zombi, creature malefiche e show a tema per terrorizzare grandi e piccini Ravenna, 21 settembre 2020 –...

Napoli tennistico, schiacciato il Genoa 6-0

NAPOLI (ITALPRESS) – Il Napoli “si diverte” e batte 6-0 il Genoa al San Paolo. L’inizio della squadra di Gattuso è il preludio alla...

Serie A. Kessie e Diaz, il Milan vince 2-0 a Crotone

CROTONE (ITALPRESS) – Il Milan vince 2-0 a Crotone nella seconda giornata di Serie A. I rossoneri vanno in vantaggio con il gol di...

Rospo del suriname, il suo modo bizzarro di riprodursi

La natura ha modi bizzarri di manifestarsi o di adattarsi ad esigenze di pura sopravvivenza. Quale sia la ragione di questo "fenomeno"...

Ravioli con scampi, datterini gialli o rossi e fiori di zucca

I ravioli con scampi e datterini è un piatto semplice, ma allo stesso tempo dal sapore delicato per palati raffinati. Ideale quando...

Roma-Juve 2-2, doppio Veretout e doppio CR7

ROMA (ITALPRESS) – Le doppiette di Veretout e Cristiano Ronaldo decidono un bel Roma-Juventus caratterizzato da tanti errori, due rigori e un’espulsione (Rabiot). All’Olimpico...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

Bonus Tiroide 2019, ecco come richiederlo

E' di 500 euro il bonus tiroide 2019 con l'esenzione ticket. Possono richiederlo gli invalidi civili almeno al 33% e si ha...