MSC
HomeRubrichePsicheTutti i segreti per raggiungere la felicità

Tutti i segreti per raggiungere la felicità

La felicità è una condizione esistenziale a cui tutti ambiscono, ma quali sono i fattori che concorrono alla definizione di tale stato d’animo? Cosa ci conduce alla gratificazione, cosa ci porta a considerare la nostra un’esistenza soddisfacente?

La componente genetica, sembra avere un ruolo rilevante nella definizione dell’umore, ma i  nostri geni richiedono comunque un’attivazione esterna per potersi esprimere ed ecco come le condizioni contestuali ed ambientali assumono un ruolo determinante in quella che è la percezione del nostro stato di benessere, benessere che viene valutato sulla base delle nostre esperienze passate e delle nostre stime e prospettive future. Le dimensioni del  benessere, che sottendono un funzionamento positivo sono diverse, una dimensione, fa riferimento alla  soggettività, cioè  l’ottenimento del piacere personale legato ad emozioni e  sensazioni  positive.

La psiche

Un’altra dimensione è legata alla psiche ed è relativa agli aspetti che contribuiscono alla salute mentale, determinata dalla crescita personale, l’accettazione di sé, l’autonomia, il controllo esercitato sull’’ambiente e le relazioni positive ed infine una dimensione relativa al sociale, che riguarda le proprie condizioni di vita, il proprio funzionamento nella società  e dove sono centrali l’esperienza d’integrazione, di coesione e condivisione sociale, il senso di comunità. Se il soddisfacimento correlato e derivante da queste dimensioni, risulta essere appagante, allora la nostra qualità di vita risulterà certamente buona.

Le risorse individuali

Tra le risorse individuali in grado di favorire uno stato d’animo positivo, vengono  riconosciute: la creatività, l’originalità, la coscienziosità, l’ottimismo in prospettiva futura, la resilienza, la resistenza psicologica, l’autostima elevata e adeguate strategie per fronteggiare lo stress. Queste risorse, rientrano tra gli indicatori soggettivi e psicologici dello star bene, ma bisogna considerarne anche ii sociali, tra cui annoveriamo l’istruzione, il reddito, le condizioni lavorative, il retroterra culturale, la ricchezza e sicurezza sociale del paese, i diritti dell’uomo, il sostegno sociale

I paesi più felici

I paesi più felici, risultano essere quelli in cui è presente un alto tasso di eguaglianza sociale e di qualità del governo, una  cittadinanza civile, uno  sviluppo economico equo, democrazia, multivarietà etnica e  attenzione all’ambiente naturale. Dunque, sono le caratteristiche della persona e quelle del contesto ad influenzare gli aspetti connessi ad un’esistenza realizzata. Bisogna inoltre considerare come il concetto di felicità, muti nelle diverse culture; in quelle collettivistiche esso include anche un senso di responsabilità verso gli altri, non solo per se stessi, a differenza delle culture individualistiche, dove i fondamenti sono l’autodeterminazione, l’autodirezionalità l’autonomia, la libertà di scelta; le quali se esasperate possono comportare l’erosione di valori importanti come la solidarietà, il reciproco aiuto, il senso di umanità e favorire atteggiamenti sociali negativi, quale può essere il razzismo e il dilagarsi del consumismo e materialismo.

a cura della dott.ssa Rosa Cirino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read