MSC
Home Rubriche Parla dei diritti delle donne, prof pakistano condannato a morte

Parla dei diritti delle donne, prof pakistano condannato a morte

Parla dell’ovvia necessità delle rivendicazioni femminili in Pakistan, un professore condannato a morte per le sue parole. Un’unica colpa, quella di Junaid Hafeez, di aver insegnato ai suoi allievi il rispetto per il genere femminile. La petizione su Charge.org abbraccia una causa che sembra persa in partenza nonostante abbia già superato le 300mila firme. Il professore pakistano, il 21 dicembre scorso,  è stato condannato all’impiccagione per blasfemia. Quante, troppe volte le vite di donne e uomini che non si allineano ai dettami culturali, finiscono sotto una “pioggia” di sassi, sospesa ad un cappio, per una raffica di proiettili.

Ancora tante, troppe le petizioni, le insurrezioni, le proteste accorate e troppo pochi gli esiti positivi. Il “mostro” contro cui si lotta ha troppe teste e cuori aridi e irrigiditi in una ragione presunta.

Parla ai suoi allievi dei diritti delle donne e ne guadagna un cappio

Il professore di 33 anni, attivista dei diritti umani, insegnava all’università Bahauddin Zakariya a Multan (città pakistana della regione del Punjab). Al suo ritorno dal Pakistan,  dove aveva soggiornato come borsista del Programma Fulbright, Junaid sperava di rimandare, ai suoi allievi, la passione per la letteratura e la giustizia sociale. Un tema gli stava particolarmente a cuore, un argomento gravoso e colpevole di essere “impopolare”. I “diritti delle donne” così scontati per alcune culture, diventano tabù per altre.

Helen Haft, studiosa statunitense, lancia la petizione per salvare il professore.

Junaid Hafeez è stato incolpato di blasfemia; per un gruppo di studenti conservatori avrebbe, addirittura, insultato il Profeta Maometto sui social media. Junaid è stato arrestato nel 2013 e da allora è stato sempre recluso in isolamento. Il suo avvocato, Rashid Rehman, è stato assassinato nel 2014 per aver deciso di difendere il professore. Scrive nella petizione Helen Haft:

Junaid e io abbiamo preso entrambi parte al programma di scambio accademico Fulbright giorni prima di aver appreso della sua condanna a morte avevo pubblicato un pezzo sulla blasfemia in Pakistan. Il codice di procedura penale del Pakistan stabilisce la pena di morte “per chiunque a parole, sia per iscritto che a voce, denigra il sacro nome del Santo Profeta Maometto (su di Lui la pace)”. Da quando in Pakistan è prevista la pena di morte per blasfemia negli anni 80 si sono verificate 1500 accuse di blasfemia. Un’accusa che equivale a una sentenza di morte.

Il caso di Junaid sarà sicuramente impugnato in appello tuttavia nel mentre il professore rischia di essere ucciso in qualsiasi momento. Non c’è garanzia che il verdetto sia ribaltato ed è imperativo che la comunità globale prenda posizione contro questa violazione dei diritti umani.

 #GiustiziaPerJunaidHafeez è l’appello della petizione per chiedere l’abrogazione delle leggi pakistane sulla blasfemia. 

Sono uno strumento che può essere utilizzato contro chiunque in qualsiasi momento. Le leggi impediscono alle persone di parlare non solo riguardo alla religione ma anche su tematiche come i diritti delle donne. Le leggi ad oggi hanno ridotto al silenzio attiviste e attivisti per i diritti delle donne, per i diritti umani, giornalisti, professori e cittadini comuni. Mentre minoranze religiose, dissidenti politici, liberi pensatori e intellettuali sono spesso presi di mira, le prime vittime sono gli stessi musulmani. 

Must Read

Brexit, procedura d’infrazione Ue contro la Gran Bretagna

MILANO (ITALPRESS) – Altro che accordo. La Brexit è diventata l’occasione per un grande scontro legale fra l’Unione europea e il governo britannico. La...

La Juve trova Messi in Champions, Inter col Real, Atalanta ad Anfield

GINEVRA (SVIZZERA) (ITALPRESS) – Sorteggio non impossibile per le quattro italiane che saranno impegnate nella Champions League 2020-21. L’urna di Ginevra riserva a Juventus,...

Oggi si festeggiano i nonni, i martiri di questa cinica pandemia

Lasciateci festeggiare la memoria, quella che questa feroce pandemia ha sottratto in parte. Si dice abbia colpito i più deboli, quelli che...

A settembre immatricolazioni auto in crescita

ROMA (ITALPRESS) – A settembre la Motorizzazione ha immatricolato 156.132 autovetture, con una variazione di +9,54% rispetto a settembre 2019, durante il quale ne...

Conti pubblici, a settembre fabbisogno settore statale a 21,9 miliardi

ROMA (ITALPRESS) – A settembre, secondo i dati del Mef, il saldo del settore statale si è chiuso, in via provvisoria, con un fabbisogno...

Joaquin Phoenix e Rooney Mara: è nato il primo figlio

Joaquin Phoenix e Rooney Mara ci hanno fatto sognare con il loro amore e come coronamento di tutto questo sono diventati genitori.La...

Chiara Ferragni è incinta, Fedez “Ma io non sapevo nulla…”

ROMA (ITALPRESS) – La famiglia Ferragnez si allarga. “La nostra famiglia sta crescendo, Leo avrà un fratello”, scrive Chiara Ferragni su Instagram, postando la...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

Bonus Tiroide 2019, ecco come richiederlo

E' di 500 euro il bonus tiroide 2019 con l'esenzione ticket. Possono richiederlo gli invalidi civili almeno al 33% e si ha...