MSC
Home Rubriche Misterioso segnale dallo spazio, ogni 16 giorni un contatto

Misterioso segnale dallo spazio, ogni 16 giorni un contatto

Misterioso segnale radio che giunge a noi con una cadenza di sedici giorni. E’ proprio la Terra la destinataria della “missiva” proveniente dallo spazio, ma chi lo invia resta avvolto nel mistero.

Un team di scienziati canadesi hanno intercettato un misterioso e potente segnale radio; un messaggio che sembra provenire da una fonte distante circa 500 milioni di anni luce dalla Terra. La singolarità del “contatto” è che ha una cadenza precisa, quasi un appuntamento che cade ogni 16 giorni. Non era mai successo prima che un segnale radio fosse inviato ripetutamente ad una distanza temporale fissa.

I ricercatori hanno divulgato la scoperta in articolo scientifico; sottolineano quanto la costanza della trasmissione possa essere utile per individuarne la fonte. Parlano di lampi radio veloci (Fast radio bursts) che conservano, tutt’ora il fascino dell’inspiegabile. Onde radio trasmesse per quattro giorni per interrompersi per dodici giorni prima di ricominciare di nuovo.

I lampi radio veloci, scoperti per la prima volta nel 2007, si traducono in notevoli picchi di segnali radio provenienti dallo spazio, da diverse e indefinite direzioni. Solitamente brevissimi, della durata di qualche millisecondo, talvolta solo frazioni di millisecondo. Gli astronomi non sono ancora in grado di stabilire cosa origini questi segnali radio; la loro natura può essere naturale o artificiale e ad oggi, ne sono stati rilevati quasi 200.

Misterioso contatto tra Spazio e Terra

Tra settembre 2018 e ottobre 2019, i ricercatori del Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment Fast Radio Burst Project hanno individuato un particolare lampo radio veloce e hanno osservato lo schema dei suoi segnali.

“Abbiamo concluso che questa è la prima periodicità di qualsiasi tipo rilevata in una fonte di lampi radio veloci. La scoperta di una periodicità di 16,35 giorni in una fonte lampo radio veloce è un indizio importante sulla natura di questo fenomeno”.

Una plausibile spiegazione per la periodicità dei segnali radio potrebbe “scomodare” un buco nero attorno al quale orbiterebbe la sorgente; lo stesso buco bloccherebbe le onde radio quando la sorgente si muove accanto ad esso. Un’altra eventualità è che si tratti di un potente vento solare proveniente da una stella capace di interferire con i segnali provenienti da una fonte in orbita.

Qualcosa che ancora temiamo di ammettere è che sia il tentativo, di una forma di intelligenza alternativa alla nostra, che tenti di mettersi in contatto con noi …

Must Read

Coronavirus: arriva la conferma del primo caso in Campania

La conferma del primo caso di coronavirus in Campania arriva oggi e ad annunciarla è il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De...

Torta al miele – Ricetta

La torta al miele è una soffice e golosa ondata di tenerezza.La sua delicata tinta bruna la rende unica e ci rivela...

Grande battesimo per Costa Smeralda, madrina d’eccezione Penelope Cruz

La nuova arrivata tra le navi da crociera, Costa Smeralda, è pronta ad iniziare il suo viaggio ed è stata ufficialmente battezzata...

Motomondiale: la startup Vivoqui diventa sponsor dell’MV Agusta

Vivoqui, la startup proptech che ha appena lanciato il portale dove è possibile cercare “La casa che vuoi con la rata che...

Miu Miu: nuova capsule collection di jeans dedicata a donne celebri

Miu Miu, marchio di abbigliamento del Gruppo Prada, celebra il capo più rivoluzionario ed intramontabile di sempre e lo fa con la...