MSC
Home Rubriche Psiche Leader naturali e leader prepotenti: un braccio di ferro perso in partenza

Leader naturali e leader prepotenti: un braccio di ferro perso in partenza

Leader è un appellativo che, spesso ci si “appiccica” addosso come un vestito che calza male; nei casi in cui spetta di diritto, scende a pennello, come una seconda pelle; senza grinze, senza forzature. Amo osservare grottesche caricature di Leader di “borgo”, di combriccola che avendo qualche sparuto “adoratore”, si illude di possedere una carisma naturale; questo avviene, ahimè, soprattutto a ridosso delle elezioni comunali. Nella migliore delle ipotesi, quando tali personaggi non abbiano l’ardire e l’occasione di raggiungere il governo, si limitano a realtà ristrette, piccoli paesi.

Adoro i borghi e la vita che brulica per le strade e nei vicoli bui, dove la vista si limita alla libera interpretazione e le orecchie sentono quel che vogliono udire. Mi piace restare in disparte, fuori e al di sopra dei brusio, osservare come i diversi attori si cuciono indosso l’abito che più gli si addice.

È insita, nella natura umana una naturale propensione alla leadership ed intorno a questo istinto di costruisce una personalità più o meno coerente al desiderio di primeggiare.

Da una forma di introversione “reattiva” all’ambiente in cui ci si esprime ad un versante opposto di tirannia e sopruso. Nel mezzo troviamo coloro, che con differenti strategie, si muovono per ergersi sopra la calca. La differenza, ahimé, è nelle risorse e nelle competenze emotive ed intellettive a corredo. Chi si limita all’invettiva, allo sgambetto “sociale” non può che screditare perché non possiede il “carburante” relazionale per raggiungere le prime file del branco. Questi arrancano con fiatone e, irrimediabilmente, inciampano nelle loro frustrazioni.

Leader naturali e gli sgambetti dei prepotenti

Accade, tuttavia, che sappiano legarsi a chi, con scorciatoie di varia natura, li accompagni sul podio su cui si arrampicano senza merito alcuno. Li riconosci dallo sguardo sospettoso e incattivito e dalle mani chiuse a pugno. Poi ci sono loro, i LEADER NATURALI; coloro che quando chiunque risponderebbe con la sfida, ti sorprendono con un sorriso, una mano tesa.

Coloro che scelgono di spendere una parola in meno piuttosto che una di troppo. Coloro che concentrano le proprie energie sul proprio cammino, invece di scavare buche su quello altrui. A queste persone il “branco” fa strada, spontaneamente, affinché si metta alla loro guida; una posizione che non viene pretesa, ma riconosciuta. I leader naturali, sono autorevoli, non autoritari e si mettono in discussione anche al cospetto di chi ostenta certezza di non essere mai in errore; guardandosi negli occhi, nessuno dei due abbasserebbe lo sguardo, ma solo uno di loro si sentirebbe sfidato…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Coronavirus, Letta “Su riaperture decisione unanime”

ROMA (ITALPRESS) – “Quelle di oggi sono state decisioni prese unanimemente. Sono decisioni importanti che danno fiducia al Paese”. Lo dice il segretario del...

Moda: è un omaggio a Prato la nuova collezione di Eleonora Lastrucci

È un omaggio all'arte e alla preziosità della sua città, Prato, fonte di ispirazione per la Collezione "Un ballo in foglia d'oro". Nasce...
video

Covid, Letta “Decisione unanime dà fiducia al Paese”

"Quelle di oggi sono state decisioni prese unanimemente. Sono scelte importanti che danno fiducia al Paese". Lo dice il segretario del PD Enrico...
video

Covid, Tajani “Con Draghi incontro positivo”

"Abbiamo confermato la nostra posizione assolutamente favorevole alle decisioni per quanto riguarda le riaperture, ma e' giusto che si torni, la' dove si...

Recovery, Tajani “Giusto mantenere il tetto del 40% per il Sud”

ROMA (ITALPRESS) – “Abbiamo detto al presidente Draghi di essere favorevoli al mantenimento del tetto del 40% del Pnrr dedicato al Sud”. Così il...
video

Pecoraro Scanio “A Roma la prima classe scolastica elettrosmog free”

Internet attraverso la luce e senza elettrosmog. In una scuola di Roma la prima applicazione della tecnologia Li-Fi premiata da...
video

Coronavirus, accordo Regione-Federfarma Sicilia per test in farmacia

Un accordo per poter eseguire direttamente in farmacia tamponi antigenici rapidi e test sierologici firmato a Palazzo Orleans, a Palermo;...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

La rinascita dei borghi tra storia, cultura e design

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Il crescente mercato del turismo sostenibile deve e può essere il valore aggiunto, la spinta...