MSC
Home Rubriche Coronavirus: le conseguenze del lockdown sui disturbi alimentari

Coronavirus: le conseguenze del lockdown sui disturbi alimentari

disturbi alimentari rappresentano un problema di sanità pubblica emergente nella società moderna. L’esordio è sempre più precoce nei ragazzi e i fattori influenti sono complessi e svariati.

Durante la pandemia da Covid-19 le persone affette da tali disturbi, in particolare da bulimia nervosa, anoressia nervosa e disturbo da alimentazione incontrollata o binge eating, si sono ritrovate ad affrontare la loro condizione in una maniera inaspettata. Infatti, il cambio delle dinamiche quotidiane e dello stile di vita influenza parecchio i comportamenti patologici.

Vediamo come la peculiare situazione attuale, e in particolare il regime di lockdown, rinforza i pattern psicopatologici.

“In primis questi soggetti presentano un rischio di ricaduta o peggioramento della gravità del loro disturbo”, spiegano gli esperti del portale PsicologiOnline.net,.

L’isolamento sociale genera tensioni e paure. Da qui scaturisce una sensazione di perdita di controllo con un conseguente aumento delle restrizioni alimentari e delle condotte di eliminazione; nonché vomito autoindotto e uso di lassativi.

Un altro aspetto è il rapporto con l’attività fisica, che in alcuni casi viene limitata per questioni logistiche e in altri viene incrementata in maniera esagerata; in ogni caso, si tratta di comportamenti associati a una forte paura di perdere il controllo sul proprio peso e sulla propria forma fisica.

L’esposizione a grandi quantità di scorte di cibo, che in molti hanno comprato durante la quarantena per sentirsi al sicuro, rappresenta un fattore scatenante le abbuffate.

Disturbi alimentari e stress

In più, la convivenza prolungata con i familiari, a cui si accompagna la sensazione di non potere evadere da un ambiente ristretto e pressante, contribuisce ad aumentare l’isolamento e i comportamenti patologici.

Oltre a questi fattori va tenuto in conto che chi soffre di un disturbo del comportamento alimentare è particolarmente sensibile allo stress legato alla pandemia; ed è quindi più probabile in questi casi sviluppare o accentuare comorbilità organiche e psichiatriche.

È vero anche che il rischio di infezione da Coronavirus è maggiore per via della malnutrizione; del sistema immunitario debole e degli squilibri elettrolitici di tali soggetti.

Uno dei punti più problematici in questo contesto è l’inadeguatezza dei trattamenti psichiatrici o psicologici offerti durante la pandemia. Molti interventi intensivi che si tenevano in strutture ospedaliere o residenziali sono stati annullati per questioni di sicurezza.

Le terapie

Le terapie online, seppur introdotte tempestivamente, si sono rilevate carenti in alcuni aspetti in quanto spesso gli operatori non hanno avuto l’opportunità di formarsi in maniera appropriata per fornire un servizio a distanza del tutto funzionale ed efficace. Visto il rischio di peggioramento clinico e di perdita del contatto medico-paziente, emerge la necessità di progettare nuove modalità di trattamenti che tengano in conto delle implicazioni dell’isolamento sociale sui disturbi alimentari.

Per fornire una migliore assistenza agli individui con disturbi alimentari e ai loro cari, l’istituto Superiore di Sanità con il Ministero della Salute ha lanciato il progetto Manual. Esso prevede una mappatura dettagliata delle strutture pubbliche e convenzionate e delle associazioni specializzate in disturbi dell’alimentazione su scala nazionale.

In merito all’impatto psicopatologico del Covid-19 sui pazienti con disturbi alimentari, uno studio longitudinale italiano ha dimostrato come la pandemia sia stata una vera minaccia per la salute mentale, in particolare nei soggetti più delicati.

I più vulnerabili secondo questa ricerca sono gli affetti da bulimia nervosa. Le ragioni sarebbero le limitazioni dei programmi di trattamento presenziali e le difficoltà riscontrate nelle terapie online; la presenza di abbondante cibo in casa che funge da tentazione per le abbuffate o l’ansia generata da non avere scorte a sufficienza; l’uso eccessivo delle reti sociali che contribuiscono a una percezione alterata del proprio corpo e le emozioni sorte dal forte stress.

Anoressia nervosa

Gli affetti da anoressia nervosa, invece, hanno mostrato risultati controversi. Da un lato pare abbiano preso peso durante la quarantena, segno positivo che potrebbe essere dovuto anche all’efficacia dei trattamenti – i presenziali effettuati prima del lockdown più quelli telematici-, dall’altro pare che abbiano sperimentato un’esacerbazione del comportamento ossessivo dell’esercizio fisico compensatorio e pare anche che ci siano stati molti casi di crossover diagnostico, che sta a indicare la trasformazione di anoressia in bulimia.

Dunque, si è riscontrato un aumento dei comportamenti disfunzionali e un’interruzione della tendenza al miglioramento dei sintomi sia negli affetti da bulimia sia in quelli affetti da anoressia; ma in quest’ultimi l’impatto negativo del Covid-19 è stato minore.

Gli effetti

I pazienti affetti da binge eating hanno sperimentato un aumento della gravità della patologia.

Interessante, in ultimo, che i pazienti affetti da disturbi alimentari non abbiano mostrato un aumento di ansia, tristezza, insonnia e problemi mentali che sia superiore a quello della popolazione generale; probabilmente perché, essendo tendenti all’isolamento sociale per via della loro patologia, potrebbero essere meno sensibili agli effetti del lockdown.

Una ricerca inglese pubblicata su Lancet lo scorso Febbraio ha provato come la pandemia abbia causato un generale incremento di stress post-traumatico; rabbia, confusione, ansia, depressione e altri effetti psicologici negativi nella popolazione. Tra i fattori stressanti che hanno scaturito tali conseguenze ci sono la paura dell’infezione, la mancanza di informazioni adeguate; la perdita economica, la noia e la frustrazione. Inoltre, in uno stato di distress psico-emotivo come quello che molti hanno sperimentato in quarantena, è più probabile che sorga ex novo un disturbo dell’alimentazione; o una dipendenza da sostanze come fumo, alcol o psicofarmaci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

La Galleria Minima di Mario Tosto presenta il progetto Nero Profondo

“Nel mio contemporaneo sociale il mare è simbolo di tragedia ma anche luogo generoso di vita. Il suo destino immutabile dona il senso d’infinito...

Covid, Conte “Non possiamo consentire vacanze sulla neve”

ROMA (ITALPRESS) – “Sullo spostamento tra regioni a Natale, ci stiamo lavorando ma se continuiamo così a fine mese non avremo più zone rosse....

Ice e Alibaba Group, nasce Made in Italy Pavilion

ROMA (ITALPRESS) – L’Agenzia ICE e Alibaba Group hanno siglato oggi un Memorandum of Understanding (MoU) per la creazione del “Made in Italy Pavilion”...

George Clooney e il regalo di 14 milioni di dollari ai suoi migliori amici

Un milione di dollari a ciascuno dei suoi 14 amici più cari è quanto elargito da George Clooney per ringraziarli di essergli...

Teora – 40 anni dopo il Terremoto del 1980

Teora, in provincia di Avellino dopo 40 anni dal grande sisma che distrusse letteralmente le vite di migliaia di persone. Un paese...
video

Confintesa Fp “Sì al rinnovo del contratto, no allo sciopero”

Proclamato il 9 dicembre uno sciopero del Pubblico Impiego per chiedere il rinnovo del contratto scaduto il 31 dicembre 2018. Confintesa Funzione...
video

Il pallone racconta…Napoli-Milan scontro per il primato

"Per la rubrica "Il pallone racconta..." l'editorialista di Italpress, Franco Zuccalà, presenta le sfide della prossima giornata di serie A.

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

Bonus Tiroide 2019, ecco come richiederlo

E' di 500 euro il bonus tiroide 2019 con l'esenzione ticket. Possono richiederlo gli invalidi civili almeno al 33% e si ha...