MSC
Home Prima Pagina Una vita fatta di sogni semplici ma irraggiungibili: la storia di Maria...

Una vita fatta di sogni semplici ma irraggiungibili: la storia di Maria Callas

 Era nata il 2 dicembre 1923 a New York da genitori greci. Si dice che nella musica del XX secolo esistano un prima Toscanini e un dopo Toscanini. Allo stesso modo ci sono «il prima Callas e il dopo Callas» disse Franco Zeffirelli, regista di prestigiose prime alla Scala, tanta è l’importanza di Maria Callas. Una donna che per tutta la vita inseguì l’amore e la famiglia che non ebbe mai. E morì a soli 54 anni.

Suo padre era un farmacista greco immigrato a New York, e la piccola Maria dimostrò il suo talento fin da bambina e i genitori – in particolare la madre – le imposero una vita di sacrifici: «fu sfruttata come un enfant prodige; non visse l’infanzia, come non visse la giovinezza. Ecco perché si bruciò in questo suo desiderio finalmente realizzato di follia, di divertimento, con Aristotele Onassis. Lui le fece vivere quello che lei non aveva mai provato prima» racconta il giornalista Alfonso Signorini, autore di un romanzo su Maria Callas.

A soli 5 anni subì un grave incidente: fu investita e restò un mese in coma. I genitori si separarono e lei andò con la mamma in Grecia dove studiò canto al conservatorio.

La sua carriera iniziò con Puccini e la Tosca proprio in Grecia, nel 1942, con un successo strepitoso. Merito del suo spirito di sacrificio (studiava 12 ore al giorno) e dello sfiancante lavoro.

Con la fine della guerra venne accusata di collaborazionismo perché aveva cantato anche con compagnie dirette da tedeschi e italiani. Torno allora a New York dove le difficoltà non terminarono e dove la Callas non riuscì a sfondare.

Arrivò però il tenore Giovanni Zenatello che nel 1947 la scritturò per la Gioconda di Ponchielli all’Arena di Verona. Fu l’occasione per Maria per conoscere l’industriale Giovanni Battista Meneghini che si innamorò di lei a prima vista e si offrì di aiutarla, proponendole di diventare il suo manager. Iniziarono i successi nei grandi teatri e i due si sposarono. Perse circa 30 kg e divenne un simbolo di eleganza. Ma la sua forza era la voce: precisa, potente, drammatica. Unica e irripetibile.

Tutto però iniziò a precipitare nel 1957, quando Maria conobbe l’armatore greco Aristotele Onassis. Tra i due nacque una relazione e la Callas si separò dal marito. Un calo della voce e diverse interruzioni delle sue esibizioni, inoltre, furono un grosso ammacco alla sua carriera artistica.

La Callas soffriva molto, soprattutto perchè non sopportava i continui tradimenti di Onassis che – nel 1968 – le preferì l’ex first lady americana Jackie Kennedy. Fu uno scandalo che portò la Callas a nuovi periodi di depressione a cui alternava momenti di sublime eccellenza artistica.

Dopo l’ultima tournée mondiale del 1974, si ritirò poi a Parigi dove morì il 16 settembre 1977 per arresto cardiaco. Da tempo soffriva di insonnia e aveva sviluppato una dipendenza da metaqualone, un sedativo che dà effetti simili a quello dei barbiturici.

“Non sono un angelo e non pretendo di esserlo. Non è uno dei miei ruoli. Ma non sono nemmeno il diavolo. Sono una donna e una seria artista, e gradirei essere giudicata per quello.”

Maria Callas

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Da 0-2 a 3-2, Verona ko e il Milan vola in testa

MILANO (ITALPRESS) – Da una nuova possibile ‘Fatal Veronà a una rimonta di tre reti che vale il miglior avvio di sempre in campionato....

Seremy lancia l’algoritmo smart per misurare il benessere dei famigliari anziani

La grande diffusione in Italia di Seremy – il bracciale salvavita smart per anziani – consente di analizzare una grande quantità di...

Brunori Sas è diventato papà, è nata la primogenita Fiammetta

Fiocco rosa in casa Brunori. Il cantautore cosentino annuncia sul suo profilo Instagram la nascita della primogenita e si definisce un "papà...
video

Manifestazione antifascista, Orlando: “Una bella giornata”

"Una bella giornata per dire che in Italia non c'è più spazio per i fascisti". Lo ha detto il ministro Andrea Orlando,...
video

Manifestazione antifascista, Zingaretti: “Una festa per l’Italia”

"Bene hanno fatto i sindacati a scendere in piazza e a rispondere con i valori della Costituzione. E' stata una festa per...
video

Amministrative, Miccichè: “Soddisfatto per risultati FI in Sicilia”

"Stamattina non mi hanno svegliato con un caffé ma con un calice di champagne perché abbiamo 10 sindaci su 40, un risultato...
video

Landini: “La visita di Draghi alla Cgil un segnale importante”

Landini: “La visita di Draghi alla Cgil un segnale importante”. “Ho ringraziato il presidente Draghi per la visita, che un significato molto importante per quanto...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

TV: arriva “Matrimoni impossibili“, il nuovo format su chi si promette eterno amore

Domenica 9 agosto ore 9.50 e il 16 agosto alla stessa ora, su Real Time, canale 31 del digitale terrestre, andranno in onda le prime puntate...