MSC
Home Prima Pagina L'attentato a Reagan del 1981: un ricordo lungo 40 anni

L’attentato a Reagan del 1981: un ricordo lungo 40 anni

Era il 30 marzo 1981 e Reagan fu gravemente ferito in un attentato da uno dei 7 colpi di arma di fuoco sparati da John Hinckley; uno squilibrato innamorato di Jodie Foster che con questo gesto voleva attirare la sua attenzione, mentre si trovava a Washington per un discorso.

Ronald Reagan

L’attentato al Washington Hilton Hotel ore 14.27

Il 30 marzo 1981 Ronald Reagan si era recato al Washington Hilton Hotel dove era in programma un discorso sindacale che si era tenuto la mattina stessa. Alle 14:27 Reagan uscì dall’hotel scortato dai suoi agenti; attorno all’albergo si era formato un gruppo di persone e giornalisti intente a vedere e a salutare il presidente.

7 colpi calibro 22 usati nell’attentato al Presidente

Proprio mentre Reagan salutava i cittadini, un giovane texano di nome John Hinckley Jr. sparò in meno di 5 secondi 7 colpi calibro 22 contro il presidente e la sua scorta; Reagan fu prontamente accompagnato nella sua limousine dall’agente Jerry Parr mentre uno dei proiettili rimbalzò sull’armatura blindata, colpendo il presidente al braccio sinistro, perforandogli un polmone e arrestandosi a soli 25 millimetri dal cuore. Il portavoce della Casa Bianca James Brady, le cui lesioni gli procurarono una paralisi di metà corpo e lo costrinsero alla sedia a rotelle fino alla morte avvenuta nel 2014, l’ufficiale di Polizia Thomas Delahanty e un agente, Timothy McCarthy, sono gli altri feriti dai colpi sparati.. Il resto della scorta provvide a fermare l’attentatore, sottraendolo ad un possibile linciaggio da parte della folla. 

L’ironia del Presidente

Il presidente, all’ Washington University Hospital, fu operato d’urgenza e dimesso il 21 aprile. In sala operatoria subito prima dell’intervento, Reagan si tolse la maschera dell’ossigeno per rivolgere ai medici la battuta: “Spero siate tutti repubblicani”. Più tardi alla moglie Nancy Reagan, ironizzando sull’accaduto, disse: “Tesoro, ho dimenticato di accovacciarmi”.

Un processo sconcertante

Il processo iniziò nel 1982 con tredici capi daccusa pendenti su Hinckley. La difesa, con lausilio delle perizie psichiatriche, sostenne che Hinckley era malato di mente; laccusa invece sostenne il contrario, che era lucido e sano di mente. Il processo si concluse il 21 giugno 1982; e Hinckley fu riconosciuto non colpevole per incapacità di intendere e volere. E’ poi rinchiuso al St. Elizabeths Hospital, un manicomio criminale di Washington D.C. 

Sconcerto e indignazione suscitò il verdetto nell’ opinione pubblica. Un sondaggio della ABC rivelò che l’83% degli intervistati era del pensiero che giustizia non era stata fatta. Il Congresso degli Stati Uniti e alcuni Stati riscrissero le leggi in materia di imputabilità dopo le contestazioni. Altri Stati come Idaho, Kansas, Montana e Utah hanno abolito del tutto la legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Coronavirus, Letta “Su riaperture decisione unanime”

ROMA (ITALPRESS) – “Quelle di oggi sono state decisioni prese unanimemente. Sono decisioni importanti che danno fiducia al Paese”. Lo dice il segretario del...

Moda: è un omaggio a Prato la nuova collezione di Eleonora Lastrucci

È un omaggio all'arte e alla preziosità della sua città, Prato, fonte di ispirazione per la Collezione "Un ballo in foglia d'oro". Nasce...
video

Covid, Letta “Decisione unanime dà fiducia al Paese”

"Quelle di oggi sono state decisioni prese unanimemente. Sono scelte importanti che danno fiducia al Paese". Lo dice il segretario del PD Enrico...
video

Covid, Tajani “Con Draghi incontro positivo”

"Abbiamo confermato la nostra posizione assolutamente favorevole alle decisioni per quanto riguarda le riaperture, ma e' giusto che si torni, la' dove si...

Recovery, Tajani “Giusto mantenere il tetto del 40% per il Sud”

ROMA (ITALPRESS) – “Abbiamo detto al presidente Draghi di essere favorevoli al mantenimento del tetto del 40% del Pnrr dedicato al Sud”. Così il...
video

Moby Prince, Solinas “Ferita che continua a sanguinare”

"Una ferita che non ha mai smesso di sanguinare, un lutto che a distanza di 30 anni ancora non abbiamo elaborato e...

Def, il Cdm dà il via libera allo scostamento

ROMA– Al termine della riunione durata circa un’ora, il Consiglio dei ministri ha approvato il Def e la relazione sullo scostamento...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

La rinascita dei borghi tra storia, cultura e design

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Il crescente mercato del turismo sostenibile deve e può essere il valore aggiunto, la spinta...