MSC
Home Prima Pagina Il ricordo di Lady D: la principessa del popolo

Il ricordo di Lady D: la principessa del popolo

Poche persone riescono ad entrare nel cuore della gente in modo così incisivo come è stato per Lady D. Soprannominata la principessa del popolo o suo malgrado la principessa triste per le varie vicissitudini alternatesi nella sua vita, è stata una donna fragile e forte, anticonformista e ribelle, madre attenta e premurosa, sensibile ed empatica con il prossimo. Le chiavi che le hanno aperto i cuori delle persone sono tutte qui.

Ripercorriamo la vita di Lady D

Diana Spencer nasce il 1 luglio 1961 a Parkhouse proprio vicino la residenza reale di Sadringham.

Fin da piccola Diana soffre della mancanza della figura materna: la madre è spesso assente e trascura la famiglia.

Non solo, ma Lady Frances Bounke Roche, questo il suo nome, lascia Parkhouse quando Diana ha solo sei anni per vivere con un facoltoso proprietario terriero, Peter Shaud Kidd.

Quartogenita dei Visconti Spencer, famiglia tra le più antiche del Regno Unito, legata alla dinastia reale dei Windsor, sposando nel 1981 Carlo, figlio della regina Elisabetta II ed erede al trono d’Inghilterra, acquisì il titolo di principessa del Galles; che conservò anche dopo il divorzio del 1996.

Era assistente presso un asilo nido di Londra, quando Carlo la scelse per diventare sua moglie.

Un matrimonio da Favola

Diana Spencer sposò il Principe Carlo il 29 Luglio 1981 a Londra, nella Cattedrale di San Paolo. Definito il matrimonio del secolo, l’evento venne trasmesso in mondovisione, le strade della capitale britannica vennero letteralmente invase da una immensa folla festante.

Di taffetà e seta color crema l’abito della sposa, guarnito di pizzi antichi e da uno strascico lunghissimo.

La carica di Principessa di Galles impose a Lady Diana precisi compiti protocollari di rappresentanza della corona britannica. Per questo, con il marito, o sola, Diana viaggiò in quasi ogni Paese del mondo civile e dell’ex Commonwealth, in particolare, per portare alle popolazioni il saluto e i messaggi della Regina.

Affascinante ed elegantissima nelle sue mise, accuratamente scelte da amante della moda, Diana veniva rincorsa dalle folle e dalla stampa in ogni sua uscita ufficiale. La si ricorda in visita, negli Stati Uniti d’America al Presidente Ronald Regan e alla moglie Nancy, mentre balla con le star del cinema hollywoodiano, in occasione di una serata in suo onore.

Lady D: sensibile ed empatica

Diede prova di grande sensibilità e di empatia nei confronti degli emarginati, sostenendo le associazioni filantropiche e umanitarie. Si distinse in modo particolare nella campagna contro l’uso delle mine anti-uomo nei conflitti. Fu ricevuta da Sua Santità Giovanni Paolo II e da Madre Teresa di Calcutta che divenne sua amica e guida spirituale.

Al Principe Carlo, Lady Diana ha dato due figli maschi, William, erede al trono, nato nel 1982 e Henry, Duca di Sussex, noto come Harry (1984).

Giovane e anticonformista Diana soffrì molto il rigido protocollo reale. Il matrimonio non fu in realtà felice tanto che ciascuno dei due coniugi finì per tradire l’altro, suscitando notevole scandalo a corte. Finché la stessa Regina Elisabetta II impose il divorzio, ufficializzato il 28 Agosto 1996.

Carlo ammise la sua relazione con Camilla Parker Bowles, che in seguito avrebbe sposato, e la Principessa triste, così venne chiamata Diana, mai veramente amata dal marito, intensificò le sue visite agli emarginati e ai sofferenti per assolvere gli impegni umanitari.

Il mistero della morte

Lady Diana Spencer è deceduta a Parigi il 31 Agosto 1997. Quell’estate era stata ospite insieme ai suoi figli dell’imprenditore egiziano Dodi Al-Fayed, il quale, innamoratosi di lei, le aveva chiesto di sposarlo.

La notte del 30 Agosto Diana e Dodi sono all’Hotel Ritz di Parigi e devono raggiungere l’appartamento di residenza attraverso la Galleria de l’Alma. Viaggiano a bordo di una Mercedes che si schianta contro il tredicesimo pilastro che sostiene la galleria. Il tragico e discusso incidente stradale pone fine alla vita dei trasportati. Dei quattro si salverà solo la guardia del corpo.

Immenso il clamore suscitato dalla prematura morte della Principessa Diana. Il giorno del suo funerale, fissato per il 6 Settembre, il popolo insorge in suo onore affollando le strade della capitale. Circa tre milioni di persone l’accompagnano nel suo ultimo viaggio verso l’abbazia di Westminster dove si terrà la cerimonia funebre. Marito e figli seguono il feretro a piedi. La Regina, vestita a lutto, davanti a Buckingham Palace china il capo al passaggio del feretro.

Sembra ancora di udire la voce di Elton John che intona Candle in the Wind per salutare l’ultima volta la Principessa del Popolo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Salvini “Autonomia la porteremo a casa con prossimo Governo”

ROMA (ITALPRESS) – “La porteremo a casa l’autonomia con il prossimo Governo di centrodestra, perchè farla con Pd e M5S sarebbe un eccesso di...

La Samp vince 3-0 a Empoli, doppietta per l’ex Caputo

EMPOLI (ITALPRESS) – Nel segno di Ciccio Caputo. Prima vittoria in campionato per la Sampdoria, che espugna il ‘Castellanì di Empoli per 3-0 grazie...

Il “chakra della corona” da bere, per scavare nel proprio io…

Il drink ideato da Giuseppe Marzovilla - proprietario e bartender del ParlaPiano Bistrot di Mola di Bari - prende il nome di Sahasrara e si ispira al...

Risotto con fonduta di caciocavallo, guanciale e fiori di zucca

Il risotto è un piatto che mette un po' tutti d'accordo nel gustarlo, un po' meno nel prepararlo. Il realtà è molto...

Conte “Mia candidatura a premier non è all’ordine del giorno”

“Non è all’ordine del giorno la mia candidatura a premier, nè la candidatura di nessun altro a premier. Abbiamo un Governo, dobbiamo...

H&M annuncia la nuova collaborazione con Iris Apfel

L'icona fashion Iris Apfel ha deciso di festeggiare in maniera del tutto originale il suo traguardo più grande, i 100 anni. Come?...

Fedriga “Con avallo scientifico sì estensione green pass a lavoratori”

ROMA – “Dove è utile utilizzarlo, come nei posti di lavoro, se la scienza ritiene che sia utile, allora va utilizzato”,...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

La rinascita dei borghi tra storia, cultura e design

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Il crescente mercato del turismo sostenibile deve e può essere il valore aggiunto, la spinta...