MSC
Home Prima Pagina A 20 anni dall' 11 settembre, nulla è cancellato dalla nostra memoria

A 20 anni dall’ 11 settembre, nulla è cancellato dalla nostra memoria

Era il 2001. L’11 Settembre di venti anni fa, mentre si spargeva la voce di un incidente a New York, in tutto il mondo la gente si riuniva davanti al televisore osservando per la prima volta immagini che sarebbero rimaste impresse nella memoria collettiva per sempre.

Le scene furono poi ritrasmesse all’infinito, negli anni seguenti; il terribile schianto dei due aerei che scompaiono nelle torri, nubi di cenere, impiegati in abbigliamento da ufficio trascinati sottobraccio dai soccorritori; e torri di fumo e polvere che si ergevano dove poche ore prima svettavano gli edifici più alti del mondo. Tutto questo rese l’11 settembre 2001 l’attacco terroristico più trasmesso e osservato della storia, nonché il più devastante dal punto di vista umano; con le sue quasi tremila vittime, tra chi si trovava negli edifici, a bordo degli aeroplani e sulle strade.

Quella mattina diciannove terroristi di Al Qaeda presero il comando di quattro aerei di linea con l’obiettivo di compiere quattro attentati; due dei velivoli sono stati fatti schiantare contro le Torri Gemelle del World Trade Center, a New York, causandone il successivo crollo; uno sul Pentagono, mentre l’ultimo, che avrebbe dovuto abbattersi sulla Casa Bianca o sul Congresso, precipitò in Pennsylvania, grazie all’eroica rivolta dei passeggeri. In tutto sono state quasi tremila le vittime e oltre seimila persone sono rimaste ferite. 

Le televisioni di tutto il mondo riprendono in diretta prima il crollo della Torre Sud, intorno alle 10; seguito da quello della Torre Nord, mezz’ora più tardi. Restano, poi, impresse nella memoria tutte le registrazioni delle telefonate di chi era a bordo degli aerei o all’interno delle Torri. Tutto questo materiale è stato raccolto nel 2011 dal National September 11 Memorial and Museum; in una cronologia multimediale dei momenti più drammatici del giorno dell’attacco all’America.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Salvini “Autonomia la porteremo a casa con prossimo Governo”

ROMA (ITALPRESS) – “La porteremo a casa l’autonomia con il prossimo Governo di centrodestra, perchè farla con Pd e M5S sarebbe un eccesso di...

La Samp vince 3-0 a Empoli, doppietta per l’ex Caputo

EMPOLI (ITALPRESS) – Nel segno di Ciccio Caputo. Prima vittoria in campionato per la Sampdoria, che espugna il ‘Castellanì di Empoli per 3-0 grazie...

Il “chakra della corona” da bere, per scavare nel proprio io…

Il drink ideato da Giuseppe Marzovilla - proprietario e bartender del ParlaPiano Bistrot di Mola di Bari - prende il nome di Sahasrara e si ispira al...

Risotto con fonduta di caciocavallo, guanciale e fiori di zucca

Il risotto è un piatto che mette un po' tutti d'accordo nel gustarlo, un po' meno nel prepararlo. Il realtà è molto...

Conte “Mia candidatura a premier non è all’ordine del giorno”

“Non è all’ordine del giorno la mia candidatura a premier, nè la candidatura di nessun altro a premier. Abbiamo un Governo, dobbiamo...

Governo, Costa “Con Draghi coesistono e convivono esperienze diverse”

ROMA – “Questo è un governo di larghe intese, in cui coesistono e convivono esperienze politiche con sensibilità diverse. Ci...

4.552 casi di Covid e 66 decessi, prosegue discesa ricoveri

ROMA – Diminuiscono i casi Covid in Italia. Dalla lettura del bollettino del ministero della Salute si evince che i...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

La rinascita dei borghi tra storia, cultura e design

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Il crescente mercato del turismo sostenibile deve e può essere il valore aggiunto, la spinta...