MSC
Home Prima Pagina 9 Ottobre 1963, la tragedia del Vajont: per non dimenticare

9 Ottobre 1963, la tragedia del Vajont: per non dimenticare

Alle ore 22.39 del 9 Ottobre 1963, 58 anni fa, un versante del Monte Toc franò sopra il neo-bacino idroelettrico del Vajont, provocando la tracimazione di parte dell’acqua contenuta nell’invaso. La valanga d’acqua superò la diga (730mslm) incanalandosi nella valle del Piave, e spazzò via l’abitato di Longarone (473mslm) con i comuni limitrofi: quasi 2000 furono le vittime. Moltissime persone non furono nemmeno ritrovate, rimaste sepolte da strati di acqua e fango.

La diga del Vajont , per ironia della sorte, rimase intatta

La marea di detriti seguì il corso del fiume Piave, arrivando a sfociare pochi giorni dopo sul mare Adriatico. La diga, nonostante la frana e l’enorme sollecitazione provocata dall’acqua, rimase intatta.  

Immediatamente si misero in moto tutti gli enti per aiutare le vittime del disastro. Sul luogo accorsero l’Esercito Italiano, gli Alpini, i Vigili del Fuoco. Da tutte le parti del mondo arrivarono messaggi di solidarietà dai leader: John F. Kennedy, la regina Elisabetta II, il presidente della Repubblica Francese.
Oggi è visibile meno della metà della diga, circa 50 dei suoi totali 270 metri di altezza, e sulla quale è possibile camminare tramite delle visite guidate.

Ma facciamo un passo indietro..

La diga del Vajont è una imponente e indiscussa opera di grande ingegneria: una costruzione a doppio arco alta 264,6 metri che era la più grande del mondo nel suo genere.

L’anno successivo all’ultimazione dei lavori iniziò il collaudo con il riempimento del serbatoio: già il primo invaso mise in luce una generale instabilità delle sponde del lago, i cui versanti, in particolare il sinistro, erano interessati da segni di movimento quali alberi inclinati, profonde fessurazioni del terreno e fenditure sui muri delle abitazioni.

I primi dissensi

I primi dissensi nacquero però già agli albori del progetto. Infatti, i cittadini di Erto e Casso avrebbero perso alcuni terreni che la nuova costruzione avrebbe inevitabilmente richiesto. A queste preoccupazioni, si aggiunse una frana, a pochi chilometri di distanza, che causò la morte dell’operatore di sorveglianza della diga di Pontesei.
Nonostante le preoccupazioni gli ingegneri coinvolti nel progetto, non reputarono la zona di edificazione come una zona a rischio frane.

La colpa del disastro venne attribuita ai progettisti e dirigenti della SADE. Essi infatti sapevano che la zona da edificare era ad alto rischio di frana. Inoltre, la sera dell’accaduto, il livello di acqua all’interno del bacino artificiale era ben oltre il limite raccomandato e consentito dagli ingegneri.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Da 0-2 a 3-2, Verona ko e il Milan vola in testa

MILANO (ITALPRESS) – Da una nuova possibile ‘Fatal Veronà a una rimonta di tre reti che vale il miglior avvio di sempre in campionato....

Seremy lancia l’algoritmo smart per misurare il benessere dei famigliari anziani

La grande diffusione in Italia di Seremy – il bracciale salvavita smart per anziani – consente di analizzare una grande quantità di...

Brunori Sas è diventato papà, è nata la primogenita Fiammetta

Fiocco rosa in casa Brunori. Il cantautore cosentino annuncia sul suo profilo Instagram la nascita della primogenita e si definisce un "papà...
video

Manifestazione antifascista, Orlando: “Una bella giornata”

"Una bella giornata per dire che in Italia non c'è più spazio per i fascisti". Lo ha detto il ministro Andrea Orlando,...
video

Manifestazione antifascista, Zingaretti: “Una festa per l’Italia”

"Bene hanno fatto i sindacati a scendere in piazza e a rispondere con i valori della Costituzione. E' stata una festa per...

Landini “Lavoratori hanno riconquistato democrazia nel Paese”

ROMA – “Quello che è successo ieri è un disegno preordinato di un gruppo organizzato che hanno messo in campo un’azione...
video

Regioni, Giani “Serve un rapporto diretto con l’Europa”

Il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, commenta il dato dell’Eurobarometro relativo alla mancanza di 180 miliardi di euro per Regioni e...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

TV: arriva “Matrimoni impossibili“, il nuovo format su chi si promette eterno amore

Domenica 9 agosto ore 9.50 e il 16 agosto alla stessa ora, su Real Time, canale 31 del digitale terrestre, andranno in onda le prime puntate...