MSC
Home Prima Pagina 8 Luglio 1978: il grande Presidente Pertini inizia il suo mandato

8 Luglio 1978: il grande Presidente Pertini inizia il suo mandato

Sandro Pertini fu il settimo presidente della Repubblica Italiana, in carica dal 1978 al 1985; primo socialista e unico esponente del PSI a ricoprire la carica. Pertini godette di un consenso politico senza precedenti. Fu la sua lotta contro la corruzione, la criminalità, e i terrorismi di ogni genere a fargli guadagnare la stima da parte del popolo italiano; e a rendere il suo nome indelebile nella storia del nostro Paese.

Pertini: il Presidente Antifascista

Laureato in giurisprudenza e scienze politiche, Sandro Pertini (1896-1990) aderì al Partito socialista nel 1918, dopo aver partecipato alla prima guerra mondiale. Attivo nella lotta antifascista, nel 1925 fu condannato a un anno di reclusione e nel dicembre 1926 espatriò clandestinamente con Turati in Corsica.

Ha vissuto sulla sua pelle l’arresto…

Nei pressi di Nizza fu arrestato e processato per aver installato un radiotrasmettitore per diffondere la propaganda antifascista in Italia. Rimpatriato clandestinamente nel dicembre 1928, nell’aprile 1929 fu nuovamente arrestato; e condannato a 11 anni di reclusione e a 3 di domicilio coatto, scontando parte della pena in carcere e parte al confino a Ponza e a Ventotene.

…E il ritrovare il sapere della libertà

Ritornato in libertà nell’agosto 1943, entrò a far parte dell’esecutivo del ricostituito Partito socialista; e, come membro della giunta militare antifascista, partecipò alla difesa di Roma. Catturato dai nazisti nell’ottobre 1943, riuscì a evadere nel gennaio 1944 dal carcere di Regina Coeli, insieme con Saragat.
Segretario del Partito socialista per l’Italia occupata, partecipò successivamente alla liberazione di Firenze e fece parte del CLNAI e del comitato insurrezionale di Milano.
Assertore della necessità di una radicale trasformazione delle basi economiche e delle strutture socio-politiche dello Stato, denunciò il processo di involuzione iniziato con la caduta del governo Parri; e continuò a battersi per la difesa degli ideali della Resistenza (nel 1953 fu insignito della medaglia d’oro).

L’impegno nel PSI

Nel PSI mantenne una posizione autonoma sia nei confronti della linea “frontista” del dopoguerra sia di quella “autonomista” del periodo successivo; richiamandosi ripetutamente alla collaborazione delle sinistre e all’unità del partito, contro il frazionismo delle correnti.
Presidente della camera dei deputati dal 1968 al 1976, nella competizione apertasi dopo le dimissioni di Leone da presidente della repubblica si impose sui candidati ufficiali del suo stesso partito; risultando eletto al sedicesimo scrutinio (8 luglio 1978) con il voto favorevole dei rappresentanti di tutti i partiti; fatta eccezione dell’estrema destra e di pochi dissidenti (832 voti a favore su 995). Fin dal suo discorso di insediamento si proclamò presidente dell’unità nazionale. Richiamandosi continuamente alla costituzione e al nesso inscindibile tra giustizia e libertà, ricordò i “patrioti” con cui aveva condiviso “le galere del tribunale speciale, i rischi della lotta antifascista e della Resistenza”.

Sempre a favore della pace

Per l’Italia intravedeva una funzione di pace: “si svuotino gli arsenali di guerra, sorgente di morte, si colmino i granai”.
In un momento di grave crisi per il Paese seppe divenire un punto fermo di riferimento per la difesa delle istituzioni democratiche. Dimostrò inoltre di non volersi limitare alla ratifica delle decisioni prese in altra sede; ma di volersi impegnare come protagonista attivo della vita politica, assumendo iniziative dettate da un’interpretazione particolarmente dinamica dei compiti spettanti al capo dello Stato.

Ne conseguì una più diretta assunzione di responsabilità politiche, soprattutto nella soluzione delle crisi di governo che precedettero e seguirono le elezioni del giugno 1979; quando Pertini affidò l’incarico di formare il governo prima a La Malfa e poi a Craxi; rispettivamente primo laico dal 1945 e primo socialista a essere investito di tale responsabilità. Pur rimasti senza esito, quei tentativi costituirono un precedente che aprì la strada alla prima presidenza laica (Spadolini, giugno 1981); e alla prima socialista (Craxi, agosto 1983). Reso popolare da interventi come la protesta per l’inefficienza degli aiuti in occasione del terremoto in Irpinia nel 1980; nonché dal tratto schietto e diretto nel rapporto con i cittadini, si dimise il 29 giugno 1985, poco prima della scadenza ufficiale del mandato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

video

Tg Ambiente – 25/7/2021

In questo numero del Tg Ambiente, prodotto dall'Italpress in collaborazione con TeleAmbiente: Waidy Wow, a Roma un'app unisce sostenibilità e turismo; L'idrogeno per...
video

Tg Giovani – 25/7/2021

In questo numero del Tg Giovani prodotto dall'agenzia Italpress in collaborazione con ScuolaZoo: MaBasta, studenti contro il bullismo; "E tu come stai?",...

Per chi vuole andare in vacanza serve anche il PLF. Ecco cos’è

In questi giorni stiamo sentendo parlare di Green Pass, ma anche di PLF. Questa sigla che indica il Passenger Locator Form, sta...
video

Sorsi di Benessere – Un modo alternativo per preparare le tisane

Nella nuova puntata di Sorsi di Benessere un’idea alternativa per preparare tisane “panciapiatta”, digestiva e diuretica e drenante. Ci dice come fare...

Brusaferro “Vaccino metodo più efficace per convincere i no vax”

“Dobbiamo affrontare la pandemia con metodo scientifico. Far vedere che il vaccino funziona e che le misure attuali – non particolarmente restrittive...

Centrodestra, Meloni “Continuo a crederci, chiediamo rispetto”

ROMA (ITALPRESS) – “La questione Rai e quella dei rapporti con gli alleati non sono collegate. Continuo a credere nel centrodestra, quello che voglio...
video

Giustizia, Conte: “Sostegno ma no soglie impunità”

"Ho assicurato un contributo attento e costruttivo del M5S. Si continuerà a lavorare e il M5S sarà molto attento per miglioramenti e...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

La rinascita dei borghi tra storia, cultura e design

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Il crescente mercato del turismo sostenibile deve e può essere il valore aggiunto, la spinta...