MSC
Home Prima Pagina 24 aprile 1915. Ha inizio il genocidio del popolo armeno

24 aprile 1915. Ha inizio il genocidio del popolo armeno

L’espressione genocidio armeno si riferisce a due eventi distinti ma legati fra loro; il primo è relativo alla campagna contro gli armeni condotta dal sultano ottomano negli anni 1894; il secondo è collegato alla deportazione ed eliminazione di armeni negli anni 1915. Il termine “genocidio” si associa soprattutto al secondo episodio, che viene commemorato appunto il 24 aprile.

Il governo dei «Giovani Turchi» : l’incubo del popolo armeno

Nel periodo precedente la prima guerra mondiale, nell’impero ottomano si era affermato il governo dei «Giovani Turchi»; che avevano paura che gli armeni potessero allearsi con i russi, di cui erano nemici. Già nel 1909 registrò uno sterminio di almeno 30.000 persone nella regione della Cilicia. Nella notte tra il 23 e il 24 aprile 1915 si eseguono i primi arresti tra l’élite armena di Costantinopoli. L’operazione continuò l’indomani e nei giorni seguenti. In un solo mese, più di mille intellettuali armeni, tra cui giornalisti, scrittori, poeti; e perfino delegati al parlamento furono deportati verso l’interno dell’Anatolia e massacrati lungo la strada. Arresti e deportazioni furono compiuti in massima parte dai «Giovani Turchi».

Le marce sotto la supervisione dell’esercito tedesco e turco

Nelle marce della morte, che coinvolsero 1.200.000 persone, centinaia di migliaia morirono per fame, malattia o sfinimento. Queste marce si organizzarono con la supervisione di ufficiali dell’esercito tedesco in collegamento con l’esercito turco; secondo le alleanze ancora valide tra Germania e Impero Ottomano (e oggi con la Turchia); e si possono considerare come “prova generale” ante litteram delle più note marce della morte perpetrate dai nazisti ai danni dei deportati nei propri lager durante la seconda guerra mondiale. Altre centinaia di migliaia furono massacrate dalla milizia curda e dall’esercito turco.

Le fotografie di Armin T. Wegner : testimonianza dei fatti

Le fotografie di Armin T. Wegner sono la testimonianza di quei fatti. Malgrado le controversie storico-politiche, un ampio ventaglio di analisti concorda nel qualificare questo accadimento come il primo genocidio moderno, e soprattutto molte fonti occidentali enfatizzano la “scientifica” programmazione delle esecuzioni. Il governo turco rifiuta di riconoscere il genocidio ai danni degli armeni. Una legge francese punisce con il carcere la negazione del genocidio armeno. Già da tempo la magistratura turca punisce con l’arresto e la reclusione fino a tre anni il nominare in pubblico l’esistenza del genocidio degli armeni; in quanto gesto anti-patriottico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Sicilia, Sardegna e Val d’Aosta in zona arancione, altre regioni in giallo

ROMA (ITALPRESS) – Il ministro della Salute Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia, firmerà in giornata nuove...

Coronavirus, 10.554 nuovi casi e 207 decessi in 24 ore

ROMA (ITALPRESS) – Contagi in discesa in Italia nelle ultime 24 ore. I nuovi positivi, secondo il bollettino del Ministero della Salute sono 10.554...
video

Eolie “Covid free”, Caudo: “Iniziativa straordinaria”

Un'iniziativa straordinaria. Così il presidente dell'Ordine dei Medici di Messina, Giacomo Caudo, definisce l'operazione Eolie "Covid free" che, a partire da Salina, nei...
video

Vaccino, Costa: “A fine agosto saremo al 70% della popolazione”

"L'obiettivo delle 500mila dosi somministrate è stato raggiunto. Se ragioniamo in questi termini, ogni mese vaccineremo 15 milioni di persone, e quindi a...
video

Imprese, a maggio previste 389 mila assunzioni

Sono oltre 389mila le assunzioni programmate dalle imprese per maggio. È quanto emerge dai dati del Bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, realizzato...

Scudetto Inter, assembramenti in piazza Duomo per la festa dei tifosi

MILANO (ITALPRESS) – Centinaia di tifosi dell’Inter si sono riversati in piazza Duomo, a Milano, per festeggiare il 19esimo scudetto dei nerazzurri, conquistato con...

Coronavirus, 9.148 nuovi casi e 144 decessi in 24 ore

ROMA – Sono 9.148 i nuovi casi di Coronavirus in Italia (ieri 12.965) a fronte di 156.872 tamponi effettuati su...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

La rinascita dei borghi tra storia, cultura e design

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Il crescente mercato del turismo sostenibile deve e può essere il valore aggiunto, la spinta...