MSC
Home Top News Torino, in città poche startup che fatturano poco e mal finanziate

Torino, in città poche startup che fatturano poco e mal finanziate

TORINO (ITALPRESS) – Nella sua trasformazione post industriale, Torino ha cercato di ritagliarsi un ruolo come nuova capitale dell’innovazione, un sentiero molto battuto dalla sindaca Appendino e dai ministri grillini.

Sono così sorti incubatori di start up, strumenti e fondi per accelerare lo sviluppo di queste imprese dentro e fuori dagli atenei, oltre all’hub dell’innovazione realizzato alle Ogr di Torino con uno dei più grandi acceleratori al mondo, Techstars, dove è arrivata Microsoft e potrebbe a breve aggiungersi anche Facebook. Eppure, nonostante investimenti importanti, i risultati non arrivano e questa frontiera sembra sfarinarsi. E’ quanto emerge da una ricerca stilata dal Club degli Investitori, un gruppo di business angel.

Ad oggi sono 459 le startup presenti nel torinese, di queste 132 hanno risposto al questionario, e 382 sono state censite. Dall’analisi risulta che le startup torinesi sono innanzitutto poche, una ogni 5.775 abitanti mentre a Milano la media è di una ogni 1.455 abitanti. Non solo, il fatturato medio è del 30% inferiore alla media nazionale (132.220 euro contro 162.647). Un valore che cala del 38% se si considera il valore mediano. Lo startupper torinese è poi anziano, comincia a 40 anni, e di solito è un ex manager che si è messo in proprio. Cosa manca? Secondo gli startupper gli investitori. Non la pensa così Giancarlo Rocchietti, presidente del Club degli Investitori che al contrario, parlando con Italpress, evidenzia una narrazione tutta diversa: “Non è vero, ci sono molte famiglie con capitali.


Agli startupper dico di muoversi di più e di ricercare i fondi. La presenza di un privato nel proprio capitale, consente di avere una prospettiva di più lungo termine, crea valore ulteriore”.
Serve quindi coraggio, e voglia di impegnarsi a cercare i fondi con cui crescere, invece magari di aspettare contributi pubblici o para-pubblici. “Chi raccoglie pochi fondi privati, cresce meno.
Cdp ha fatto bene a porre come condizione che ci sia un socio privati che li affianchi” conclude Rocchietti.
(ITALPRESS).

Must Read

La Galleria Minima di Mario Tosto presenta il progetto Nero Profondo

“Nel mio contemporaneo sociale il mare è simbolo di tragedia ma anche luogo generoso di vita. Il suo destino immutabile dona il senso d’infinito...

Covid, Conte “Non possiamo consentire vacanze sulla neve”

ROMA (ITALPRESS) – “Sullo spostamento tra regioni a Natale, ci stiamo lavorando ma se continuiamo così a fine mese non avremo più zone rosse....

Ice e Alibaba Group, nasce Made in Italy Pavilion

ROMA (ITALPRESS) – L’Agenzia ICE e Alibaba Group hanno siglato oggi un Memorandum of Understanding (MoU) per la creazione del “Made in Italy Pavilion”...

George Clooney e il regalo di 14 milioni di dollari ai suoi migliori amici

Un milione di dollari a ciascuno dei suoi 14 amici più cari è quanto elargito da George Clooney per ringraziarli di essergli...

Teora – 40 anni dopo il Terremoto del 1980

Teora, in provincia di Avellino dopo 40 anni dal grande sisma che distrusse letteralmente le vite di migliaia di persone. Un paese...

Mancini guarito dal Covid “Finalmente negativo, sto bene”

Coronavirus? Sto bene, ho finito oggi: sono risultato negativo questo pomeriggio”. Così Roberto Mancini, il ct della Nazionale italiana, nel corso della presentazione di...

Fofi, investire sul ruolo dei farmacisti per un Ssn più forte

ROMA (ITALPRESS) – Si è chiuso il Congresso nazionale dei farmacisti italiani, quest’anno declinato in formato digitale per rispettare le regole di prevenzione del...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

Bonus Tiroide 2019, ecco come richiederlo

E' di 500 euro il bonus tiroide 2019 con l'esenzione ticket. Possono richiederlo gli invalidi civili almeno al 33% e si ha...