MSC
Home Top News Il “Modello Genova” una storia di successo

Il “Modello Genova” una storia di successo

MILANO – Quindici mesi di lavori per portare a compimento la costruzione del nuovo Ponte San Giorgio, il viadotto che attraversa la valle del Polcevera; e restituisce alla città di Genova un’infrastruttura strategica per la sua rete di mobilità. Alle spalle c’è quello che molti hanno chiamato il “Modello Genova”; un nuovo paradigma per il settore delle costruzioni che basa la sua efficacia su alcuni fattori chiave.
Al primo posto la collaborazione. Come ricorda il Gruppo Webuild, “nasce dalla puntuale collaborazione tra le imprese che hanno realizzato l’opera con le istituzioni centrali, quelle locali, le forze di polizia, i sindacati fino alla stessa cittadinanza. Tutti hanno dato il loro contributo; tutti hanno remato nella stessa direzione, superando le lungaggini della burocrazia e permettendo alle imprese di concentrarsi sulla costruzione”.

Il secondo pilastro del “Modello Genova” è stato la trasparenza, “intesa come condivisione del progetto, ma anche come apertura del cantiere agli sguardi esterni”. E questo non solo attraverso le telecamere attive 24 ore su 24, ma con una mostra permanente allestita nel Porto Vecchio della città; e una serie di visite organizzate con i ragazzi delle scuole di Genova per presentare quello che sarebbe diventato il loro ponte. Fondamentale è stato anche il lavoro di squadra con tutta la filiera. Oltre 330 imprese, provenienti da tutte le regioni italiane, hanno dato il loro contributo come fornitori e subfornitori di Webuild. Imprese di medie e piccole dimensioni che hanno messo le loro eccellenze e i loro brevetti al servizio di un obiettivo condiviso. Alla realizzazione hanno preso parte anche gli oltre mille addetti, tra ingegneri, tecnici e operai, che per mesi hanno lavorato giorno e notte in cantiere.

“Mille persone impegnate contro la pioggia, la neve, il vento, la minaccia del Covid-19; rispettando i più rigidi protocolli di sicurezza. E permettendo con il loro lavoro e la loro passione di conquistare quello che per tutti è ormai un record nella storia italiana delle grandi opere. Un record ottenuto solo grazie alla collaborazione, alla trasparenza, al lavoro di squadra, alla sicurezza, in una parola grazie al ‘Modello Genova’ ”.

Must Read

Governo, nasce in Senato il gruppo “Europeisti Maie-Centro Democratico”

ROMA (ITALPRESS) – Prende forma al Senato il gruppo “Europeisti Maie – Centro Democratico”. Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari, è stata raggiunta...

Inter in rimonta sul Milan, nerazzurri in semifinale

MILANO (ITALPRESS) – L’Inter si aggiudica il derby di Coppa Italia contro il Milan e stacca il pass per la semifinale. A San Siro...

La fabbrica diventa smart anche in Italia: il caso della Cornaglia Spa

Il mercato dell’Industria 4.0 in Italia nel 2019 ha toccato quota 3,9 miliardi di euro, con una crescita del 22% rispetto all’anno...

Avellino: muore una ragazza di 17 anni in un incidente

Poco fa è giunta la notizia della morte di una 17enne di Avellino in seguito ad un Incidente avvenuto all’incrocio tra Via...

Conte “Serve un’alleanza per un Governo di salvezza nazionale”

Questa mattina ho convocato un Consiglio dei Ministri per comunicare la mia intenzione di dimettermi. Poco dopo mi sono recato al Quirinale per rassegnare...
video

Napoli, crolla muro adiacente chiesa “Rosariello” in via Cavour

Crollo questa mattina a Napoli. Ha ceduto il muro di un'abitazione adiacente alla facciata della chiesa di Santa Maria del Rosario...

Associazioni “Inutile e oneroso registro carico e scarico dei cereali”

ROMA – Il registro di carico e scarico dei cereali, introdotto nell’ultima Legge di Bilancio, è una misura di difficile applicazione;...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

Bonus Tiroide 2019, ecco come richiederlo

E' di 500 euro il bonus tiroide 2019 con l'esenzione ticket. Possono richiederlo gli invalidi civili almeno al 33% e si ha...