MSC
Home LifeStyle Un abbraccio che commuove, Aubrey avvolta dai guanti del papà defunto

Un abbraccio che commuove, Aubrey avvolta dai guanti del papà defunto

Un abbraccio che riempie un vuoto doloroso e che conquista il sorriso più tenero mai visto. Una storia commuovente che invade la rete.

La conferma che certi legami non necessitano di presenza fisica.

Aubrey, una meravigliosa neonata di appena 3 settimane, fotografata mentre riceve il più tenero degli abbracci. Ad avvolgerla sono i guanti del papà deceduto poco prima della sua nascità.

Un abbraccio oltre il tempo e lo spazio

Hector Daniel Ferrer Alvarez, tragicamente scomparso nel mese di aprile, per un fatale incidente, un mese prima del lieto evento, non conoscerà mai sua figlia.

Il sorriso di Aubrey, tuttavia, lascia intravedere la speranza che certi rapporti sopravvivono all’assenza fisica.

Esiste una memoria ancestrale che getta i suoi semi in attesa di germogliare; origina da tempi remoti, ancor prima del concepipento, capace di custodire copioni generazionali ed esperienze intrauterine.

La memoria di un abbraccio percepito

La voce dei genitori, la loro canzone preferita, il ritmo del cuore della mamma, quei suoni soffusi che caratterizzano l’amore di cui un bambino è circondato ancor prima di essere un tenero progetto.

E quel papà, mai conosciuto, esisteva già nel suo cuore, la sua voce calda e accogliente ha accompagnato la sua crescita e vibrerà sotto la sua pelle per tutta la vita di Aubrey.

La prova di quel legame è quel sorriso sereno, teneramente incorniciato dai guanti del papà che ancora conservano il suo profumo.

Un angelo custode con i guanti di pelle

L’immagine commuovente è stata scattata in Florida, dalla fotografa Kim Stone e in pochissimo tempo è stata inondata da oltre sette milioni di like.

Commenta Kim:

“Suo padre amava la moto e portava sempre l’equipaggiamento protettivo. Voleva assicurarsi di essere al sicuro. Non poteva correre rischi con la bambina in arrivo ma purtroppo non potrà mai tenerla tra le braccia. Si dice che quando i bambini sorridono nel sonno, stanno parlando con gli angeli”.


Aubrey sta davvero comunicando con un angelo, il suo papà che, ovunque sia, sarà un sospiro rassicurante sulla pelle della sua principessa.

Must Read

Svizzera, gallo condannato dal tribunale

A causa dei rapporti di vicinato difficili alcune persone hanno fatto causa a un gallo e l'hanno vinta. Un tribunale svizzero ha...

Il regime delle agevolazioni fiscali sulla prima casa

Il momento dell'acquisto della prima casa è molto importante. Gli oneri fiscali che gravano al momento dell'acquisto di...

In ricordo dell’intramontabile Andrea Camilleri: grazie

Solo uno scrittore A cura di Monica Cecere. Se Andrea Camilleri fosse stato solo uno scrittore – di successo certo...

Il ritorno di Gossip Girl, alla scoperta del nuovo cast

"Buongiorno Upper East Side, sono Gossip Girl e devo darvi una notizia sensazionale" Da un paio di giorni si...

I 50 anni dell’uomo sulla Luna: il ricordo di un pezzo di storia

A cinquant'anni dal primo atterraggio sulla Luna. Armstrong fu il primo-grande uomo a compiere il primo-grande passo dell’umanità, posando il piede sulla...