Rivoluzione Lego: nasce la serie Hidden Side con un’app in realtà mista

0
20

Mettiamo da parte gli smartphone e giochiamo con i classici Lego. Ecco, questa distrazione dalla tecnologia non sarà più possibile in futuro dopo il lancio da parte di Lego della serie Hidden Side.

Realtà aumentata

La nuova idea di gioco che Lego si appresta a lanciare sul mercato dal primo di agosto è qualcosa di rivoluzionario. Lego Hidden Side è un vero e proprio passo dell’azienda nell’universo digitale. Un incrocio tra la classica costruzione con una miriade di mattoncini che si trasforma una volta terminato il gioco in un’esperienza aumentata grazie ad un’applicazione.

Il gioco

Una scuola, un laboratorio, un cimitero, un ristorante, un’imbarcazione, uno scuolabus, un fuoristrada e un treno. Saranno queste le ambientazioni disponibili per il lancio di Hidden Side Lego. La magia inizierà una volta terminata una di queste costruzioni.

Accedendo all’app predisposta, inquadrando parte del mondo in mattoncino questa si popolerà di fantasmi e strane creature da scoprire. Un gioco che si snoda tra mattoncini e virtuale. Quello che non è visibile a occhio nudo si paleserà all’attenzione del bambino attraverso lo smartphone e alla sua telecamera. Attraverso gli otto scenari di lancio bisognerà scovare una quarantina di spiriti virtuali e 25 minifigure.

Le motivazioni di una rivoluzione

Dal quartier generale di Billund i due creatori materiale del progetto, Murrey Andrews, responsabile della parte sintetica, e da Luis Gomez, colombiano che si è occupato di quella fisica fanno sapere che: “Il nostro obbiettivo è cercare un modo nuovo con cui far giocare i bambini. Sappiamo che le loro grandi passioni sono tre: i giochi digitali, le costruzioni e i misteri. E sappiamo anche che oggi, per un bambino, non c’è alcuna separazione fra questi ambiti. Per loro tutto è, indifferentemente, gioco. Abbiamo quindi lavorato due anni per assicurarci che il mondo fisico e quello digitale interagiscano in una nuova Lego experience, senza soluzione di continuità. Un gioco fluido, appunto. Vero, l’azienda ha già in produzione set che sfruttano la realtà aumentata, ma niente è come Hidden Side. Non volevamo creare un gioco per smartphone, ma offrire un’esperienza che, dal digitale, riconducesse costantemente alla fisicità delle costruzioni”.