MSC
HomeLifeStylePuma a sostegno del pianeta: presentato il piano per abbattere l'effetto serra

Puma a sostegno del pianeta: presentato il piano per abbattere l’effetto serra

Il marchio di moda tedesco Puma ha annunciato piani per ridurre le sue emissioni di carbonio del 35% entro il 2030.

L’obiettivo, che è stato approvato dall’iniziativa Science Based Target (SBTi), assicura che l’azienda raggiunga gli obiettivi dell’accordo di Parigi, che mira a limitare il riscaldamento globale a ben al di sotto di 2 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali.

Le promesse e gli obiettivi di Puma

Puma si è impegnato a ridurre del 35% entro il 2030, rispetto al 2017, le emissioni degli impianti di proprietà e gestiti, nonché il fabbisogno energetico.

L’azienda mira inoltre a ridurre del 60% per milione di euro di vendite tra il 2017 e il 2030 le emissioni di Scope 3, provenienti da beni e servizi acquistati.

Stefan Seidel, responsabile della sostenibilità aziendale di Puma, ha dichiarato in un comunicato: “Recenti rapporti scientifici hanno evidenziato la necessità di un’azione urgente, dato che il riscaldamento globale sta avvenendo a un ritmo più veloce di quanto previsto in precedenza. Ecco perché Puma vuole essere parte della soluzione impostando un percorso audace verso la riduzione delle emissioni di gas serra”.

Gli altri marchi

La notizia arriva sulla scia di annunci simili fatti da importanti aziende di moda, come Burberry e Lenzing, sulla riduzione delle emissioni di carbonio nelle loro catene di fornitura.

“Sappiamo che l’industria della moda ha un impatto significativo sull’ambiente, ma la rapida crescita della produzione globale di abbigliamento e calzature non mostra segni di rallentamento”, ha commentato Cynthia Cummis, direttore della mitigazione climatica del settore privato presso il World Resources Institute (WRI), uno dei partner di SBTi. “Abbiamo bisogno di un maggior numero di aziende del settore per seguire l’esempio di Puma e perseguire strategie globali per decarbonizzare e fare la propria parte per prevenire i cambiamenti climatici catastrofici”.

Must Read