MSC
Home LifeStyle Fashion Il cappotto femminile : una storia d'amore, nata 300 anni fa

Il cappotto femminile : una storia d’amore, nata 300 anni fa

Il rapporto è certamente d’amore: la donna considera il cappotto un vero must have. Nasce così, questo capo d’abbigliamento essenziale e fashion : le nostre antenate, agli inizi del 1700, lo indossavano per le uscite a cavallo. Era un cappotto lungo, che prendeva taglio e stile dal capo maschile. Quello da donna, aveva una lunghezza al ginocchio ma successivamente si accorciò per diventare una giacca corta, sempre da indossare durante i viaggi e le cavalcate.

I cappotti lunghi divennero famosi e furono moda negli anni tra il 1870 e 1890. Per tutto il secolo furono utilizzati manicotti e colli in pelliccia per impreziosire il capo. Nel ‘900 però divenne lusso e solo verso gli anni ’60, a fronte di costi inferiori per produzione di massa di pelli più economiche, divenne indumento alla portata di molte.

Evoluzione del cappotto dagli anni Venti del ‘900 ad oggi

Per seguire le mode, il cappotto da donna torna ad avere un taglio maschile solo negli Anni Venti. Un decennio più tardi si ispira invece alla moda parigina, ma durante il periodo di guerra questo capo d’abbigliamento diventa rigido, squadrato e pesante, come a ricordare il periodo difficile che si sta vivendo.

Solo negli anni Cinquanta il cappotto torna ad essere femminile e ad avere linee che esaltano le forme delle donne e non le nascondono. Fu Christian Dior, in quegli anni a reinventare il modello rendendolo un must have del guardaroba femminile.

Negli anni Sessanta e Settanta abbiamo avuto i mini cappotti e poi è arrivato il modello da “donna in carriera“; negli Anni Ottanta l’estro della stilista Anna Maria Beretta crea il modello che diventa un’icona contemporanea: ampio e lungo al polpaccio, in cashmere color cammello e con un taglio comodo che si adatta a tutte le figure. 

Anne-Marie Beretta. Robe. soie façonnée gris blanc sur fond noir. 1983-1984. Galliera, musée de la Mode de la Ville de Paris.

Con l’avvento del piumino, il cappotto ha rischiato di perdere il primato. Ci sono stati anni in cui è stato snobbato, soppiantato quasi del tutto da piumini di tutte le forme e lunghezze. Ora sembra contendersi il ruolo con il piumino e fare a gara per primeggiare.

Piumino donna Colmar

Per questo inverno il nostro amato “coat” è immancabile. Vediamo i brand che l’hanno proposto nelle loro collezioni invernali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Ungheria, Sassoli “Commissione Ue applichi regolamento su stato diritto”

BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – Il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, ha scritto alla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, chiedendo alla...

Elton John, a Milano ultima data italiana tour addio

MILANO (ITALPRESS) – Elton John annuncia le date finali del suo trionfale Elton John Farewell Yellow Brick Road:The Final Tour in Regno Unito, Europa...

Barelli “Paltrinieri è affetto da mononucleosi”

ROMA (ITALPRESS) – Tegola per il nuoto azzurro in vista di Tokyo2020. “Gregorio Paltrinieri è affetto da mononucleosi, seppur avverta leggeri sintomi. Conosceremo gli...
video

Giustizia, Salvini: “L’Anm teme di perdere privilegi”

“Minacciare forti reazioni di fronte alla volontà popolare mi sembra improprio di un paese libero, civile, trasparente e democratico". Lo ha detto il...
video

Lavoro, Orlando: “Dal G20 messaggio in sintonia con i contenuti del Pnrr”

“Dal G20 passa un messaggio molto in linea e in sintonia con i contenuti del Pnrr appena approvato nella sua prima tranche dalla...
video

La silver economy risorsa preziosa per il Paese

La silver economy risorsa preziosa per il Paese. L’88,7% si definisce il bancomat di figli e nipoti, ma per il 54,3% dei giovani nel nostro...

Catania, da Open Fiber e Vodafone la prima connessione a 10 Gbps

CATANIA (ITALPRESS) – La tecnologia di Open Fiber e l’esperienza di Vodafone nel gestire servizi ad alta capacità consentono di raggiungere una velocità simmetrica...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

La rinascita dei borghi tra storia, cultura e design

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Il crescente mercato del turismo sostenibile deve e può essere il valore aggiunto, la spinta...