MSC
Home LifeStyle Green Funghi neri nel reattore di Chernobyl, si cibano di radiazioni

Funghi neri nel reattore di Chernobyl, si cibano di radiazioni

Funghi neri che fagocitano le radiazioni, stanno popolando i reattori abbandonati di Chernobyl producendo energia; scoperta che cambierà le sorti dell’umanità.

Hanno attirato l’interesse dei ricercatori già nel 1991; un robot pilotato a distanza si è addentrato nell’inferno della centrale nucleare abbandonata di Chernobyl. Le pareti di quelle stanze spettrali si erano popolate di svariate concentrazioni di funghi che diventavano più fitte attorno alle fonti di radiazioni. Lo stupore era dovuto al fatto che, nel reattore nucleare n. 4 sembravano distruggere la grafite radioattiva.

Funghi che fanno sperare

Svariati anni dopo, nel 2007, la professoressa Ekaterina Dadachova dell’Università di Saskatchewan, insieme al suo team, si concentrò su alcuni esemplari Cladosporium sphaerospermum, Cryptococcus neoformans e Wangiella dermatitidis; tre specie di funghi presenti nel reattore, scoprendo la loro capacità di proliferare più velocemente in ambienti ricchi di radiazioni rispetto ad altre specie di funghi.

Le tre specie erano accomunate da un’elevata concentrazione di melanina, il pigmento presente anche nella loro pelle che ci protegge dalle radiazioni solari. Nota la sua capacità di assorbire la luce e dissipare le radiazioni ultraviolette.

I ricercatori hanno confermato che la melanina presente nei funghi era in grado di assorbire le radiazioni nucleari per convertirla in energia chimica utile alla loro crescita in alternativa alla clorofilla, fonte di energia per le piante.

Tali preziosissime suggestioni hanno promosso ulteriori studi, nella speranza di contrastare gli effetti letali delle radiazioni; scoperte che potrebbero essere molto utili nelle ambizioni di esplorare lo spazio; si tutela, nel contempo, gli astronauti impiegati nella missione. I ricercatori del Jet Propulsion Laboratory hanno inviato otto specie raccolte dall’area alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nel 2016, per osservarne il comportamento. L’ambiente ISS espone gli esseri umani a radiazioni tra le 40 e le 80 volte superiori rispetto a quelle presenti sulla Terra. I risultati di questo esperimento devono ancora essere pubblicati.
La speranza per i ricercatori è quella di riuscire a ottenere dai funghi molecole utili da somministrare agli astronauti; questo allo scopo di proteggerli dalle radiazioni a cui sono esposti durante le missioni.

Pensate ala possibilità di individuare nuove fonti di energia “disarmando” gli effetti disastrosi della radioattività.

Must Read

Roma, nuova illuminazione artistica per Porta Pia

ROMA (ITALPRESS) – Nuova illuminazione artistica, a Roma, per Porta Pia. L’inaugurazione si è tenuta in occasione dei 150 anni della “breccia”. Il nuovo...

Serie A. Nessun gol al Bentegodi, Verona-Roma 0-0

VERONA (ITALPRESS) – La Roma all’esordio in campionato non va oltre uno 0-0 contro l’Hellas Verona. Un risultato bugiardo al Bentegodi: nove tiri dei...

Outlaw, un cocktail unico dal sapore “illegittimo”

DRINK: OUTLAW (ispirato al film "Lawless", di John Hillcoat, 2012) BARMAN: Ugo Acampora, del Twins, cocktail, wine, coffee di Napoli, già vincitore del Premio...

Accordo Governo-Regioni: mille spettatori per le partite di Serie A

ROMA (ITALPRESS) – Mille spettatori per tutte le partite della Serie A di calcio. Questo l’accordo tra Governo e Regioni per mettere fine alle...

Fiorentina-Torino 1-0, decide Castrovilli

FIRENZE (ITALPRESS) – La Fiorentina debutta con un successo in campionato battendo 1-0 il Torino grazie a una rete di Castrovilli a 12′ dalla...

Incentivi statali per il fotovoltaico, scoperta maxi truffa da 40 mln

BARI (ITALPRESS) – Scoperta dalla guardia di finanza di Bari una maxi truffa da 40 milioni di euro negli incentivi statali per il fotovoltaico....

“Ti Amo Italia”, alla scoperta del Belpaese con Enit e Nutella

ROMA (ITALPRESS) – Si chiama “Ti Amo Italia” ed è la nuova iniziativa di Enit e Nutella per promuovere il nostro Paese. “Ti Amo Italia”...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

Bonus Tiroide 2019, ecco come richiederlo

E' di 500 euro il bonus tiroide 2019 con l'esenzione ticket. Possono richiederlo gli invalidi civili almeno al 33% e si ha...