MSC
Home In Evidenza Il villaggio dei treni: soggiornare in antiche carrozze in Piemonte

Il villaggio dei treni: soggiornare in antiche carrozze in Piemonte

Il villaggio dei treni, location davvero particolare e suggestiva, è situato nella piccola frazione di Osso Croveo, a Baceno, in Piemonte, a 900 metri d’altitudine.

Un luogo che ricorda quasi un posto incantato di una fiaba e che si chiama così proprio perchè si trova in una vecchia stazione ferroviaria che in realtà non è mai stata in funzione, perché è nata come campo estivo per i più piccoli.

Questo magico posto è nato dall’idea di Padre Michelangelo, un frate cappuccino che voleva realizzare un campo estivo per permettere ai bambini di giocare e svagarsi durante le vacanze estive.

Fu proprio lui a chiedere all’allora Ministro dei Trasporti, Oscar Luigi Scalfaro se poteva donare alla sua comunità qualche vecchia carrozza.

Nel 1960 è nato così il Villaggio dei Bimbi, grazie a qualche vecchio treno dismesso posizionato in una splendida vallata nel bel mezzo della natura.

Oggi il luogo è diventato un’attrazione turistica che attira soprattutto gruppi di giovani viaggiatori e famiglie che desiderano un po’ di relax nel verde panorama del Piemonte.

Questo parco è costituito da 28 carrozze, quasi tutte d’epoca.
Al loro interno, alcune sono predisposte per accogliere fino a 10 o 12 persone, in comode camere dotate di ogni servizio essenziale.

Vagoni “speciali”

Ci sono poi nel parco altri vagoni allestiti in modo diverso e che rendono il tutto davvero speciale.

C’è il Presepio, una struttura buia addobbata di particolari illuminazioni che creano uno spettacolare gioco di luci su una ricostruzione del paesaggio tipico della zona.
E c’è anche il museo, nel vagone “C’era una volta“, al cui interno ci sono pezzi storici inerenti, per la maggior parte, proprio ai treni.

Oltre a questi ci sono poi il vagone dell’arte che è ricco di opere d’arte e il vagone chiamato “Paese dei Balocchi” che permette anche agli adulti di fare un tuffo nel passato, tra giocattoli e peluche.

Il Villaggio dei Treni offre anche un punto ristoro dove vengono preparati i vari pasti che possono essere consumati a diretto contatto con la natura.

All’interno del parco ci sono poi attrazioni pensate proprio per i più piccoli, come scivoli e altalene, campi da calcio e da pallavolo.

La vacanza nel Villaggio dei Treni permette anche di poter visitare a pochi chilometri di distanza dei posti davvero suggestivi.

Ci sono ad esempio a pochi chilometri gli Orridi di Uriezzo, un complesso di gole tortuose formatesi dall’azione degli impetuosi torrenti che secoli fa scorrevano a valle del Ghiacciaio del Toce.
Oppure a quota più elevata ci sono le splendide cascate del Toce, le meravigliose cascate più alte d’Europa.

Una vacanza tra natura, relax e posti incantevoli, ideale soprattutto per gli amanti della natura e dell’avventura.

Must Read

Mercato nero di organi, baratti di vite, di anime e denaro intriso di sangue

Il mercato nero degli organi è una realtà quasi taciuta, sotterranea, ma particolarmente diffusa; i donatori "involontari" sono spesso bambini.

E’ iniziata l’ora X, Conte al Senato che farà chiarezza sulla crisi di governo

Le 15 di questo pomeriggio segnano l'ora X; il presidente del Consiglio Conte è già al suo posto: il Senato. Quel Senato...

Paul Kaptein, lo scultore del legno, tra materia, vuoto e potenziale

Paul Kaptein è un artista che scolpisce nel legno un'idea complessa; esprime il vuoto ed il potenziale trasformativo nella materia.

Artista scolpisce la vita negli alberi morti, l’arte nella foresta

Un artista giapponese restituisce la vita ai tronchi di alberi oramai morti; diventano graziosi animali della foresta e spopolano sui social.

Ansia da prestazione: un nemico sotto le lenzuola da mettere alla porta

L'ansia da prestazione è la chiave emblematica per riconoscere l'insicurezza che la alimenta; è possibile affrontare la difficoltà e risolverla.