MSC
Home Trend Design Il camino, uno "stato d'animo"

Il camino, uno “stato d’animo”

A cura dell’Architetto Marco Minichiello

Doveva essere bello nelle sere d’inverno stendersi sulle stuoie davanti al fuoco di tronchi, e ascoltare la voce della foresta in colloqui selvaggi col vento.
(Grazia Deledda)

Dalle sue origini il caminetto veniva considerato come fonte di calore, utile anche per illuminare e veniva posizionato al centro delle abitazioni, per via  dei materiali di costruzione di queste ultime.

In seguito, per vari motivi, il caminetto nelle abitazioni  assunse altre posizioni fino ad essere collocato alle spalle delle pareti, coprendo una nuova funzione oltre quella di riscaldare, cucinare.

Dagli inizi del 1200 i caminetti hanno iniziato ad assumere varie forme, a padiglione con colonne, rettangolari, ma con scarso tiraggio e con dispersione del calore. Bisognò aspettare agli inizi del 1600 per  miglioramenti di materiali e di metodi innovativi di costruzione.

Infatti, tra gli innovatori dei caminetti a parete ricordiamo l’architetto Savot che lo progettò pensando di sfruttarlo per l’aria calda a contatto con le pareti, mentre Gaucher introdusse le prese d’aria sia per il ricambio di aria, sia per lasciare negli ambienti temperature ottimali per chi li viveva.

L’inverno è il periodo dell’anno che favorisce maggiormente l’immaginazione: ci si siede davanti al caminetto, si riflette sul passato, su quello che è stato l’anno appena trascorso, ci si prepara a quello che verrà. È una stagione psicologica, oltre che temporale.
(Sting)

Ma le innovazioni più decise avvennero nel 1700 con Benjamin Franklin che con il progetto del camino “ Franklin” apportò il miglioramento delle riduzioni dei fumi tramite esalazioni e con Benjamin Thompson ( l’uomo che tolse il fumo dalle case di Londra”) che  con le sue ricerche ed i suoi esperimenti fu il primo a comprendere e utilizzare il cosiddetto calore radiante e portò quasi alla perfezione la tecnica di costruzione dei caminetti da riscaldamento.

Un esempio fu il camino Ramford.

Tra gli studiosi ad occuparsi del camino dal punto di vista tecnico c’è  Leonardo da Vinci che, in un paio di disegni del Codice Atlantico, propone uno studio originale sull’alimentazione della fiamma, realizzata con una presa d’aria esterna a imbuto che ne migliora le prestazioni.

Il camino, quindi, dalle sue origini inteso soprattutto come simbolo di unione delle famiglie, del “ ritrovarsi”, del  “  riscaldarsi e far luce “, lo ritroviamo oggi con ulteriori funzioni. Oltre quella di riscaldare gli ambienti con impianti di ultima tecnologia e generazione (termocamino, oppure impianti per produzione di energia elettrica..) anche quella di supportare l’attenzione verso il risparmio economico ed energetico e, quindi, verso l’ambiente.

Anche Leon Battista Alberti, nel De Re Aedificatoria Libri X, fornisce indicazioni pratiche sulla costruzione dei camini:

“Le qualità del camino sono le seguenti: essere accessibile, poter riscaldare più persone ad un tempo, dare luce in quantità sufficiente, non essere esposto al vento; ma sarà provvisto di uno sbocco per il fumo, altrimenti mancherebbe il tiraggio.

Non è bene pertanto sistemarlo in un angolo, né eccessivamente incassato nel muro, ma neppure d’altra parte in mezzo alla sala, ove gli ospiti siedono a mensa; non dovrà essere molestato da correnti d’aria provenienti dalle aperture; la sua imboccatura non dovrà sporgere di molto dal muro.

La sua gola sia ampia, ben estesa orizzontalmente dal lato destro al sinistro, ed elevata verticalmente ad una altezza tale da superare con il comignolo tutti i timpani dell’edificio. Quest’ultimo accorgimento è richiesto sia per evitare gli incendi, sia perché non accada che il vento, infiltrandosi tra le tegole, invii folate nella gola, rimandando giù dall’alto il fumo.

La sommità del fumaiolo verrà dotata di copertura per proteggerlo dalla pioggia; tutt’intorno vi saranno aperte delle finestrelle di sbocco, che però dovranno essere fornite di schermatura contro gli assalti del vento; tra queste ultime e le finestrelle occorrerà lasciare uno spazio sufficiente perché vi passi il fumo. Ove ciò non fosse attuabile, consiglierei di sistemare, sopra un’antenna verticale, uno strumento da me denominato vertula, consistente in una cassa di rame grande quanto basta per contenere in sé l’imboccatura superiore del camino; di modo che il fumo, ingolfatosi tutto nella bocca inferiore, verrà spinto fuori a forza, a dispetto dei venti.

Al di sopra del focolare, a metà della canna fumaria, occorre sistemare trasversalmente un battente di ferro: quando tutto il fumo sia esaurito, e la brace, fattasi luminosa, abbia cominciato a covarsi, tale sportello si girerà in modo da chiudere la canna; in questo modo non potrà aprirsi il varco attraverso di essa un sol alito di vento proveniente dall’esterno.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

video

Sorsi di Benessere – Un dessert alleato della pelle

Nella nuova puntata di Sorsi di Benessere, Angelica Amodei presenta un dessert leggero, alleato della bellezza della pelle, a base di zucca, latte...

Industria e distribuzione a governo, tavolo filiera prezzi materie prime

MILANO (ITALPRESS) – L’industria dei beni di consumo e le aziende della distribuzione moderna chiedono al governo di aprire un tavolo di filiera per...

Urne aperte per i ballottaggi, occhi puntati su Roma e Torino

ROMA (ITALPRESS) – Urne aperte per i ballottaggi. Si vota oggi fino alle 23 e domani, dalle ore 7 alle 15. Dopo i risultati...

Mantova – “Supernove”, per celebrare l’impegno delle donne nella Scienza

Gommalacca Teatro si prepara a presentare a Mantova la sua ultima produzione “Supernove”; spettacolo divulgativo multimediale che celebra l’impegno delle donne nella...

Da 0-2 a 3-2, Verona ko e il Milan vola in testa

MILANO (ITALPRESS) – Da una nuova possibile ‘Fatal Veronà a una rimonta di tre reti che vale il miglior avvio di sempre in campionato....

Bryan Adams, a marzo il nuovo album “So Happy It Hurts”

ROMA (ITALPRESS) – Quarant’anni di carriera, 14 album che sono impressi nella memoria di più generazioni, prima posizione in classifica in 40 Paesi nel...

Dal 2023 la nuova sede “sostenibile” di Findomestic a Firenze

ROMA – Findomestic, società di credito al consumo del gruppo BNP Paribas, investe nel futuro sostenibile; con l’acquisizione di un immobile...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

TV: arriva “Matrimoni impossibili“, il nuovo format su chi si promette eterno amore

Domenica 9 agosto ore 9.50 e il 16 agosto alla stessa ora, su Real Time, canale 31 del digitale terrestre, andranno in onda le prime puntate...