MSC
Home Food e Drink Liquore al caffè, 3 varianti per tutti i gusti e per ogni...

Liquore al caffè, 3 varianti per tutti i gusti e per ogni ora

Il liquore al caffè è perfetto da gustare in fase digestiva o nel pomeriggio per “svegliarsi” dopo lunga meritata siesta sull’amaca, in giardino.

Ottimo anche come aperitivo da offrire prima di un pasto luculliano; può essere servito in bicchierino ghiacciato che esalti l’aroma avvolgente del caffè.

Amato da gran parte del popolo italiano, quasi fosse un vessillo, una bandiera che simboleggia la nostra cultura gastronomica, o meglio, “post gastronomica”.

Davvero semplice da preparare ed è per questo che la sua ricetta è molto apprezzata e realizzata. Il procedimento è abbastanza breve e non ha limiti stagionali; a temperatura ambiente è perfetto anche in inverno, freddo è graditissimo in estate.

Un liquore entrato nella tradizione italiana

Tutti conoscono il “tradizionale” Caffè Borghetti, una bevanda alcolica a base di caffè. Realizzato, per la prima, da Ugo Borghetti, un barista di Ancona che immortalò con liquore poi diventato famosissimo, l’apertura della ferrovia Pescara – Ancona nel 1860.

La ricetta originale prevedeva una miscela di caffè arabica, caffè robusto e liquore, che sancì la notorietà di Borghetti; si trasferi, infatti, nella capitale per promuovere nuovi spazi commerciali promozionali.

Oggi si associa, spontaneamente, ai momenti goliardici del calcio italiano, creando, così, un connubio vincente.

La ricetta del liquore al caffè

Una delle ricette più diffuse del liquore al caffè ha pochi e semplici ingredienti che assicurano un sapore travolgente.

Ingredienti:

  • 200 g di zucchero
  • 300 ml di acqua tiepida
  • 300 ml di alcool puro (a 95°)
  • 210 ml di caffè espresso (circa 7 tazzine)
  • 2 g di vanillina

Per preparare l’infusione alcolica si scioglie dapprima lo zucchero nell’acqua, aggiungendo gradualmente il caffè e l’alcol; si lascia riposare il tutto per dodici ore. Si aggiungono poi vanillina e altra acqua fredda fino a riempire la bottiglia.

Da questo momento in avanti il liquore deve riposare per 40 giorni in un ambiente fresco, asciutto e buio. Agitarlo prima di servirlo a temperatura ambiente o con qualche cubetto di ghiaccio.

Varianti deliziose del liquore al caffè

L’ingrediente “principe” è sempre lo stesso, per gli appasionati del caffè a tutte le ore del giorno.

Liquore senza acqua

Ingredienti

  • 450 ml di caffè espresso della moka
  • 450 ml di zucchero
  • 250 ml di alcool a 95 °.

Procedimento

Versare il caffè in una pentolina alta, aggiungere lo zucchero gradualmente fino a farlo sciogliere completamente.

Trasferire la miscela in un altro contenitore e lasciare raffreddare; unite, poi, l’alcool e mescolare ancora. A questo punto è possibile travasare nelle bottiglie. Dovrà riposare per 15-20 giorni prima di essere consumato.

Liquore delicato

Questa variante è meno intensa, sposa il sapore deciso del caffè con quello delicato della vaniglia fresca in stecche.

Ingredienti

  • 250 ml di acqua
  • 250 di zucchero di canna
  • 25 grammi di polvere di caffè
  • 250 ml di alcool a 95°
  • 2 stecche di vaniglia fresca

Procedimento

Fate sciogliere in 250 ml di acqua, lo stesso quantitativo di zucchero di canna (servono circa 8-10 minuti).

Nel frattempo, in un contenitore ermetico si mettono in infusione le 2 stecche di vaniglia fresca insieme a 25 grammi di polvere di caffè (1 cucchiaio da minestra abbondante) e 250 ml di alcool a 95°.

La miscela deve riposare per una settimana ed in seguito, filtrata; si uniscono lo sciroppo di zucchero, 100 ml di caffè (2 tazzine e mezza) e 150 ml di acqua. Una volta mescolato e lasciato riposare può essere consumato freddo.

Must Read

Mercato nero di organi, baratti di vite, di anime e denaro intriso di sangue

Il mercato nero degli organi è una realtà quasi taciuta, sotterranea, ma particolarmente diffusa; i donatori "involontari" sono spesso bambini.

E’ iniziata l’ora X, Conte al Senato che farà chiarezza sulla crisi di governo

Le 15 di questo pomeriggio segnano l'ora X; il presidente del Consiglio Conte è già al suo posto: il Senato. Quel Senato...

Paul Kaptein, lo scultore del legno, tra materia, vuoto e potenziale

Paul Kaptein è un artista che scolpisce nel legno un'idea complessa; esprime il vuoto ed il potenziale trasformativo nella materia.

Artista scolpisce la vita negli alberi morti, l’arte nella foresta

Un artista giapponese restituisce la vita ai tronchi di alberi oramai morti; diventano graziosi animali della foresta e spopolano sui social.

Ansia da prestazione: un nemico sotto le lenzuola da mettere alla porta

L'ansia da prestazione è la chiave emblematica per riconoscere l'insicurezza che la alimenta; è possibile affrontare la difficoltà e risolverla.