MSC
Home Food e Drink Chernobyl prova a ripartire, arriva la vodka post disastro nucleare

Chernobyl prova a ripartire, arriva la vodka post disastro nucleare

Trentatrè anni dopo il disastro nucleare che colpi la città di Pripyat e tutta Europa, quella parte di Russia prova a ripartire con un prodotto del territorio. Un team di ricercatori ha infatti prodotto una vodka con acqua e cereali proveniente dalla zona di alienazione.

Una svolta per Chernobyl?

La Vodka chiamata Atomik per sottolineare la produzione nella terra del disastro risulta essere il primo genere di consumo realizzato con materie prime del territorio dall’incidente del 26 aprile 1986. Incidente che portò alla massiccia contaminazione delle falde acquifere, dei terreni e dell’aria intorno alla centrale con il conseguente evacuazione delle persone.

Gli studi e la produzione

Dal giorno dell’incidente nucleare nella centrale di Chernobyl gli scienziati studiano il grado di radiazioni e la risposta della natura nella zona rossa. Ora il momento di poter riprendere i frutti di quel territorio martoriato e abbandonato.

Ma è sicuro bere Atomik? Secondo il lungo studio condotto anche dall’Università di Portsmouth, nel Regno Unito non c’è nessun pericolo di nessun tipo. Le segale e l’acqua proveniente dalla zona di alienazione sono state analizzate presso la Southampton University e non contenevano nessun tasso radioattivo al termine del processo di distillazione

L’obiettivo

Al momento è stata prodotta una sola bottiglia di Atomik ma secondo le stime si auspica la produzione di oltre 500 bottiglie entro fine anno. Un prodotto di nicchia che prima della sua messa in commercio già sta avendo delle richieste.

Il progetto punta ad aiutare le comunità locali. La vita per le persone in quelle zone è rimasta ostinatamente difficile, mentre la natura si è lentamente ripresa.

Must Read

Il calendario dei pompieri per aiutare gli animali in difficoltà

Muscoli, cuccioli e tanto fuoco: nel nuovo calendario i pompieri si spogliano nel segno della beneficenza in favore di animali in difficoltà....

San Nicola: la leggenda del santo e il mito di Babbo Natale

Il mito di Babbo Natale nasce dalla leggenda di san Nicola, santo vissuto nel IV secolo, che si festeggia tradizionalmente il 6...

Una banana attaccata al muro, la nuova opera dell’artista Maurizio Cattelan

L'originale e camaleontico artista italiano Maurizio Cattelan, artista italiano più pagato al mondo, ha deciso ancora una volta di stupire con la...

Fedez intervista choc: “Ho un rischio di sclerosi multipla”

Fedez, durante un'intervista a "La Confessione", programma condotto da Peter Gomez sul Nove, si è lasciato andare a delle rivelazioni molto delicate...

Calendario Moda Sposa: in uscita l’edizione 2020

Il Calendario Moda Sposa ritorna anche per il 2020, dopo le prime due fortunate edizioni, con tredici scatti legati ai nomi dell’alta...