MSC
Home Benessere Autoabbronzante: i consigli e le controindicazioni sull'uso del prodotto

Autoabbronzante: i consigli e le controindicazioni sull’uso del prodotto

Ormai l’estate sta per cedere il posto alla stagione autunnale e questo per molte persone significa anche dire addio alla propria abbronzatura.

Oggi esistono delle soluzioni per cercare di mantenere una pelle abbronzata tutto l’anno senza però danneggiarla. Questo può essere possibile attraverso l’utilizzo di creme autoabbronzanti.
Un autoabbronzante dona un colorito ambrato alla pelle grazie a una reazione chimica che si differenzia dal processo che porta all’abbronzatura naturale.
Questo prodotto, infatti, grazie a un principio attivo, il DHA, determina una reazione con la cheratina della pelle che porta alla formazione dei pigmenti che causano lo scurimento della pelle. Il tutto avviene in maniera assolutamente sicura senza causare alcun danno alla pelle.

Gli autoabbronzanti in commercio si possono trovare sotto forma di creme e lozioni, spray o salviette imbevute che ognuno può applicarsi autonomamente. Per evitare rischi, tuttavia, bisogna saperli usare in modo corretto.
Gli autoabbronzanti che si applicano localmente sono considerati, in genere, un’alternativa sicura all’esposizione al sole, approvati anche dalla Food and Drug Administration (FDA), l’autorità statunitense di controllo dei farmaci.

Come applicare correttamente l’autoabbronzante

Per applicare il prodotto in maniera corretta è necessario seguire alcuni semplici passaggi.

credits: dmbeauty.it

Prima di procedere con l’applicazione dell’autoabbronzante è consigliato effettuare un peeling per eliminare le cellule morte. In questo modo si può ottenere una colorazione omogenea ed evitare macchie poco estetiche.
E’ importante utilizzare l’abbronzante esclusivamente sulla pelle pulita ed asciutta. Dopo aver messo l’autoabbronzante è necessario lasciarlo agire per qualche ora prima di poter poi fare una doccia.
Si deve evitare di depilarsi 24 ore prima dell’applicazione del prodotto, in maniera tale da non sottoporre la pelle a stress e irritazioni.
Insomma, pochi semplici passaggi e il gioco è fatto.

L’autoabbronzante permette di mantenere l’abbronzatura anche dopo le vacanze, rendendola inoltre luminosa e intensa.
La durata della tintarella ottenuta attraverso l’applicazione di questo prodotto è variabile e dipende dalle sue caratteristiche e solitamente soprattutto dalla sua composizione in termini di ingredienti.
Di solito, gli effetti sono ben visibili dai 7 ai 15 giorni a partire da qualche ora dopo l’applicazione. Il colore ottenuto attraverso l’autoabbronzante svanisce pian piano sia con lavaggi che facendo scrub. Per questo motivo, spesso una sola applicazione non basta.

Quando va applicato

L’autoabbronzante sul corpo si può utilizzare un paio di volte a settimana, mentre sul viso una volta ogni due giorni.
Dobbiamo inoltre sfatare un mito ricorrente, cioè quello che porta a pensare che l’autoabbronzante faccia male alla pelle. Le controindicazioni esistono, certo, ma sono da ricondurre ad allergie a specifici componenti. Inoltre bisogna evitare di applicare il prodotto su ferite o dermatosi.

L’unica vera accortezza da non trascurare mai è che, una volta applicato l’abbronzante, la pelle non è immune dagli effetti causati dall’esposizione al sole, anzi. Per questo motivo, bisogna sempre applicare la protezione, soprattutto prima di esporsi al sole.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

video

Tg Ambiente – 19/9/2021

In questo numero del Tg Ambiente, prodotto dall'Italpress in collaborazione con TeleAmbiente: - Palazzo Chigi e Carabinieri insieme per tutelare la biodiversità...

A Misano Bagnaia concede il bis davanti a Quartararo, 3° Bastianini

MISANO ADRIATICO (ITALPRESS) – Francesco Bagnaia concede il bis nel GP di San Marino. Dopo la prima vittoria in MotoGP ad Aragon, ‘Peccò va...

Salvini “Autonomia la porteremo a casa con prossimo Governo”

ROMA (ITALPRESS) – “La porteremo a casa l’autonomia con il prossimo Governo di centrodestra, perchè farla con Pd e M5S sarebbe un eccesso di...

La Samp vince 3-0 a Empoli, doppietta per l’ex Caputo

Nel segno di Ciccio Caputo. Prima vittoria in campionato per la Sampdoria, che espugna il ‘Castellani' di Empoli per 3-0 grazie alla...

Il “chakra della corona” da bere, per scavare nel proprio io…

Il drink ideato da Giuseppe Marzovilla - proprietario e bartender del ParlaPiano Bistrot di Mola di Bari - prende il nome di Sahasrara e si ispira al...

Fondazioni, nonostante la crisi crescono le erogazioni

ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio di Acri ha approvato il Ventiseiesimo Rapporto Annuale, che presenta i dati aggregati dai bilanci 2020 delle Fondazioni di...

“5 chiacchiere con…” il nuovo format di Alessio Fiorucci per i giovani talenti

Alessio Fiorucci lancia “5 chiacchiere con…”, il suo nuovo format Instagram dedicato alla formazione virtuale di giovani talenti. Il format nasce a...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

La rinascita dei borghi tra storia, cultura e design

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Il crescente mercato del turismo sostenibile deve e può essere il valore aggiunto, la spinta...