MSC
Home Arte e Cultura Temple University Rome Gallery of Art: la mostra personale di Anita Guerra

Temple University Rome Gallery of Art: la mostra personale di Anita Guerra

10 Novembre: l’ inaugurazione alla “Temple”

A causa delle recenti disposizioni, l’inaugurazione del giorno 10 novembre alle ore 19.00 in presenza verrà sostituita da un Live Studio Visit attraverso una diretta Facebook sulla pagina della Temple (www.facebook.com/templeuniversityrome), mentre martedì 17 novembre 2020 alle ore 19.00 si svolgerà una Virtual Opening, sulla piattaforma Kunstmatrix 3d, con la presenza dell’artista che illustrerà il suo lavoro e la sua ricerca (https://temple.zoom.us/j/97048958686).

Un’esposizione nata a Cuba ed arrivata fino in Italia

Nata a Cuba, cresciuta negli Stati Uniti e residente in Italia, a Roma, l’esposizione ripercorre, attraverso dipinti, fotografie, disegni, aerogrammi, stampe e video, il viaggio personale dell’artista in tre terre: dall’infanzia idilliaca a L’Avana, Cuba, alla rivoluzione di Castro, alla successiva fuga negli Stati Uniti – dove, dopo un periodo in orfanotrofio, l’artista si riunisce la sua famiglia a Filadelfia -, ai suoi studi presso la prestigiosa Tyler School della Temple University, e infine a Roma.

Tre patrie, tre luoghi del cuore

Guerra condivide i suoi ricordi con coraggio e tenerezza; intreccia la sua storia con quella di suo padre, l’architetto modernista Juan Ignacio Guerra, passando dai ricordi alla ricerca, tornando ai luoghi della sua infanzia nel corso di diversi anni. “Tre patrie, tre luoghi. Cuba, Stati Uniti, Italia. Vivere ed abitare. Vivere in qualche territorio ma abitare nella memoria, dove non esiste misura del tempo, dove non hanno forma partenze e ritorni, ma solo quello che siamo nel mentre viviamo nell’estrema consapevolezza di stare ed essere in un preciso spazio ed in un preciso istante.

Anita Guerra abita, esperisce, ricompone, rielabora, ricerca, racconta: costruisce geografie ideali dei paesaggi della memoria, epifanie di rimembranze oggettive e soggettive, confluenti e condivise all’interno di una prefigurazione onirica ma assolutamente reale. Il suo è un lavoro assiduo e certosino sulla ricerca del senso della propria esistenza, attraverso la scrittura di un romanzo dell’io individuale e collettivo, un’autobiografia che prende corpo come microstoria personale e familiare ma che disvela una narrazione più ampia, politica e sociale, segnando e incidendo tracce, eredità, relazioni su uno strato in filigrana di memoria non automatica.

Una memoria mobile ed emozionale

E’ invece una memoria mobile, non neutra ma legata ad aspetti emozionali e motivazionali, che si realizza, a partire dall’oggi, tra le inquietudini e le incertezze del presente, in un futuro che attinge dal passato e che trae da esso la linfa vitale della sua trasformazione. Anita tesse cronache emotive all’interno di luoghi lirici della memoria che si muovono alternativamente in modo lento e inesorabile e di un moto rapido e diretto, non per rivivere ma per capire, attraverso un pensiero del passato e del futuro che esiste solo nel presente (cit. Massimo Cacciari).

Allora si realizza quella memoria riconciliata, definita da Paul Ricœur come “il piccolo miracolo del riconoscimento”, che spezza il debito della colpa nei confronti di un tempo trascorso e libera l’uomo verso una lettura nuova della propria vita, ogni giorno variabile e ogni giorno differente. […] Così, ogni traccia, solida e materiale, ogni disegno ritrovato, ogni opera riscoperta trattiene in sé le immagini di un’evocazione artificiale che diventa un dovere ed un’urgenza riportare alla luce.

E’ un meccanismo plastico che permette di riadattare i propri schemi mentali, riaggiornare i ricordi attraverso le esperienze che travalicano il passato ed evolvono verso un presente attualizzato. L’artista si fa, così, testimone della Storia, intimamente e pubblicamente capace di conservare intervalli di frangenti e frammenti di vite in una relazione mistica, in quanto sacralizzata dalla memoria.” (dal testo critico di Roberta Melasecca)

Conosciamo Anita Guerra

Anita Guerra è nata a L’Avana, Cuba; vive e lavora a Roma. Ha studiato all’Academia de Bellas Artes de Sta. Isabel de Hungría, Siviglia, Spagna, e presso i campus della Tyler School of Art, della Temple University, Philadelphia e Roma. Recentemente, ha vinto un viaggio e una borsa di ricerca a Cuba per scrivere un libro di memorie di famiglia illustrato. Insegna pittura, disegno e scultura in vari istituti scolastici di Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Mattarella “Contrastare ogni forma di abuso sulle donne”

ROMA (ITALPRESS) – “La ricorrenza di oggi induce a riflettere su un fenomeno che purtroppo non smette di essere un’emergenza pubblica. Le notizie di...

Nel 2020 femminicidi in aumento del 7.3%, fascia più colpita over 65

ROMA – Se il trend è in diminuzione per gli omicidi di donne nel 2019 (111) rispetto al 2018 (141), in...

No alla violenza sulle donne: un giorno per sensibilizzare e continuare a farlo

Un giorno importante quello del 25 novembre per sensibilizzare su un tema che ogni giorno non deve essere mai dimenticato. La violenza...

C’era una volta Hollywood di Tarantino diventerà un libro

Quentin Tarantino sta per scrivere l'adattamento del suo ultimo film "Once Upon a Time in Hollywood" attraverso un accordo che produrrà due...

Ronaldo e Morata trascinano la Juve agli ottavi di Champions

TORINO – La Juventus stacca in extremis ma con due turni d’anticipo il biglietto per gli ottavi di finale di Champions...

L’Inter ribalta il Torino, volano Sassuolo e Roma

PALERMO (ITALPRESS) – Tanti gol ma anche e soprattutto gare combattute fino ai minuti finali nell’ottava giornata del campionato di Serie A. Spettacolo a...

Ice e Alibaba Group, nasce Made in Italy Pavilion

ROMA – L’Agenzia ICE e Alibaba Group hanno siglato oggi un Memorandum of Understanding (MoU) per la creazione del “Made in...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

Bonus Tiroide 2019, ecco come richiederlo

E' di 500 euro il bonus tiroide 2019 con l'esenzione ticket. Possono richiederlo gli invalidi civili almeno al 33% e si ha...