MSC
Home Arte e Cultura Libri Premio Strega 2019: il vincitore è Antonio Scurati con M. Il figlio...

Premio Strega 2019: il vincitore è Antonio Scurati con M. Il figlio del secolo

a cura di Monica Cecere. Antonio Scurati – nato a Napoli nel 1969, insegnante presso la IULM di Milano ed editorialista de «La Stampa» – con M. Il figlio del secolo (Bompiani) è il vincitore della 73esima edizione del Premio Strega con 228 voti. Sul podio con lui: Benedetta Cibrario con Il rumore del mondo (Einaudi) con 127 voti e Marco Missiroli con Fedeltà (Einaudi) con 91 voti.

Non c’è due senza tre

Scurati è un recidivo. Infatti già nel 2009 con Il bambino che sognava la fine del mondo e nel 2014 con Il padre infedele aveva partecipato e raggiunto il secondo posto del più ambito premio letterario, non convincendo del tutto la giuria (composta da 400 Amici della Domenica, 200 votanti dall’estero, 40 lettori selezionati da 20 librerie e 20 voti collettivi) né la critica radicale alla società della comunicazione, dalla quale tutti siamo influenzati (quando non manipolati) del primo caso; né un’analisi sull’educazione sentimentale della generazione dei giovani adulti nel secondo.

Un personaggio da romanzo

Proprio la capacità di narrare fatti di cronaca senza velami ideologici e pregiudizi, raccontando la nostra storia «da dentro», ha dato forza a quel: «racconto corale, con al centro Benito Mussolini, che ci fa comprendere come i fatti prendano consistenza e poi prepotenza con la complicità dell’indifferenza e della superficialità», come afferma Francesco Piccolo, che ha presentato il libro.

Le 848 pagine del libro sono il frutto di un lavoro iniziato in tempi non sospetti, ben 5 anni fa: «Ero giunto a un punto della mia vita di uomo e di scrittore in cui [sentivo di dover n.d.r] fare i conti con un dato di realtà incontrovertibile: l’Italia è stato il paese che ha inventato il fascismo. Se noi vogliamo fare i conti, comprendere fino in fondo ed esorcizzare la possibilità che quella aberrazione della politica – a tratti geniale, ma comunque aberrante e sciagurata – ritorni, bisogna capirla dal di dentro: dobbiamo raccontare il fascismo attraverso i fascisti. Il che non significa aderire, ma capire fino in fondo per non farli tornare mai più».

Un romanzo documentario

A chi lo ha accusato di inesattezze – come l’editorialista del «Corriere» Galli della Loggia – l’autore ha chiesto scusa pubblicamente, difendendo comunque le sue scelte: «È un romanzo non un saggio storico […] e ha l’obiettivo di integrare […] il lavoro analitico della ricerca storica.  Esistono centinaia e migliaia di libri storici sull’argomento, meravigliosi, ma che sono destinati a un pubblico più ristretto. Il romanzo ha questo di bello: è un genere popolare, democratico».

«Lo Strega è per la letteratura, quello che il Festival di Sanremo è per la canzone», Pino Strabioli: una grande vetrina

All’accusa rivolta alla letteratura italiana di disperdersi in mille rivoli di megalomanie e pregiudizi; e alla domanda che senso abbia partecipare ancora al Premio Strega rispondono i numeri: da uno studio di Michela Ponzo e Vincenzo Scoppia, effettuato sulle classifiche dei libri più venduti in Italia dal 1975 al 2005, risulta che a colui che porterà a casa il Premio è assicurata una percentuale media di crescita delle vendite del 500%. L’esempio più recente è quello di Paolo Giordano, vincitore nel 2008 con La solitudine del numeri primi: dopo la vittoria il romanzo arrivò a un milione di copie vendute. 

Se la strega ha una scopa, la letteratura deve avere uno scopo: reading challenge!

Se il tema del libro è una sfida per il lettore, il numero delle pagine potrebbe esserlo ancora di più: «Stiamo attraversando una soglia epocale: i nostri studenti fanno fatica dal punto di vista cognitivo a leggere un libro, immersi nel mondo digitale. La lettura profonda non rientra più nelle loro capacità cognitive: questo è qualcosa che va contrastato» afferma Scurati. Ma il mercato langue: sono più di 13 milioni gli italiani che non hanno un libreria sotto casa. Continua lo scrittore: «La situazione è drammatica e anche il dato generazionale è preoccupante. Però mi consolo: in certe settimane il mio romanzo ha battuto nelle vendite persino il libro di Totti!».

Must Read

Incredibile rivelazione sulla strage di Capaci: “Ex poliziotto mise l’esplosivo sotto l’autostrada”

Nuove dichiarazioni dal circuito dei collaboratori di giustizia e nuovi scenari si aprono sulla strage di Capaci. A rivelare incredibili retroscena sull'attentato...

H&M Group e Ikea si uniscono per uno studio sui materiali riciclati

Il Gruppo H&M e il gigante del mobile Ikea si sono uniti per condurre uno studio su larga scala sui tessuti riciclati....

Netflix pronta ad una task force contro la condivisione della password

La piattaforma streaming più famosa al mondo è pronta a reprimere la condivisione delle password. La pratica che su Netflix con un...

Tiffany & Co. lancia il calendario dell’avvento da 112.000 dollari

Attendere il Natale è sempre qualcosa di unico e il calendario dell'avvento è una tradizione da rispettare in tantissimi paesi. Scoprire ogni...

Juventus, ci pensa Dybala. Troppo City per la Dea

Archiviata la prima giornata del terzo turno di Champions League con due italiane in campo. Juventus e Atalanta hanno avuto destini differenti...