MSC
Home Arte e Cultura Netflix troppi contenuti eliminati: arriva la motivazione ufficiale

Netflix troppi contenuti eliminati: arriva la motivazione ufficiale

Netflix negli ultimi mesi è stato criticato fortemente per aver eliminato dal proprio catalogo importanti contenuti a detta degli utenti. Effettivamente il gigante dello streaming rispetto al passato ha effettuato tagli trasversali su diversi spettacoli. Arriva però ora una spiegazione ufficiale su tale politica che potrebbe dare un senso a tali manovre.

La spiegazione

La piattaforma di streaming Netflix si è costruita la reputazione di cancellare molte serie amate, ma la società ha recentemente fatto un passo avanti per chiarire che la percezione non è del tutto veritiera rispetto a quello che accade realmente all’interno della piattaforma.

Il Global Head of TV Bela Bajaria e il co-CEO Ted Sarandos sono intervenuti al Paley International Council Summit, rivelando che il tasso di rinnovamento del programma si aggira intorno al 67%, che è quello che i due affermano essere lo standard del settore. “Siamo accusati di cancellazioni che solitamente riguardano le prime stagioni di molti contenuti ma se si guarda il tasso di rinnovo è davvero alto”, ha detto Bajaria.

Mentre Netflix rimane sfuggente riguardo ai suoi dati di audience, un rapporto del 2019 di Bloomberg ha indicato che i tassi di cancellazione del gigante dello streaming sono allineati con quelli di altre reti. Inoltre, Sarandos ha spiegato come l’attuale misura del “successo” di uno show possa essere un po’ superata: “Penso che molti spettacoli possano essere un successo anche se raccontati in due stagioni o in una stagione. Produrre cinque stagioni è uno sforzo importante e questo comporta far rimanere la piattaforma al passo con i tempi”.

La spiegazione sembra molto alla larga ma il succo riguarda la possibilità di attrarre con continuità nuovi utenti. Produrre più serie e più stagioni significa avere uno zoccolo duro di utenti registrati per più lungo tempo. Se i contenuti non venissero cancellati ci sarebbero meno aggiornamenti e chi si abbona più tardi godrebbe lo stesso dei contenuti degli utenti registrati da più tempo. La piattaforma sta cercando di offrire un grado di fidelizzazione a chi segue lo streaming con frequenza e continuità cercando di scolarizzare la massa a nuovi contenuti frequenti ma ad abbandonare il passato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Renzi “Conte pur di restare ha cambiato tre maggioranze”

ROMA (ITALPRESS) – “Lei, signor presidente, pur di restare dov’è ha cambiato la terza maggioranza diversa, ci risparmi la cosa che l’agenda di...

Coronavirus, 10.497 nuovi casi e 603 decessi in 24 ore

ROMA (ITALPRESS) – Crescono, secondo i dati del Ministero della Salute, i casi di coronavirus in Italia in 24 ore. Sono 10.497 i nuovi...

Vola il mercato globale dei pc, +13% nel 2020

2021: un nuovo anno boom per il mercato dei Pc In attesa di...
video

Governo, Fiano “È il momento della responsabilità”

"È il momento di fare il massimo sforzo per il Paese, e migliorare anche le cose che non sono andate bene....
video

Emiliano a Lecce per l’attivazione di 16 posti in terapia intensiva

"Stiamo rafforzando ulteriormente il dispositivo di sicurezza Covid" ha detto il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano a Lecce per...

La figlia di Jovanotti vince il tumore “Voglio ricominciare a vivere”

ROMA – Teresa Cherubini, la figlia di Lorenzo Jovanotti, ha sconfitto un linfoma di Hodgkin. La notizia è stata condivisa...

Anche a dicembre pesante impatto del Covid sui consumi

ROMA – Ancora fortemente negativo il mese di dicembre, che registra un trend del -46,6%, sia pure in ripresa rispetto a...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

Bonus Tiroide 2019, ecco come richiederlo

E' di 500 euro il bonus tiroide 2019 con l'esenzione ticket. Possono richiederlo gli invalidi civili almeno al 33% e si ha...