MSC
Home Arte e Cultura Intervista - Carlo Cuomo racconta il suo inedito "Non avere paura"

Intervista – Carlo Cuomo racconta il suo inedito “Non avere paura”

Amici di StyLise oggi intervistiamo Carlo Cuomo che ci racconterà come è nata la sua passione per la musica ed il suo inedito “Non avere paura”.

Ciao Carlo, grazie per averci concesso questa intervista. Di origini partenopee, ti va di raccontare ai nostri lettori come ti sei avvicinato al mondo della musica e chi è Carlo Cuomo?

Salve a tutti, mi chiamo Carlo Cuomo e sono figlio della meravigliosa Napoli. Fin da piccolo la mia vita è stata circondata da note musicali, poiché mio padre mi ha trasmesso questa passione.

Parliamo del tuo primo inedito: “Non avere paura”. Come è nato e quanto di Carlo è raccontato in questo brano.

Il brano nasce da un’idea di Silvano Santacroce (che ne è autore). Un giorno chiama mio padre Antonello Cuomo e Pietro Calabria (miei produttori) dicendo: “Ho un brano che potrebbe interessare a Carlo!”. E in effetti io, dopo averlo ascoltato, ho sposato in pieno il progetto, anche perché il testo rispecchiava molto la mia vita. Il brano oltre a raccontare una storia d’amore, chiaramente descritta dalle parole e dal video, cela anche un tema sociale: una realtà sempre attuale, delle ragazze madri che crescono i figli da sole e che hanno paura di buttarsi a capofitto in un nuovo rapporto.

Cosa pensi dei Talent Show? Ti piacerebbe partecipare a qualcuno di essi?

Penso che i talent siano una bella vetrina e una realtà ormai fondamentale per avere visibilità.

Cosa ne pensi del panorama musicale attuale?

La musica è sempre bella, in tutte le sue sonorità. Avendo un orecchio molto melodico per deformazione, se così si può dire (ride, ndr), sono attratto sempre da un genere che mi appartiene. Ma, a costo di essere ripetitivo, la musica è vita, quindi è tutta bella! D’altro canto riconosco che ad oggi molte cose sono cambiate: prima si ricercava più la voce particolare, ora ciò che si predilige è il buon prodotto commerciale.

Con quale artista ti piacerebbe duettare?

Da buon napoletano amante della mia città, sarebbero tanti gli artisti con cui mi piacerebbe duettare. La scelta è difficile, anche se un giorno vorrei tanto affiancarmi a Gigi D’Alessio o a Sal Da Vinci.

Come vedi il tuo futuro e quali sono i tuoi progetti?

E’ appena uscito il mio singolo e punto a portare avanti questo progetto al momento. Per il futuro prossimo mi sto “attrezzando” e come si suol dire “Vedremo cosa accadrà”. Un saluto a tutti!

“La purezza di un Amore si palesa sempre con la dolce carezza del rispetto”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

video

Tg Giovani – 25/7/2021

In questo numero del Tg Giovani prodotto dall'agenzia Italpress in collaborazione con ScuolaZoo: MaBasta, studenti contro il bullismo; "E tu come stai?",...

Per chi vuole andare in vacanza serve anche il PLF. Ecco cos’è

In questi giorni stiamo sentendo parlare di Green Pass, ma anche di PLF. Questa sigla che indica il Passenger Locator Form, sta...
video

Sorsi di Benessere – Un modo alternativo per preparare le tisane

Nella nuova puntata di Sorsi di Benessere un’idea alternativa per preparare tisane “panciapiatta”, digestiva e diuretica e drenante. Ci dice come fare...

Brusaferro “Vaccino metodo più efficace per convincere i no vax”

“Dobbiamo affrontare la pandemia con metodo scientifico. Far vedere che il vaccino funziona e che le misure attuali – non particolarmente restrittive...

La leggenda del Caligo, la nebbia fitta che inghiotte la città di Genova

Genova, città bella e dannata. Terra natia di cantautori ed attori; nido di leggende e storie che si tramandano nel tempo. Una...

Bce vara nuova strategia, più flessibilità sull’inflazione

ROMA – Ci rivediamo a settembre. Con questo saluto, implicito, la presidente della Bce, Christine Lagarde ha chiuso la sua conferenza...

Alta Badia: Incontri con l’autore 2021

Ritornano in chiave green gli “Incontri con l’autore”, in programma dal 1° al 20 agosto. La rassegna letteraria è per la prima...

Cosenza, bambino di 3 anni colpito all’addome perché “nero”

A Cosenza, bambino di tre anni che passeggia per strada; si avvicina ad un passeggino e viene allontanato con un calcio nell'addome.

La rinascita dei borghi tra storia, cultura e design

A cura dell'Arch. Marco Minichiello - Il crescente mercato del turismo sostenibile deve e può essere il valore aggiunto, la spinta...