MSC
HomeArte e CulturaCanova a Napoli: l’incontro di bellezze senza tempo

Canova a Napoli: l’incontro di bellezze senza tempo

L’ultimo weekend di marzo, Napoli, sarà la culla incontrastata dell’arte che non conosce tempo.
Il Museo Archeologico ospiterà le opere di Antonio Canova , lo scultore capace di far vibrare il marmo come se fosse carne viva.

Protagonista indiscusso dell’epoca neoclassica, ha inseguito e raggiunto un ideale di bellezza che prescinde da mode e culture.

L’armonia delle emozioni

Raffinato e sensuale, ha proposto linee morbide e nette senza cedere al contrasto. Le sue sculture si “muovono” nello spazio come fossero particelle di vita.

Artista trevigiano e orfano di padre, Antonio Canova scopre il suo innato talento in tenera età, nel laboratorio del nonno, intagliatore di pietre.

Presto l’artista intuisce che da materia inanimata origina l’eterno, una forma di vita plasmata dalle sue mani virtuose.

L’armonia delle forme, nelle sue opere, esprime emozioni sottraendole agli stridori di una passione che non conosce limiti.

L’ideale della bellezza eterna

Una bellezza ideale non priva di quel senso di abitare la terra in tutta la complessità dell’emotività umana.

Equilibrio, proporzioni ed eleganza distraggono dalla fredda rigidità del marmo.

Impone, ai nostri occhi l’espressione di una Natura che non conosce imperfezione pur non ostentandone la superiorità.

Un’occasione da non perdere

Sabato 30 e domenica 31 marzo il Museo proporrà oltre 110 opere canoviane, tra cui alcuni capolavori custoditi all’Ermitage di San Pietroburgo.
Le visite guidate sono organizzate dalla società Trentaremi, un network di turisti, cittadini, esperti del settore, associazioni, imprese e realtà impegnate nella salvaguardia dell’ambiente.

La mostra dedicata a “Canova e l’antico” esibisce 12 grandi marmi e svariati modelli, bassorilievi, calchi in gesso, modellini e disegni.

Sarà possibile ammirare opere più celebrate dal mondo dell’arte, come il Genio della morte, la Danzatrice, la Ebe, l’Amorino alato, Amore e Psiche, le Tre Grazie. Kiev, inoltre ci concede La Pace, la maestosa opera che raggiunge i 3 metri di altezza.

Dal Getty Museum di Los Angeles, giunge nella città partenopea, l’Apollo che si incorona.

Canova e l’antico

In compresenza alle opere canoviane, si possono, inoltre ammirare altre due sculture dall’Ermitage: la statua romana Ermafrodito dormiente (III secolo a.C.) e il gruppo bronzeo di Ercole e Lica.
La visita guidata ha il costo di 10 euro, 2 euro per under 25.

L’ingresso è gratuito per gli under 18, possessori di Card Open MANN e insegnanti che mostrano attestazione professionale sul modello del Miur.

Un’occasione unica per incontrare una bellezza senza eccessi, per accogliere un’emozione che proviene da un tempo remoto.

Un appuntamento che rinnova lo stupore di un’arte che non conosce tramonti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read